Meteo, il venerdì nero del maltempo si apre con fenomeni violenti

La giornata più difficile dal punto di vista del maltempo è, per l’Italia, quella di oggi. Il 3 luglio è stato ribattezzato infatti il venerdì nero del maltempo, dopo che le previsioni hanno anticipato fenomeni meteorologici intensi ed “estremi” in diverse regioni italiane. Fenomeni che, peraltro, hanno iniziato a colpire il belpaese in netto anticipo con temporali pre-frontali violenti che, già nel corso della serata del 2 luglio, hanno provocato danni e disagi in particolare in Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna. A farne le spese, in particolare, bresciano e bergamasco, ma anche il nord della Romagna. In poche ore sono caduti fino a 83 mm di pioggia al Rifugio Capanna 2000 mentre in pianura sono stati registrati tra 48 e 73 mm in comuni quali Seriate, Gazzaniga, Casto, Trescore Balneario, Brignano Gera d’Adda, Vestone, Cenate Sopra, Leffe.

Temporali si sono verificati tra Veronese, Vicentino e Padovano e poi nel nord della Romagna e ancora in Trentino Alto Adige. Anche la grandine non è mancata: una delle località più colpite è Fabbrico, dove sono caduti chicchi delle dimensioni di palle da tennis che hanno provocato danni e allagamenti. La giornata di oggi potrebbe essere caratterizzata da analoghi fenomeni e le temperature crolleranno fino a dieci gradi centigradi, riportando i valori più simil primaverili che estivi.

L’articolo Meteo, il venerdì nero del maltempo si apre con fenomeni violenti sembra essere il primo su Scienze Notizie.