Marte è costantemente bombardato da meteoriti

Una nuova analisi dei dati raccolti da un sismometro su Marte ha rivelato che le rocce spaziali si scontrano con il pianeta rosso molto più frequentemente di quanto avessimo mai sospettato.

Sulla base del numero di scosse vicine legate all’impatto rilevate dal lander Mars InSight durante il suo mandato, un team di scienziati ha stimato che Marte subisce impatti quasi quotidiani da rocce delle dimensioni di un pallone da basket che si schiantano sulla sua superficie. “Questo tasso era circa cinque volte superiore al numero stimato solo dalle immagini orbitali”, afferma la scienziata planetaria e co-autrice Géraldine Zenhäusern dell’ETH di Zurigo in Svizzera. “Insieme alle immagini orbitali, i nostri risultati dimostrano che la sismologia è uno strumento eccellente per misurare la velocità degli impatti”. Mars InSight, nei quattro anni trascorsi a monitorare l’interno di Marte fino alla sua dipartita alla fine del 2022 , ha rivoluzionato la nostra comprensione del pianeta rosso. In precedenza avevamo pensato che Marte fosse probabilmente piuttosto noioso all’interno; InSight ha rivelato tutta una ricchezza di attività tettonica e magmatica che in precedenza era sfuggita alla nostra attenzione, rivelando anche la composizione interna del pianeta L’altra cosa principale che il sensibile laboratorio rilevò furono i deboli tremori delle rocce che colpivano la crosta marziana . Ciò ha fornito agli scienziati un nuovo strumento per stimare il tasso di impatti su Marte, che a sua volta può aiutare a calibrare la nostra comprensione della storia geologica del pianeta. La velocità di formazione dei crateri sulla superficie di un pianeta può aiutare a valutare l’età di quella superficie. Le superfici con più crateri sono considerate più vecchie; quelle con meno crateri sono corrispondentemente più giovani. Se conosciamo la velocità con cui compaiono quei crateri, possiamo determinare l’età di una data superficie. “Utilizzando i dati sismici per comprendere meglio la frequenza con cui i meteoriti colpiscono Marte e come questi impatti ne modificano la superficie, possiamo iniziare a ricostruire una linea temporale della storia geologica e dell’evoluzione del pianeta rosso”, spiega la scienziata planetaria e co-autrice principale Natalia Wójcicka di Imperial Collegio Londra. “Si potrebbe pensare ad esso come ad una sorta di ‘orologio cosmico’ per aiutarci a datare le superfici marziane e forse, più avanti, altri pianeti del Sistema Solare.” Qui sulla Terra , migliaia di meteore cadono ogni anno, ma per lo più si disintegrano in alto nell’atmosfera, mentre noi umili abitanti della superficie rimaniamo ignari. Marte ha un’atmosfera , ma è più di 100 volte più sottile di quella terrestre.

Marte è costantemente bombardato da meteoriti

Ciò significa che Marte non ha la stessa protezione contro gli impatti; le rocce possono cadere dallo spazio praticamente senza ostacoli. Inoltre, Marte è molto vicino alla fascia degli asteroidi tra la sua orbita e l’orbita di Giove , quindi ci sono molte rocce nelle vicinanze che contribuiscono ad un alto tasso di impatto. Le stime precedenti del tasso di impatto su Marte si basavano su immagini satellitari. I satelliti in orbita attorno a Marte scattano foto continue della superficie, registrando la comparsa di nuovi crateri. Questo è un mezzo imperfetto per contare gli impatti da solo, ma fino a InSight era la migliore opzione disponibile. “Mentre i nuovi crateri possono essere visti meglio su terreni piatti e polverosi dove risaltano davvero, questo tipo di terreno copre meno della metà della superficie di Marte”, spiega Zenhäusern . “Il sensibile sismometro InSight, tuttavia, potrebbe sentire ogni singolo impatto nel raggio d’azione dei lander.” I ricercatori hanno combinato i due set di dati, contando i nuovi crateri e tracciandoli fino alle rilevazioni InSight. Ciò ha permesso loro di calcolare quanti impatti si erano verificati vicino al lander nel corso di un anno e di estrapolare tale dato in un tasso di impatto globale. Ciò ha rivelato che ogni anno su Marte si verificano tra i 280 e i 360 impatti che producono un cratere di oltre 8 metri, una velocità di circa uno al giorno. E i crateri di più di 30 metri di diametro compaiono circa una volta al mese. Ciò non è solo rilevante per comprendere la storia di Marte , ma fornisce anche preziose informazioni per aiutare a preparare l’esplorazione umana del pianeta rosso. “Questo è il primo articolo di questo tipo a determinare la frequenza con cui i meteoriti colpiscono la superficie di Marte sulla base di dati sismologici – che era un obiettivo di livello uno della missione Mars InSight”, afferma il sismologo e geodinamico Domenico Giardini dell’ETH di Zurigo. “Tali dati contribuiscono alla pianificazione delle future missioni su Marte.”

La ricerca è stata pubblicata su Nature Astronomy .

L’articolo Marte è costantemente bombardato da meteoriti sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top