Mappatura del lago Rotorua: rivelazioni sulle sue profondità nascoste

Mappatura del lago Rotorua: rivelazioni sulle sue profondità nascoste
La grande mappa mostra una vista dettagliata del fondo del lago (Istituto di Scienze Geologiche e Nucleari Limitato (GNS Science))

Gli scienziati hanno ora mappato completamente un leggendario lago in Nuova Zelanda che un tempo era un importante scenario per una famosa storia d’amore Māori. La loro analisi rivela dettagli mai visti prima sui sistemi idrotermali profondi che sono nascosti sotto la sua superficie disarmantemente tranquilla. 

Acque tranquille e storie violente 

Lago Rotorua (vulcano. Circa 200.000 anni fa, quel vulcano ha subito un’eruzione massiccia, che ha causato il collasso della sua camera magmatica sottostante, creando una grande caldera larga 9,94 miglia (16 chilometri). Poi, circa 65.000 anni fa, il cratere si riempì d’acqua per formare Te Rotorua nui ā Kahumatamomoe in Māori) è un luogo speciale. È il secondo lago più grande dell’Isola del Nord della Nuova Zelanda ed è stato formato dalle esplosioni violente di un antico lago Rotorua ormai inattivo, che è rimasto al suo livello attuale negli ultimi 22.000 anni.

Nonostante la sua bellezza, il lago Rotorua è ancora sede di attività idrotermale che ci ricorda dei violenti processi vulcanici che lo hanno creato. Infatti,

Ora, i ricercatori di GNS Science, un istituto con sede in Nuova Zelanda, hanno mappato il fondo del lago Rotorua e rivelato nuovi dettagli sulla sua base antica. Secondo il loro lavoro, il lago nasconde migliaia di “pockmarks” – essenzialmente, crateri più piccoli – alcuni dei quali avevano un diametro di 50 metri (164 piedi). Questi pockmarks segnano dove le bolle di gas hanno disturbato il sedimento sul fondo del lago.

La mappa mostra anche evidenze di un antico fiume che precede il lago. Il fiume può essere visto serpeggiare al largo di Sulphur Point e poi dirigersi verso ovest dell’isola di Mokoia prima di curvare verso nord-est. L’isola, che è stata formata da una cupola di riolite creata da lava che scorreva lentamente, è ora un ambiente verde lussureggiante che serve da santuario per molti degli animali in via di estinzione e degli uccelli rari della Nuova Zelanda. 

È anche intrisa di significato culturale per il popolo Te Arawa, che la considera uno spazio sacro. In modo importante, l’isola di Mokoia è l’ambientazione di una delle leggende più famose della Nuova Zelanda, la storia d’amore di Hinemoa e Tūtānekai.

Le mappe rivelano la storia nascosta dietro questa scena serena.
Troy Wegman/Shutterstock.com

Anomalie magnetiche

In totale, le mappe coprono circa 21 miglia quadrate (55 chilometri quadrati) e rappresentano circa il 68 percento del fondo del lago. Il processo di mappatura è stato realizzato attraverso varie tecniche, alcune delle quali sono state eseguite dalla Marina neozelandese; hanno utilizzato il sonar multibeam per mappare le caratteristiche fisiche del lago e hanno anche condotto rilevamenti magnetici del fondo del lago. Quest’ultima tecnica ha rivelato interessanti anomalie magnetiche verso il centro del lago.

In condizioni normali, le rocce vulcaniche contengono magnetite, un minerale (da non confondere con il segnale magnetico omonimo, Pokémon) che è altamente magnetico e si allinea al campo magnetico terrestre. Tuttavia, in luoghi come il lago Rotorua, l’acqua calda può passare attraverso la roccia e trasformare la magnetite in pirite (oro dei folli), che praticamente non ha alcuna

“Normalmente con le rocce vulcaniche, quando si passa un magnetometro sopra di esse, si ottengono anomalie molto positive, ma in questo caso stiamo ottenendo anomalie negative, probabilmente a causa di suscettibilità magnetica molto bassa”, ha detto il dottor Cornel de Ronde, uno scienziato principale di GNS, a Live Science.

Questa anomalia sembra coincidere con una “sottile anomalia del flusso di calore”, hanno spiegato i ricercatori in una dichiarazione, che fa pensare a una “possibile intrusione ignea e un altro sistema idrotermale nelle vicinanze – indizi eccitanti sui processi idrotermali in atto sotto il fondo del lago.”

Questo potrebbe spiegare perché c’è un’anomalia negativa in quella parte del lago.

“Siamo entusiasti non solo di come queste nuove mappe ampliano la nostra conoscenza collettiva della regione”, hanno detto i ricercatori, “ma anche di celebrare il paesaggio iconico e contribuire a ulteriori studi in futuro.”

L’articolo Mappatura del lago Rotorua: rivelazioni sulle sue profondità nascoste sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top