Malattie ossee nei teropodi: nuove scoperte sui dinosauri predatori

Malattie ossee nei teropodi: nuove scoperte sui dinosauri predatori
I ricercatori hanno analizzato ossa da (Alessio Caffi)

I fossili possono dirci molto sui dinosauri e a volte possono essere piuttosto sorprendenti. Questo è sicuramente il caso di uno nuovo studio che ha analizzato le ossa dei predatori bipedi preferiti di tutti, i teropodi. La ricerca ha rivelato che questo gruppo di dinosauri potrebbe essere stato colpito da malattie ossee e che particolari tipi di teropodi potrebbero essere associati a specifici modelli di malattia e lesioni.

Per giungere a questa conclusione, il team di ricerca ha utilizzato una combinazione di scansioni TC e analisi microscopiche (nota anche come istologia) per esaminare le ossa di tre specie di teropodi: Aucasaurus garridoi, Elemgasem nubilus e Quilmesaurus curriei. Tutti e tre erano dinosauri predatori con braccia corte e cranii robusti (come il loro famoso compagno teropode, il T. rex) che vivevano in Sud America circa 90-70 milioni di anni fa, durante il Cretaceo superiore.

Le scansioni hanno rivelato evidenze di malattie ossee in tutti e tre i dinosauri. Nella base della coda di A. garridoi, i ricercatori hanno trovato due vertebre fuse insieme, che hanno attribuito a un disturbo congenito – è uscito dall’E. nubilus anche aveva evidenze di fusione ossea, così come ipertrofia; in questo caso, i ricercatori hanno suggerito che ciò potrebbe essere il risultato di artrite infiammatoria.

L’analisi ha anche evidenziato una formazione ossea irregolare in una delle gambe di Q. curriei. Questa è stata una scoperta particolarmente rara, poiché i paleontologi non hanno trovato molte prove di malattie nelle ossa portanti il peso nei teropodi. Tuttavia, rimangono alcuni misteri, poiché il team non è stato in grado di stabilire con certezza la causa dell’irregolarità. Indipendentemente da ciò, potrebbe aver causato problemi a questo dinosauro nel muoversi.

Nella ricerca di eventuali modelli delle malattie che colpivano i teropodi, i ricercatori hanno quindi esaminato la letteratura esistente sia sulle malattie ossee che sulle lesioni in questo gruppo. Le tre specie analizzate nello studio attuale appartengono alla più ampia famiglia degli Abelisauridi; la letteratura ha rivelato che le specie di questa famiglia potrebbero essere associate positivamente all’infiammazione ossea, suggerendo che probabilmente erano abbastanza inclini alle infezioni.

La revisione della letteratura ha anche fatto alcune interessanti scoperte per quanto riguarda le lesioni ossee nei teropodi. Potremmo aspettarci molte ossa rotte, ma si scopre che non è il caso per la famiglia dei Tirannosauridi. Invece, le specie di questo gruppo sono più propense ad essere associate a segni di morsi sul cranio (ouch), indicando che diventavano abbastanza aggressive. Il contrario è stato riscontrato per gli Allosauridi – ciò suggerisce che erano predatori attivi, quindi sebbene non fossero combattenti, non erano esattamente degli amanti.

Lo studio fornisce un esempio di quanto possiamo scoprire sui dinosauri e sul loro stile di vita solo dalle ossa. Ma se pensi che la presenza di malattie ossee nei teropodi li abbia resi completamente sicuri, ricorda – avevano comunque delle mandibole piuttosto grandi. Qualcosa da tenere a mente, appassionati di de-estinzione.

Lo studio è pubblicato sulla rivista BMC Ecology and Evolution.

L’articolo Malattie ossee nei teropodi: nuove scoperte sui dinosauri predatori sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top