Mal di testa e meteo: il legame nascosto

Mal di testa e meteo: il legame nascosto
Un dolore alla testa può davvero segnalare l’arrivo di un temporale? (Garsya/Shutterstock.com)

Se ti sei mai accorto di avere mal di testa proprio prima di un temporale, potrebbe non essere una coincidenza. Le condizioni meteorologiche sono comunemente segnalate come un fattore scatenante per mal di testa e attacchi di emicrania. Purtroppo, non è nelle nostre capacità cambiare il tempo, ma possiamo aiutare a garantire che tu sia informato su perché un’imminente tempesta potrebbe farti cercare gli antidolorifici così come il tuo impermeabile.

Molte persone con emicrania o che sono inclini ai mal di testa dicono che il tempo può essere un fattore scatenante. La Fondazione Americana per l’Emicrania afferma che poco più di un terzo dei soggetti affetti da emicrania ritiene che particolari condizioni meteorologiche possano provocare un attacco. Il Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito elenca il cattivo tempo tra i 10 comuni fattori scatenanti dei mal di testa.

Anche se molti si identificheranno aneddoticamente con questo fenomeno, gli studi scientifici sull’argomento hanno avuto risultati un po’ più contrastanti. Tuttavia, c’è un particolare fattore meteorologico che emerge continuamente: la pressione.

Pressione atmosferica e mal di testa

I cambiamenti nella pressione atmosferica sono stati ripetutamente accusati di causare mal di testa e attacchi di emicrania. Questo spiega perché alcune persone hanno mal di testa in aereo: la pressione dell’aria è più bassa a quote più elevate, e anche se le cabine degli aerei sono pressurizzate, si possono comunque sentire gli effetti dei cambiamenti di pressione durante il decollo e l’atterraggio.

Per alcuni, ciò significa che le orecchie fischiano, causando una temporanea perdita dell’udito e, nei casi più gravi, dolore e vertigini. Per altri, può portare a un caso di quello che è stato chiamato “mal di testa da aereo”.

È un nome relativamente nuovo per un problema che molto probabilmente esiste da quando gli esseri umani hanno iniziato a viaggiare in grandi tubi di metallo nel cielo, ed è di solito un dolore acuto verso la parte anteriore della testa che migliora una volta che la pressione si è equalizzata di nuovo.

Tuttavia, i cali nella pressione atmosferica non avvengono solo ad alta quota. Possono anche precedere una tempesta, ed è una delle spiegazioni proposte dietro i mal di testa indotti dal tempo.

Una revisione del 2019 ha esaminato approfonditamente i mal di testa da variazioni di pressione barometrica, citando diversi studi che mostrano un’associazione tra diminuzione della pressione e sintomi di mal di testa o emicrania. Ad esempio, uno studio del 2009 su oltre 7.000 pazienti ha concluso che una pressione barometrica più bassa ha portato a un aumento transitorio del rischio di mal di testa che richiede valutazione in pronto soccorso.

Tuttavia, gli autori della revisione hanno sottolineato che nel complesso, i risultati degli studi sulla pressione barometrica e i mal di testa sono inconsistenti riguardo alla loro direzionalità e non riescono a stabilire una forte associazione. Una revisione più recente del 2023 ha tratto una conclusione simile.

Come potrebbe la pressione atmosferica causare mal di testa?

Nonostante i risultati contrastanti sull’argomento, è difficile ignorare il fatto che molti pazienti con mal di testa e emicrania riferiscono un peggioramento dei sintomi quando la pressione dell’aria diminuisce. Ci sono diverse teorie, ma una delle più comunemente citate è il suo effetto sul nervo trigemino.

Questo è il più grande nervo cranico, che si dirama nel cuoio capelluto e nel viso ed è implicato in molti disturbi del mal di testa e del dolore facciale. C’è una certa letteratura che suggerisce che il nervo trigemino sia vulnerabile ai cambiamenti di pressione atmosferica dove incontra il tubicino stretto dell’orecchio medio.

Uno studio sui ratti del 2010 ha contribuito a piantare i semi del collegamento tra il nervo trigemino e i mal di testa correlati al tempo. Si è scoperto che una diminuzione della pressione dell’aria aumentava l’attività elettrica in certi neuroni nel nucleo del tronco cerebrale che trasmette informazioni sensoriali dal viso.

Gli autori hanno concluso che meccanismi simili potrebbero essere in gioco negli esseri umani, e potrebbero essere potenzialmente responsabili dei mal di testa da variazioni di pressione barometrica.

Basandosi su questo, uno studio pilota del 2021 ha scoperto che le persone esposte a cambiamenti di pressione barometrica per periodi di 8 minuti alla volta spesso riferivano una sensazione di pressione nella testa e nelle orecchie, con alcuni che sperimentavano mal di testa lievi o moderati.

Gli autori hanno chiesto uno studio più ampio per vedere se questo potrebbe essere la ragione dietro i mal di testa correlati al tempo per alcune persone.

I mal di testa da variazioni di pressione barometrica possono anche originare da squilibri di pressione nei seni paranasali, come spiegato dalla neurologa Dr. Elizabeth Hartman per il Centro Sanitario dell’Università del Nebraska-Lincoln, che possono causare dolore nella parte anteriore della testa e dietro gli occhi.

Una improvvisa diminuzione della pressione atmosferica può anche peggiorare un mal di testa o un’emicrania esistente in questo modo.

Altri fattori scatenanti dei mal di testa correlati al tempo

La pressione barometrica potrebbe non essere l’intera storia. Secondo la Fondazione Americana per l’Emicrania, sia la temperatura che l’umidità sono stati implicati come possibili fattori scatenanti per alcune persone.

Un’immagine complessiva mostra che questi tipi di fattori scatenanti variano notevolmente tra i soggetti affetti da mal di testa. Un studio del 2000 ha dimostrato come i pazienti con emicrania esposti allo stesso fenomeno meteorologico – i venti caldi occidentali nel sud del Canada chiamati chinook – abbiano riferito un peggioramento dei sintomi in tempi diversi in risposta a condizioni diverse.

Il fatto che così tante persone segnalino il tempo come un fattore scatenante per i loro mal di testa o emicranie mostra che non dovrebbe essere scartato a priori, e ci sono alcune ricerche a sostegno; tuttavia, c’è ancora bisogno di studi più ampi e rigorosi per stabilire chiaramente cosa potrebbe essere in corso.

Per ora, se sei qualcuno il cui mal di testa inizia al primo accenno di nuvole temporalesche all’orizzonte, potresti riuscire a rallegrarti un po’ impressionando i tuoi amici con i tuoi poteri quasi chiromanti di previsione del tempo. Ricorda solo: un mago non rivela mai i propri segreti.

Tutti gli articoli esplicativi sono confermati da verificatori di fatti come corretti al momento della pubblicazione. Testi, immagini e link possono essere modificati, rimossi o aggiunti in un secondo momento per mantenere le informazioni aggiornate. Il contenuto di questo articolo non è inteso come sostituto di consigli medici professionali, diagnosi o trattamento. Cerca sempre il parere di operatori sanitari qualificati per eventuali domande che potresti avere riguardo alle condizioni mediche.

Links:

L’articolo Mal di testa e meteo: il legame nascosto sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top