L’uragano che ha cambiato le regole della società delle scimmie

I macachi sopravvissuti a un ciclone tropicale mortale a Porto Rico sono diventati più tolleranti gli uni verso gli altri e meno aggressivi

L’uragano Maria ha colpito Porto Rico nel 2017, uccidendo più di 3.000 persone. Ha inoltre distrutto il 63% della vegetazione di Cayo Santiago, conosciuta come Monkey Island, che ospita una popolazione di macachi rhesus. Anche adesso, la copertura arborea rimane ben al di sotto dei livelli pre-uragano provando l’area dell’ombra, una risorsa rara e preziosa per i macachi. E proprio riguardo questo aspetto una nuova ricerca delle Università della Pennsylvania e di Exeter ha suggerito che questo ciclone devastante ha trasformato le regole stabilite di una società di scimmie, cambiando il modo in cui alcune interagiscono tra loro. Lo studio, pubblicato sulla rivista Science, mostra che i danni causati dalle tempeste hanno alterato i benefici evolutivi derivanti dalla tolleranza verso gli altri e dalla condivisione dell’ombra, dando un vantaggio di sopravvivenza ai macachi più tolleranti. “In risposta ai drastici cambiamenti causati dall’uragano, i macachi hanno costantemente aumentato la tolleranza e diminuito l’aggressività reciproca“, afferma Camille Testard dell’Università della Pennsylvania. “Ciò ha consentito a più macachi di accedere alla scarsa ombra, essenziale per la sopravvivenza”, aggiunge. ”Abbiamo esaminato 10 anni di dati sulla forza e sul numero dei legami sociali dei macachi, prima e dopo l’uragano. Prima dell’uragano, tollerare gli altri non aveva alcun impatto sul rischio di morte. Successivamente, i macachi che mostravano una tolleranza sociale superiore alla media – e quindi erano maggiormente in grado di condividere l’ombra – avevano il 42% in meno di probabilità di morire rispetto a quelli meno tolleranti”, afferma Testard. Ciò rappresenta un improvviso cambiamento nella “pressione selettiva”, i benefici o i costi evolutivi di diversi tratti o comportamenti.

L’uragano che ha cambiato le regole della società delle scimmie

Il comportamento sociale è stato valutato registrando l’aggressività e la frequenza con cui gli individui venivano visti seduti insieme. “I macachi non sono i migliori nel condividere le risorse, che si tratti di cibo o ombra. “È risaputo che vivono in una società aggressiva e altamente competitiva“, ricorda Lauren Brent, professoressa all’Università di Exeter. “Ma nel caldo causato dai cambiamenti ecologici, spesso intorno ai 40°C, i macachi dovevano condividere lo spazio o morire.” “Per accedere all’ombra, devono tollerare – ed essere tollerati dagli – altri, e abbiamo scoperto che questa tolleranza si estende ad altre interazioni quotidiane“, aggiunge Testard. I macachi che hanno iniziato a condividere l’ombra trascorrono del tempo insieme anche al mattino, prima che il caldo del giorno li costringa a cercare l’ombra. “In effetti, l’uragano ha cambiato le regole del gioco nella società delle scimmie“, sottolinea. Poiché molti ecosistemi cambiano rapidamente a causa dell’attività umana, questo studio è un esempio di una specie che adatta la propria strategia sociale per sopravvivere. “Per gli animali che vivono in gruppo, le relazioni sociali possono consentire loro di far fronte ai disturbi ambientali, compresi i cambiamenti climatici indotti dall’uomo“, osserva Brent. “Siamo rimasti sorpresi dal fatto che il comportamento sociale dei macachi fosse così flessibile, da renderli resistenti a questo cambiamento ambientale, ma è possibile che alcune specie non mostrino questa stessa flessibilità“, chiarisce.

L’articolo L’uragano che ha cambiato le regole della società delle scimmie sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top