L’OMS: oltre il 50% degli europei sarà contagiato dalla variante omicron

Per Hans Kluge, direttore regionale dell’Organizzazione mondiale della sanità per l’Europa, questo scenario è prevedibile nelle prossime 4/6 settimane, se le infezioni continueranno ad aumentare al ritmo attuale.

L’OMS ha annunciato, poche ore fa, che più della metà della popolazione europea rischia di essere infettata dalla variante omicron del coronavirus nelle prossime sei-otto settimane se le infezioni continuano ad aumentare al ritmo attuale. “A questo ritmo, l’Institute for Health Metrics and Assessments (IHME) prevede che oltre il 50% della popolazione nella regione sarà infettato da omicron nelle prossime sei-otto settimane“, ha spiegato Hans Kluge, direttore regionale di l’ufficio europeo dell’OMS nel corso di una conferenza stampa.

“L’Europa ha registrato più di sette milioni di casi di covid-19 nella prima settimana del 2022, più del doppio in un periodo di due settimane“, ha osservato il funzionario. “50 paesi su 53 in Europa e in Asia centrale hanno già segnalato casi di omicron, che sta rapidamente diventando il virus dominante nell’Europa occidentale e ora si sta diffondendo nei Balcani”, ha aggiunto. Intanto per l’esperto è importante che i paesi nei quali la nuova variante non è ancora stata trovata, di adottare misure di pianificazione di emergenza. Tra questi, ha esortato i governi ad attuare l’uso obbligatorio di mascherine di alta qualità negli spazi chiusi, a fornirle a tutti i gruppi a rischio e creare le condizioni necessarie per una vaccinazione precoce di tutti i cittadini con la dose base e il rinforzo.

Fonte:

https://twitter.com/WHO_Europe/status/1480846819970084864

L’articolo L’OMS: oltre il 50% degli europei sarà contagiato dalla variante omicron sembra essere il primo su Scienze Notizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.