L’oggetto che sta per colpire la Luna non è un razzo SpaceX

Per gli espertisi tratta di ununo stadio missilistico cinese lanciato nel 2014.

L’annuncio del probabile impatto di un razzo SpaceX contro la Luna, il 4 marzo scorso, ha fatto il giro del mondo alla fine di gennaio. In effetti si trattava della prima volta che una navicella si schiantava in modo incontrollato sul nostro satellite. Tante sono state le critiche rivolte alla compagnia di Elon Musk per questo incidente, anche dall’Agenzia spaziale europea (ESA). Tuttavia, sembra che l’oggetto in rotta di collisione non sia uno stadio di un Falcon 9, come si credeva in precedenza, ma un razzo cinese. A renderlo noto è stato l’astronomo dilettante Bill Gray, responsabile del software Project Pluto, utilizzato per tracciare gli oggetti vicini alla Terra. Nel 2015, Gray e altri osservatori hanno trovato un oggetto non identificato nel cielo che hanno temporaneamente chiamato WE0913A. Successivamente, hanno concluso che si trattava di un oggetto artificiale ipotizzando che fosse il secondo stadio del razzo usato dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) degli Stati Uniti per posizionare un satellite meteorologico chiamato DSCOVR nello spazio profondo.

“L’oggetto era luminoso quanto ci aspetteremmo, ed è apparso all’ora prevista e si muoveva in un’orbita ragionevole”, spiega Gray sul suo sito web. Ma lo scienziato ha corretto la prima ipotesi dopo aver ricevuto un avviso da Jon Giorgini, ingegnere del Jet Propulsion Laboratory (JPL) della NASA. Come spiegato in ‘Ars Technica’, Giorgini scrisse a Gray spiegando che la traiettoria del DSCOVR non si avvicinava alla Luna. Pertanto, sarebbe estremamente improbabile che il secondo stadio colpisse il satellite. Ciò ha spinto Gray a cercare “precedenti missioni spaziali che potrebbero spiegare l’oggetto“. Poiché risulta relativamente grande e luminoso, qualcuno l’avrebbe visto se avesse stazionato lì a lungo, quindi “dovrebbe essere stato lanciato non molto prima di marzo 2015, in un’orbita alta oltre la Luna. Pochi oggetti raggiungono questo livello; la maggior parte rimane relativamente vicina alla Terra“, scrive il ricercatore. Sulla base di questi dati, Gray ha concluso che il ”miglior” candidato per spiegare l’origine di WE0913A è lo stadio del razzo Long March 3C che ha lanciato la missione cinese Chang’e 5-T1 sulla Luna, nell’ottobre 2014. È stata una missione lunare sperimentale che ha fatto otto viaggio di andata e ritorno di un giorno intorno al nostro satellite come predecessore di Chang’e 5, la missione che l’anno scorso è riuscita a restituire un campione lunare. “In un certo senso, questa è ancora una prova ‘circostanziale’, ma abbastanza convincente. Quindi sono convinto che l’oggetto sia in realtà lo stadio del razzo Chang’e 5-T1″, conclude Gray. Questo errore sarebbe passato inosservato se non fosse stato per il fatto che gli astronomi hanno scoperto che l’oggetto stava per colpire la Luna. Ovunque provenga, il dispositivo incontrollato dovrebbe schiantarsi contro il lato nascosto il 4 marzo alle 13:25 ora italiana. Non sarà visibile dalla Terra, ma i satelliti nella sua orbita, come il Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO) della NASA e l’indiano Chandrayaan-2 , possono raccogliere dati sul cratere da impatto e studiare il materiale espulso dal sottosuolo. Il manufatto cinese sarà il primo a colpire la Luna involontariamente. Dagli anni ’50, vari oggetti artificiali hanno intenzionalmente colpito il nostro satellite, comprese le fasi superiori delle missioni Apollo utilizzate per indurre i “terremoti lunari” per i sismometri di superficie. Nel 2009, la NASA ha fatto schiantare la sua missione LCROSS, scoprendo tracce di acqua tra i detriti, e la navicella spaziale LADEE ha fatto lo stesso sul lato opposto nel 2013. La navicella spaziale Smart-1 dell’ESA, invece, si è schiantata nel 2006 durante una campagna di osservazione.

L’articolo L’oggetto che sta per colpire la Luna non è un razzo SpaceX sembra essere il primo su Scienze Notizie.