L’Occhio del Sahara: un’enigmatica formazione geologica nel deserto

L’Occhio del Sahara: un’enigmatica formazione geologica nel deserto
Una vista dell’occhio. (aricancaner/Shutterstock.com)

L’Occhio del Sahara, quando visto dall’alto, appare come una grande cratera d’impatto situata nel deserto del Sahara in Mauritania. Questa anomalia simile a una cratera è interamente terrestre e ha un diametro di 30 miglia, con una serie di onde uniformi.50 chilometri

Inizialmente, i geologi credevano che l’Occhio del Sahara, anche conosciuto come Struttura di Richat, fosse un’enorme cratera d’impatto. Tuttavia, ulteriori studi hanno rivelato che la formazione risale al periodo del Neoproterozoico, tra 1 miliardo e 542 milioni di anni fa, attraverso l’analisi della roccia sedimentaria che costituisce la cupola centrale.datato

Vale la pena notare che alcuni credono ancora che la struttura sia i resti della città perduta di Atlantide, poiché la sua forma circolare si dice che assomigli alla terra descritta da Platone – ma qui non ci occupiamo di questo.

La formazione dell’Occhio è probabilmente avvenuta attraverso un processo chiamato “piegatura”, che crea un’anticlinale. La piegatura si verifica quando le forze tettoniche agiscono da entrambi i lati e comprimono la roccia sedimentaria. Le pieghe che si formano verso l’alto sono chiamate anticlinali, mentre le pieghe verso il basso sono chiamate sinclinali.anticlino simmetrico

Tuttavia, un articolo del 2014 pubblicato sul Journal of African Earth Sciences ha proposto una spiegazione completamente diversa per la formazione dell’Occhio. Secondo questo articolo, la presenza di roccia vulcanica suggerisce che la roccia fusa sia stata spinta in superficie, creando la forma a cupola prima di essere erosa negli anelli che vediamo oggi. Si ipotizza che la separazione del supercontinente Pangea abbia giocato un ruolo in queste formazioni vulcaniche e spostamenti tettonici.

L’Occhio del Sahara è composto da una miscela di rocce. L’erosione sulla superficie della struttura rivela rocce di riolite a grana fine e gabbro cristallino a grana grossa che hanno subito alterazione idrotermale. I diversi tipi di roccia presenti negli anelli si erodono a velocità diverse, creando diversi pattern di colore sulla superficie. La formazione è caratterizzata anche da grandi frammenti di roccia sedimentaria con angoli vivi chiamati megabreccia.roccia sedimentaria e ignea

Il centro della cupola contiene una breccia larga chilometri, diatremi ad anello e roccia vulcanica alcalina. La complessa struttura geologica dell’Occhio ha affascinato i geologi fin dalla sua scoperta ed è ancora considerata una delle caratteristiche geologiche più impressionanti al mondo. Nel 2022, è stata riconosciuta come uno dei primi 100 siti geologici di interesse dall’Unione Internazionale di Scienze Geologiche (IUGS).piattaforma di calcare-dolomiteUnione Internazionale delle Scienze Geologiche

A causa delle sue dimensioni imponenti, l’Occhio del Sahara è meglio osservato da grandi altezze, preferibilmente dallo spazio. Al momento, possiamo ammirarlo solo attraverso le immagini satellitari.

Una versione precedente di questo articolo è stata pubblicata nel gennaio 2023.

L’articolo L’Occhio del Sahara: un’enigmatica formazione geologica nel deserto sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top