Lo Squalo Dormiente del Pacifico: Misteri e Sfide per la Conservazione

Lo Squalo Dormiente del Pacifico: Misteri e Sfide per la Conservazione
Si pensa che i squali sonnolenti del Pacifico adulti amino stare nelle profondità abissali dell’oceano. (Ufficio NOAA di Esplorazione e Ricerca Oceanica)

Lo squalo dormiente del Pacifico, nonostante sia uno dei più grandi pesci predatori dell’oceano con un’ampia distribuzione lungo il Pacifico, è una specie poco conosciuta. Un team di scienziati si è impegnato a colmare le lacune nella nostra conoscenza di questa specie per poter meglio comprendere come preservarla.

Gli squali dormienti del Pacifico sono strettamente legati agli squali della Groenlandia, tanto da poter incrociarsi. Possono raggiungere una lunghezza fino a 14,1 piedi (4,3 metri), ma si ipotizza che gli adulti nelle parti più profonde dell’oceano possano addirittura raggiungere i 23 piedi (7 metri). Si presume che siano anche longevi.

Tuttavia, a differenza dei loro parenti, gli squali dormienti del Pacifico sono poco studiati a causa della mancanza di valore commerciale, dell’inaccessibilità dei loro habitat e delle sfide logistiche nel catturarli e gestirli. Gli adulti sono raramente avvistati, il che rende ancora più difficile studiarli.

Attualmente, la gestione di questa specie si basa principalmente sulla cattura storica, un approccio che potrebbe non essere adeguato per una specie vulnerabile come gli squali dormienti del Pacifico. Questa situazione preoccupa gli esperti, considerando che la specie è elencata come in diminuzione e prossima alla minaccia sulla Lista Rossa dell’IUCN.

Il team di scienziati ha condotto una ricerca approfondita sulla specie di squalo dormiente del Pacifico, esaminando la letteratura scientifica e facendo nuove scoperte che potrebbero contribuire alla conservazione. Uno dei risultati più significativi è emerso dagli studi genetici, che hanno suggerito la presenza di più squali dormienti del Pacifico di quanto si pensasse inizialmente.

Le prove sulla potenziale longevità degli squali hanno rivelato che potrebbero vivere a lungo, con una crescita più lenta rispetto ad altre specie di pesci. Ad esempio, uno studio ha indicato che uno squalo femmina immaturo potrebbe avere almeno 35 anni, suggerendo una maturità ritardata e una longevità estrema.

Il team spera che le informazioni raccolte possano contribuire a una migliore gestione degli squali dormienti del Pacifico. Le prove di una crescita lenta, una maturità ritardata e una lunga vita potrebbero renderli più vulnerabili al sovrasfruttamento, evidenziando la necessità di proteggere questa specie.

Il lavoro degli scienziati ha messo in luce l’importanza di approfondire la ricerca sugli squali dormienti del Pacifico per garantirne la conservazione futura. Ci sono ancora molte sfide da affrontare e molto da imparare su questa misteriosa specie marina.

Primo piano di un occhio di squalo bianco, ma leggermente trasparente) su sfondo blu.
Se non sapevi com’era fatto l’occhio di un squalo sonnolento del Pacifico, ora lo sai.
Pesca NOAA

Links:

L’articolo Lo Squalo Dormiente del Pacifico: Misteri e Sfide per la Conservazione sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top