Lo scioglimento del permafrost potrebbe rilasciare gas radioattivo e cancerogeno

Lo scioglimento del permafrost nell’Artico potrebbe rilasciare radon, un gas radioattivo che ha il potenziale di provocare il cancro, hanno avvertito gli scienziati.

Il permafrost che mantiene il terreno ghiacciato tutto l’anno nell’Artico agisce come un tappo che impedisce a una varietà di gas di ribollire nell’atmosfera. Il più famoso di questi è probabilmente il metano, un potente gas serra che viene rilasciato quando il permafrost si scioglie, accelerando così il cambiamento climatico. Ma in un nuovo articolo, pubblicato nel numero di marzo della rivista Earth-Science Reviews , i ricercatori notano che c’è un altro gas pericoloso in agguato sotto il permafrost artico: il radon . Questo gas incolore e inodore rappresenta una fase del decadimento radioattivo dell’uranio presente in natura. È noto che a volte si accumula all’interno delle case, in particolare negli scantinati, aumentando così il rischio a lungo termine di cancro ai polmoni per i residenti. Secondo l’ Environmental Protection Agency , il radon è la seconda causa di cancro ai polmoni negli Stati Uniti, responsabile di 21.000 morti all’anno. Al momento, il radon non è sempre un problema urgente nelle regioni artiche o vicine all’Artico, dove il terreno rimane ghiacciato tutto l’anno. Questo perché il permafrost impedisce al gas di risalire dal suolo, ha detto Paul Goodfellow , uno specialista di programmi ambientali in rischi geologici presso la Divisione di indagini geologiche e geofisiche dell’Alaska. Ma quando il permafrost si scioglie, questo scudo protettivo scompare. “Sono in corso alcune ricerche, che sembrano piuttosto promettenti, per dimostrare come questo permafrost potrebbe esporre i proprietari di case al radon”, ha detto Goodfellow, che non è stato coinvolto nel nuovo studio. Il lavoro di Goodfellow consiste nell’incoraggiare i proprietari di case dell’Alaska a testare il radon, il che può rappresentare una sfida data la scarsa densità di popolazione dello stato. Le comunità remote hanno un servizio di posta limitato, ha detto, il che rende difficile riportare i kit di test ai laboratori dei 48 stati della Bassa per analizzarli. “Siamo ancora al livello in cui stiamo cercando di condurre test sufficienti per identificare gli hotspot”, ha detto.

Lo scioglimento del permafrost potrebbe rilasciare gas radioattivo e cancerogeno

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno raccolto studi precedenti sul radon nelle regioni del permafrost, che comprendono sia l’Alaska che le montagne di Harbin, una provincia nel nord-est della Cina . La revisione suggerisce che il degrado del permafrost ha il potenziale per consentire al radon di migrare nelle case e nei luoghi di lavoro, hanno scritto i ricercatori, guidati da Jian Cui dell’Harbin Natural Resources Comprehensive Investigation Center del China Geological Survey. La ricerca sulla migrazione del radon nelle regioni con permafrost, tuttavia, è “grossolanamente inadeguata”, hanno aggiunto. Il permafrost non si scioglie in modo organizzato, dall’alto verso il basso, ha affermato Art Nash , uno specialista in energia presso il Fairbanks Cooperative Extension Service dell’Università dell’Alaska. Invece, si scioglie in modo non uniforme, aprendo crepe e fessure. L’attività sismica, comune in Alaska, può anche creare nuove faglie attraverso le quali il radon può viaggiare. “Se sapessi dove si trovavano i depositi di uranio, non saresti in grado di tracciare una linea retta con un righello… Con la fusione non uniforme, non puoi davvero dire dove finalmente sfonderà”, ha detto Nash. Ci sono anche domande su come il radon interagirà con gli altri gas intrappolati sotto il permafrost, ha detto Nash. Il più preoccupante di questi è il metano, un potente gas serra che, se rilasciato in grandi quantità, potrebbe accelerare rapidamente il riscaldamento globale. Un altro fattore preoccupante è il metilmercurio, una sostanza chimica dannosa per il sistema nervoso che può accumularsi nell’acqua e nei tessuti degli animali nella catena alimentare. “Come potranno competere questi gas per le rotte limitate che si apriranno nel permafrost?” Ha detto Nash. Rispondere a queste domande sarà una sfida a lungo termine, ha affermato Goodfellow. Ma maggiore attenzione è rivolta al permafrost man mano che il clima si riscalda. “Le università e gli enti governativi stanno spendendo più soldi ora che questo è diventato un problema prevalente”, ha detto. “Speriamo che, nei prossimi cinque o dieci anni, vedremo uscire più dati.”

L’articolo Lo scioglimento del permafrost potrebbe rilasciare gas radioattivo e cancerogeno sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top