L’Impero Accadico: Tra Glorie e Declino

L’Impero Accadico: Tra Glorie e Declino
Si pensa che l’Impero accadico sia il più antico impero della storia registrata, ma c’è ancora molto che non sappiamo sul suo popolo o sulle figure che lo hanno stabilito. (Eric de Redelijkheid tramite Wikimedia Commons (CC BY-SA 2.0))

Esiste un cliché che parla della nascita e della caduta degli imperi, ma ti sei mai chiesto quale sia stato l’impero più antico della storia registrata? Il titolo sembra appartenere all’Impero Accadico, il primo impero multinazionale conosciuto al mondo. Fondato da Sargon il Grande (o Sargon di Akkad), questo impero ha dominato per un breve periodo tra il 2334 e il 2218 a.C., stabilendo una serie di primati mondiali che sarebbero stati replicati e standardizzati dai sovrani successivi.

L’Impero Accadico, con Akkad come fulcro, ha riunito la regione della Mesopotamia meridionale (l’antico Iraq) che in precedenza era divisa tra città-stato rivali come Ur, Uruk, Lagash, Kish, Mari ed Ebla, ognuna con i propri sovrani dinastici. Akkad (o Agade) non è stata ancora localizzata dagli archeologi, ma si presume che fosse situata lungo il fiume Eufrate, tra Sippar e Kish, o forse tra Mari e Babilonia, mentre altri ritengono che potesse trovarsi altrove.

Nonostante la sua posizione esatta rimanga un mistero, Akkad esercitava un’influenza considerevole sulla regione circostante. Secondo Sargon, il controllo accadico si estendeva dal Golfo Persico attraverso l’Asia Minore fino al Mar Mediterraneo e a Cipro, e alcuni sostengono addirittura che l’impero si estendesse fino a Creta, nell’odierna Grecia.

mappa di una possibile ubicazione dell'Impero accadico, che copre un'area intorno al Mediterraneo, al Golfo Persico e alla Penisola Arabica
Questa è una rappresentazione dell’Impero accadico sotto il regno di Sargon, anche se va notato che gli storici non sono ancora sicuri di dove si trovi Akkad.
Patrick Gray tramite Flickr (CC BY-NC 2.0)

Unendo stati precedentemente antagonisti, Sargon e i suoi successori hanno aperto rotte commerciali che hanno facilitato il flusso di beni dalla Mesopotamia settentrionale al sud, attraverso il fiume Eufrate. La stabilità ha favorito lo sviluppo dell’arte, della letteratura, dell’agricoltura e delle scienze. Per un breve periodo, l’accadico è diventato la lingua franca della regione, sostituendo temporaneamente il sumerico in quasi tutti i contesti tranne che nelle cerimonie e nei riti sacri. Gli Accadi hanno persino introdotto il primo sistema postale, utilizzando tavolette di argilla con scrittura cuneiforme accadica racchiuse in argilla contrassegnata con il nome e l’indirizzo dei destinatari, garantendo la riservatezza delle comunicazioni.

Sargon, un sovrano astuto, ha posizionato i suoi fedelissimi in posizioni di potere in tutto l’impero, tra cui sua figlia Enheduanna, che è diventata l’alta sacerdotessa di Inanna ad Ur. Enheduanna, riconosciuta come la prima autrice del mondo, ha esercitato un’influenza significativa attraverso gli affari religiosi e culturali.

Dopo Sargon, suo figlio Rimush ha continuato le politiche paterne, ma ha dovuto affrontare ribellioni e instabilità. Rimush è stato seguito da suo fratello Manishtusu, che ha dovuto reprimere ulteriori ribellioni. La morte di Manishtusu rimane avvolta nel mistero, ma si ipotizza che sia stata causata da un complotto interno.

Soldati dell'Impero accadico sulla stele della vittoria di Naram-Sin circa 2250 a.C.
Soldati dell’Impero accadico sulla stele della vittoria di Naram-Sin, circa 2250 a.C.
Rama tramite Wikimedia Commons (CC BY-SA 2.0 FR)

Successivamente è salito al potere Naram-Sin, figlio di Manishtusu, riconosciuto come uno dei più grandi sovrani accadici, sebbene controverso. Naram-Sin ha regnato per 36 anni, espandendo i confini dell’impero e ottenendo successi militari. Tuttavia, la sua ambizione e presunzione hanno provocato la reazione del pantheon accadico, portando alla distruzione di Akkad durante il regno di suo figlio, Shar-Kali-Sarri. Quest’ultimo ha dovuto affrontare ribellioni e infine è stato sconfitto dai Gutiani, ponendo fine all’impero e aprendo una nuova era oscura.

Sebbene non vi siano prove storiche a sostegno degli elementi più fantastici di questa narrazione, storici e archeologi ipotizzano che il cambiamento climatico abbia contribuito al crollo dell’impero. Secondo questa moderna interpretazione, una carestia causata dal cambiamento climatico avrebbe disturbato il commercio e indebolito l’impero, rendendolo vulnerabile alle ribellioni e all’invasione finale.

Gli ultimi sovrani di Akkad, Dudu e suo figlio Shu-Turel, hanno visto il declino del potere imperiale, limitandosi a mantenere un’influenza limitata sulla regione circostante. Alla fine, la città di Akkad è scomparsa dalla memoria, diventando solo un’altra leggenda e un enigma del passato.

Links:

L’articolo L’Impero Accadico: Tra Glorie e Declino sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top