L’eruzione di un supervulcano costrinse gli esseri umani a migrare dall’Africa 74.000 anni fa

Una nuova analisi sul vetro vulcanico trovato in Etiopia rivela che gli esseri umani vivevano in quelle che avrebbero potuto essere condizioni di siccità nel Corno d’Africa 74.000 anni fa, costringendoli ad adattarsi, e possibilmente a viaggiare, per massimizzare le risorse disponibili.

Seguire fiumi e pozze d’acqua stagionali, dove il cibo era più abbondante, avrebbe potuto creare quelle che un team di scienziati chiama ” autostrade blu ” che hanno facilitato la dispersione dall’Africa al vasto mondo. “Quando le persone esaurivano il cibo all’interno e intorno a una determinata pozza d’acqua durante la stagione secca, erano probabilmente costrette a spostarsi in nuove pozze d’acqua”, afferma l’antropologo John Kappelman dell’Università del Texas ad Austin, che ha guidato la ricerca. “I fiumi stagionali funzionavano quindi come ‘pompe’ che travasavano le popolazioni lungo i canali da una pozza d’acqua all’altra, potenzialmente guidando la più recente dispersione fuori dall’Africa”. È noto che gli esseri umani e i loro antenati sono migrati dall’Africa molte volte nella preistoria , e sembra che un cambiamento nelle condizioni climatiche sia una ragione molto convincente per farlo . Ma ricostruire quando e perché gli esseri umani sono fuggiti in massa dall’Africa può essere piuttosto complicato. La teoria del “corridoio verde” propone che, man mano che le risorse alimentari si espandevano e diventavano abbondanti, gli esseri umani si espandevano con esse. Kappelman e i suoi colleghi hanno cercato di indagare su una forza trainante alternativa dietro la migrazione più recente e più diffusa, avvenuta meno di 100.000 anni fa. La loro ricerca si è concentrata sul sito archeologico Shinfa-Metema 1 in quella che oggi è l’Etiopia nordoccidentale, indagando su come vivevano le persone lì. Lì hanno trovato strumenti di pietra, le ossa degli animali consumati dalle persone, i resti dei fuochi da cucina e microscopici frammenti di vetro vulcanico, noti come criptotefra , che corrispondono alla chimica dell’eruzione del Toba. “Una delle implicazioni rivoluzionarie di questo studio”, afferma l’archeologo Curtis Marean dell’Arizona State University, “è che con i nuovi metodi di criptotefra sviluppati per il nostro precedente studio in Sud Africa, e ora applicati qui in Etiopia, possiamo correlare i siti in tutta l’Africa, e forse nel mondo, con una risoluzione di diverse settimane.” I criptotefra sono più piccoli della larghezza di un capello umano, ma possono rivelare molto sulla storia umana.

L’eruzione di un supervulcano costrinse gli esseri umani a migrare dall’Africa 74.000 anni fa

Ad esempio, la criptotefra può aiutare a rivelare l’entità della portata di un’eruzione. Precedenti studi hanno mostrato la cenere dell’eruzione in altre parti dell’Africa . Ma aiutano anche gli scienziati a fissare una data per i reperti archeologici. Nel caso di Shinfa-Metema 1, i ricercatori hanno raccolto prove di vario tipo. Ossa e denti mostrano il tipo di cibo che mangiavano gli abitanti del sito, con segni di tagli dovuti alla caccia e alla macellazione. Cacciavano e mangiavano mammiferi come scimmie e antilopi; quando quelle risorse cominciarono a scarseggiare, fecero più affidamento sul pesce. È interessante notare che alcuni dei manufatti in pietra rinvenuti nel sito corrispondono a punte di freccia. I ricercatori affermano che questa è la prima prova di tiro con l’arco trovata fino ad oggi. I ricercatori hanno anche condotto analisi degli isotopi dell’ossigeno sui denti dei mammiferi e sui frammenti di gusci d’uovo di struzzo trovati nel sito. I rapporti ricavati erano coerenti con un periodo di elevata aridità. Sebbene gli abitanti di Shinfa-Metema 1 probabilmente non fossero tra coloro che migravano, mostrarono un alto livello di adattabilità nei momenti difficili, il che suggerisce che gli esseri umani fossero prontamente in grado di seguire il flusso, per così dire. Che quando i tempi si sono fatti duri, hanno trovato nuovi modi di vivere, anche se questi modi avrebbero potuto significare trovare pascoli più verdi. “Questo studio conferma i risultati di Pinnacle Point in Sud Africa “, afferma Marean . “L’eruzione del Toba potrebbe aver cambiato l’ambiente in Africa, ma le persone si sono adattate e sono sopravvissute.”

La ricerca è stata pubblicata su Nature .

L’articolo L’eruzione di un supervulcano costrinse gli esseri umani a migrare dall’Africa 74.000 anni fa sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top