Le stelle più vecchie potrebbero ospitare vita? Uno studio rivela nuove possibilità

Le stelle più vecchie potrebbero ospitare vita? Uno studio rivela nuove possibilità

Life might not end at the end of a star’s life… but it would most likely have to evolve again. (NASA, ESA, and Z. Levy (STScI))

La vita sulla Terra è durata per molti miliardi di anni. Nella nostra ricerca di vita altrove, abbiamo dato maggiore importanza alle stelle giovani. Infatti, è più facile confrontare il passato con il presente piuttosto che speculare sul futuro. Tuttavia, le ricerche hanno dimostrato che non dovremmo escludere le stelle più vecchie come potenziali ospiti di pianeti abitabili, anche se queste stelle sono morte – anche se la morte potrebbe non essere così favorevole alla vita.

Un fattore critico sembra essere il vento stellare. Il campo magnetico del nostro pianeta ci protegge dal flusso costante di particelle provenienti dal Sole. Questo flusso è molto più intenso quando le stelle sono giovani e gradualmente diminuisce. Le ricerche su stelle come il Sole, o anche stelle più vecchie, suggeriscono che queste tendono ad avere una variazione nella forza e complessità del campo magnetico, un aspetto che influisce notevolmente sul vento stellare.

Man mano che queste stelle simili al Sole invecchiano, diventa meno probabile che si verifichino eventi eruttivi devastanti, aumentando così le possibilità di sopravvivenza della vita e offrendo anche maggiori opportunità per lo sviluppo di civiltà avanzate.

Quindi, le stelle come il Sole o più vecchie possono essere favorevoli – almeno fino a un certo punto. La nostra stella e molte altre simili sono destinate a diventare giganti rosse. Una volta che una stella ha esaurito l’idrogeno nel suo nucleo, si comprime prima di accendere l’elio e poi si espande. È probabile che quando il Sole si espanderà, il suo strato esterno raggiungerà l’orbita della Terra. Anche se la densità del plasma sarebbe molto bassa, è ragionevole pensare che vivere all’interno di una stella non sia favorevole alla vita.

La fase di gigante rossa è caratterizzata anche da potenti venti stellari e il calore della stella, ora ingrandita, spinge la zona abitabile più lontano. Questo potrebbe essere positivo per le lune dei giganti gassosi, ma non per i pianeti rocciosi: Venere e Mercurio sarebbero sicuramente scomparsi a questo punto, e nel migliore dei casi, la Terra e Marte sarebbero bruciati. Quindi, non molto ospitale per la vita, almeno non ovunque.

I ricercatori erano anche interessati a cosa succede dopo. Le giganti rosse perdono i loro strati esterni e ciò che rimane è il nucleo compresso, che chiamiamo nana bianca. Senza venti stellari e con una grande stabilità per miliardi di anni, le nane bianche sono un luogo ideale per la vita, a condizione che i pianeti sopravvivano alla fase di gigante rossa e che la vita si sia evoluta dopo la formazione della nana bianca.

Le ricerche mostrano che i cambiamenti da stella normale a gigante rossa a nana bianca sono troppo rapidi per permettere alla vita di adattarsi, a meno che non ci sia un modo per proteggere e spostare un intero pianeta. Le stelle più vecchie e le nane bianche dovrebbero essere esaminate come possibili ospiti di vita, ma sembra improbabile che la vita possa sopravvivere ininterrottamente su un pianeta mentre la sua stella cambia ed evolve.

Lo studio è stato pubblicato su The Astrophysical Journal Letters.

Links: aip.deoup.comiop.org

L’articolo Le stelle più vecchie potrebbero ospitare vita? Uno studio rivela nuove possibilità sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top