Le fragole: non sono bacche ma frutti aggregati!

Le fragole: non sono bacche ma frutti aggregati!
Mmmm, tessuto del ricettacolo gonfio. (GCapture/Shutterstock.com)

Potresti già essere consapevole del fatto che il nome “fragola” è un errore, poiché in realtà non sono bacche. Questa montagna russa tassonomica è molto confusa. Beh, sembra che le fragole siano piene di sorprese, o meglio coperte da esse, perché quei puntini bianchi che sembrano semi non sono in realtà semi.

Le fragole sono tecnicamente frutti aggregati, appartenenti alla famiglia Rosaceae. Anche i lamponi e le more rientrano in questa categoria e appartengono tutti alla stessa famiglia delle rose.

Il termine “achene” si riferisce in realtà al semplice frutto secco prodotto da molte diverse specie di piante fiorite, tra cui la quinoa, il grano saraceno e la cannabis. Gli accessori a buccia delle fragole si chiamano acheni e sono in realtà il frutto della pianta, ognuno dei quali contiene un solo seme al suo interno.

Il termine “bacca” è vago nel senso che qualsiasi frutto edule e carnoso contenente semi può essere definito bacca, ma in realtà esiste una classificazione scientifica. Per essere classificato come bacca, il frutto deve contenere più di un seme e essere composto da una buccia esterna (esocarpo), una parte carnosa centrale (mesocarpo) e un involucro interno che contiene i semi (endocarpo).

Esatto, il pompelmo, il lime e la zucca sono tutti tecnicamente bacche. Frutti di bosco derivano da un solo ovario di un fiore individuale e sono composte da due gruppi distinti. Gli agrumi appartengono al gruppo tassonomico degli esperidi e sono classificati come bacche modificate, mentre la famiglia delle Cucurbitacee (che include le zucche, i cetrioli e l’anguria) comprende il gruppo dei pepi.

Le fragole, a differenza del vero gruppo delle bacche, sono in realtà il rigonfiamento tessuto del ricettacolo che tiene il frutto che porta i semi sulla sua superficie. A differenza degli altri frutti, quando il fiore della fragola viene impollinato, il frutto non si gonfia; invece il tessuto del ricettacolo si gonfia, mentre il vero frutto si separa in piccoli acheni secchi. E poiché gli acheni contengono solo un seme, nemmeno loro possono essere classificati come bacche!

Per aggiungere insulto al danno per il povero frutto senza sapore dell’achene, la maggior parte delle piante di fragole non viene nemmeno coltivata dai loro semi. Le piante di fragole emettono quello che viene chiamato “stoloni” mentre crescono, essenzialmente piccoli cloni di fragole che attecchiranno e inizieranno a crescere quando raggiungono il terreno.

L’inusuale ciclo di vita di questi impostori delle bacche significa che vengono raggruppati con il resto degli emarginati fruttati nella categoria dei frutti aggregati, insieme alla classificazione dei mostri a un solo seme drupa.

Una versione precedente di questo articolo è stata pubblicata nel gennaio 2023.

L’articolo Le fragole: non sono bacche ma frutti aggregati! sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top