L’allevamento del pollo nacque nell’Asia centrale 2.400 anni fa. La scoperta

La capacità di deporre le uova tutto l’anno ha favorito la diffusione degli uccelli domestici in tutta l’Eurasia e nell’Africa nord-orientale.

Uno studio dell’Università britannica di Leicester, in collaborazione con le università di Nottingham e l’Università del Nord Ovest in Sud Africa, ha sottolineato nel 2018 che uno dei segni più duraturi del passaggio dell’uomo sulla Terra sono le ossa di pollo e anche quando gli esseri umani se ne saranno andati dal pianeta, ne rimarrà per secoli un’enorme nella documentazione fossile. Tuttavia, l’origine dell’allevamento di polli non è ancora ben compresa. In effetti, nuove tecniche archeologiche hanno recentemente portato al riconoscimento che molti reperti ossei precedentemente ritenuti rappresentassero i primi polli appartenevano, in realtà, a uccelli selvatici. Ora, un team internazionale di archeologi, storici e scienziati biomolecolari ha presentato la prima prova chiara dell’allevamento di polli per la produzione di uova in Asia. Questa capacità di deporre le uova tutto l’anno è ciò che ha causato la diffusione degli uccelli domestici in Eurasia e nell’Africa nord-orientale. Utilizzando frammenti di gusci d’uovo raccolti da dodici siti archeologici risalenti a circa 1.500 anni fa, i ricercatori hanno dimostrato che i polli erano ampiamente allevati in Asia centrale a partire dal 400 a.C. circa. C. fino al 1000 d.C. e probabilmente dispersi lungo l’antica Via della Seta. Questi uccelli ovulino circa ogni 26 ore, il che significa che producono un uovo praticamente ogni giorno dell’anno, una vera rarità nel mondo animale. L’abbondanza di gusci d’uovo suggerisce inoltre che gli uccelli si trovassero fuori stagione. Ed è stata questa caratteristica prolifica nella deposizione delle uova, sostengono i ricercatori, a rendere il pollo domestico così attraente per gli antichi. Per giungere a queste conclusioni, il team ha raccolto decine di migliaia di frammenti di gusci d’uovo da siti situati lungo il principale corridoio dell’Asia centrale della Via della Seta. Ha quindi utilizzato un metodo di analisi biomolecolare chiamato ZooMS per identificare la fonte delle uova. Come l’analisi genetica, ZooMS è in grado di identificare le specie da resti di animali come ossa, pelle e conchiglie, ma si basa su segnali proteici anziché sul DNA. Ciò lo rende un’opzione più rapida ed economica rispetto ai test genetici.

L’allevamento del pollo nacque nell’Asia centrale 2.400 anni fa. La scoperta

Questo studio mostra il potenziale di ZooMS nel far luce sulle passate interazioni uomo-animale”, afferma Carli Peters, ricercatore presso il Max Planck Institute for Geoanthropology e primo autore del nuovo articolo. L’identificazione di questi frammenti di guscio come polli e la loro abbondanza negli strati di sedimenti in ciascun sito, hanno portato i ricercatori a concludere che gli uccelli devono aver deposto le uova più frequentemente rispetto al loro antenato selvatico, l’uccello della giungla rosso. Nidifica una volta all’anno e normalmente depone sei uova per covata. “Questa è la prima prova della perdita di deposizione delle uova stagionale identificata finora nella documentazione archeologica“, afferma Robert Spengler, leader del gruppo di ricerca sulla domesticazione e l’evoluzione antropogenica e ricercatore principale dello studio. “Si tratta di un indizio importante per comprendere meglio le relazioni mutualistiche tra esseri umani e animali che hanno dato origine alla domesticazione“, aggiunge. Nell’insieme, il nuovo studio suggerisce una risposta al secolare enigma dell’uovo e della gallina. In Asia centrale, le prove suggeriscono che la capacità di deporre una moltitudine di uova è ciò che ha reso la gallina la gallina che conosciamo oggi: una specie globale di enorme importanza economica.

L’articolo L’allevamento del pollo nacque nell’Asia centrale 2.400 anni fa. La scoperta sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top