La Via Lattea è circondata da “troppe” mini galassie, rivelano nuove scoperte

Gli astronomi hanno appena scoperto due candidate galassie nane in orbita attorno alla nostra galassia. L’orientamento di queste entità suggerisce che potrebbero esserci fino a 500 ammassi stellari simili che orbitano attorno alla Via Lattea, il che è più del doppio delle stime precedenti.

Gli astronomi hanno scoperto una coppia di potenziali galassie satellite in orbita attorno alla Via Lattea, finora sconosciute . La posizione di queste galassie nane suggerisce che centinaia di altre mini-galassie sconosciute potrebbero nascondersi attorno a noi, mettendo potenzialmente alla prova la nostra comprensione dei confini della galassia. Una galassia satellite è un ammasso di stelle, in una macchia circolare o in una forma simile a un alone, che orbitano attorno alla Via Lattea indipendentemente dal resto della galassia. Il satellite più grande conosciuto della nostra galassia è la Grande Nube di Magellano , che contiene circa 30 miliardi di stelle e può essere vista a occhio nudo. Altri satelliti conosciuti contengono solo poche centinaia di migliaia o un paio di milioni di stelle. Un censimento del 2020 delle galassie satellite note suggerisce che gli scienziati hanno trovato un massimo di circa 60 galassie satellite in orbita attorno alla Via Lattea. Tuttavia, c’è una certa incertezza sul numero effettivo di galassie satellite, in gran parte perché gli scienziati non sono d’accordo su quanto grandi dovrebbero essere questi ammassi stellari e quanto lontano dovrebbero trovarsi dal centro galattico per essere considerati veri satelliti, secondo la NASA . Ma la maggior parte degli astronomi concorda sul fatto che dovrebbero esserci molte più galassie satellite, attualmente sconosciute, là fuori. Sulla base della nostra attuale comprensione della materia oscura , che non reagisce con la luce ma interagisce gravitazionalmente con la materia visibile e costituisce circa il 27% della massa dell’universo , i ricercatori hanno a lungo ipotizzato che la Via Lattea dovrebbe avere circa 220 galassie satellite. La nostra incapacità di individuarne molte altre è spesso definita il “problema dei satelliti mancanti”. In un nuovo studio, pubblicato l’8 giugno sulla rivista Publications of the Astronomical Society of Japan , i ricercatori hanno scoperto due nuove potenziali galassie satellite, Sextans II e Virgo III. I satelliti si trovano rispettivamente a circa 411.000 e 492.000 anni luce dalla Terra e sono probabilmente entrambe galassie nane ultracompatte (UCD), ovvero insiemi di vecchie stelle strettamente raggruppate insieme, il che le rende più luminose di altre galassie satellite. Tuttavia, le scoperte non aiutano a risolvere il problema dei satelliti mancanti. Invece, la posizione e l’orientamento di questi potenziali satelliti suggeriscono che ci sono ancora più galassie satellite di quanto gli scienziati inizialmente pensassero. Ciò solleva un nuovo problema, che i ricercatori hanno soprannominato il “problema dei troppi satelliti”.

La Via Lattea è circondata da “troppe” mini galassie, rivelano nuove scoperte

I ricercatori hanno scoperto gli UCD utilizzando l’Hyper Suprime-Cam (HSC) collegato al telescopio giapponese Subaru presso gli osservatori di Mauna Kea nelle Hawaii. Questo strumento ha trascorso gli ultimi anni a cercare una regione dello spazio di circa 33 anni luce di diametro. Sulla base delle 220 galassie satellite stimate postulate dal problema dei satelliti mancanti, un’area di queste dimensioni dovrebbe avere in media circa quattro galassie satellite, ha recentemente riportato Universe Today . Tuttavia, le ultime scoperte portano il numero totale di satelliti trovati da HSC in quest’area a nove. Se questa concentrazione di satelliti è coerente attorno alla Via Lattea, significherebbe che potrebbero esserci almeno 500 galassie satellite attorno alla Via Lattea, hanno scritto i ricercatori in una dichiarazione . In passato, gli scienziati hanno proposto molteplici soluzioni al problema dei satelliti mancanti, tra cui che alcune galassie satellite si nascondono dietro satelliti più grandi e che altre sono così diffuse che sono quasi impossibili da rilevare con la tecnologia attuale. Tuttavia, è improbabile che questi fattori siano in grado di spiegare una sovrabbondanza di stelle, lasciando agli scienziati un modo reale per spiegare i nuovi risultati. “Il passo successivo è usare un telescopio più potente che catturi una visione più ampia del cielo”, ha affermato nella dichiarazione il coautore dello studio Masahi Chiba , astronomo della Tohoku University in Giappone. Ciò dovrebbe aiutare a chiarire quanto siano comuni le galassie satellite, ha aggiunto. Uno di questi telescopi è il prossimo Vera C. Rubin Observatory , una struttura all’avanguardia dotata della più grande fotocamera digitale al mondo , che dovrebbe entrare in funzione nel 2025, ha detto Chiba. “Spero che vengano scoperte molte nuove galassie satellite”.

L’articolo La Via Lattea è circondata da “troppe” mini galassie, rivelano nuove scoperte sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top