La transcensione: il destino delle civiltà aliene avanzate

La transcensione: il destino delle civiltà aliene avanzate
Per civiltà avanzate, potrebbe sembrare casa. (IvaFoto/Shutterstock.com)

Quando cerchiamo civiltà aliene nell’universo, spesso guardiamo allo sviluppo della vita sulla Terra per cercare indizi su cosa cercare. Ha senso farlo. Abbiamo trovato solo vita intelligente (più o meno) su questo pianeta, quindi è sensato cercare le stesse firme emesse dal nostro pianeta. Sappiamo che la vita sulla Terra dipende dalla presenza di ossigeno atmosferico e acqua liquida, quindi perché non cercare pianeti extrasolari nella zona abitabile intorno alle stelle dove può esistere acqua liquida e cercare su questi pianeti (se possibile) la presenza di ossigeno?

Ma nella ricerca di segni di vita intelligente, civiltà avanzate e tecnofirme, le cose sono un po’ diverse. Anche se il nostro pianeta è stato abbondante di ossigeno per miliardi di anni, abbiamo trascorso una parte significativamente più piccola di quel tempo inviando segnali casuali come le repliche di I Love Lucy nello spazio.

In termini cosmologici, non siamo stati una specie tecnologica per molto tempo e in quel periodo abbiamo progredito abbastanza velocemente e le nostre idee su che tipo di segnali cercare sono cambiate di conseguenza. Ad esempio, il passaggio da segnali analogici rumorosi a segnali digitali ci ha fatto pensare che gli alieni probabilmente non userebbero segnali analogici per molto tempo, rendendo improbabile che sia quel tipo di segnale che potremmo trovare.

Gli astronomi e i cacciatori di alieni cercano di guardare al nostro stesso sviluppo e a ciò che pensiamo possa essere possibile nel nostro futuro per cercare di restringere ciò che dovremmo cercare nel caso in cui le civiltà aliene si spostino ben oltre il nostro attuale livello di progresso.

In uno di questi esercizi, il futurologo John M. Smart ha proposto qualcosa chiamata ipotesi della transcensione.

“L’ipotesi della transcensione propone che un processo universale di sviluppo evolutivo guidi tutte le civiltà sufficientemente avanzate verso ciò che potrebbe essere chiamato ‘spazio interno’, un dominio computazionalmente ottimale di scale di spazio, tempo, energia e materia sempre più dense, produttive, miniaturizzate ed efficienti e, alla fine, verso una destinazione simile a un buco nero”, ha spiegato Smart in un articolo del 2012.

Anche se altamente speculativa – stiamo parlando di civiltà aliene forse milioni di anni – l’idea è che le specie avanzate si avvicineranno ai buchi neri. Potrebbe sembrare una terribile idea, ma ci sono prove che suggeriscono che i buchi neri potrebbero essere sfruttati come una enorme fonte di energia e offrire altre vantaggi a una civiltà avanzata, incluso come luogo di convergenza e fusione per civiltà avanzate.

“I buchi neri possono essere un destino evolutivo e un attrattore standard per tutte le intelligenze superiori”, ha continuato Smart, “poiché sembrano essere dispositivi ideali per calcolo, apprendimento, viaggio nel tempo in avanti, raccolta di energia, fusione di civiltà, selezione naturale e replicazione dell’universo. Nell’ipotesi della transcensione, le civiltà più semplici che riescono a resistere alla transcensione rimanendo nello spazio esterno (normale) sarebbero fallimenti evolutivi, che sono statisticamente molto rari nella fase finale del ciclo di vita di qualsiasi sistema biologico in sviluppo.”

Se corretta, questa ipotesi aiuterebbe a spiegare il paradosso di Fermi, ovvero perché non abbiamo ancora visto segni di vita aliena. Le specie avanzate potrebbero non trasmettere la loro posizione per molto tempo, prima di rivolgersi verso l’interno. Anche se altamente speculativo, l’articolo ci dà alcune cose da cercare.

“Se la transcensione è un vincolo evolutivo universale, allora senza eccezioni tutti i segnali di dispersione elettromagnetica iniziali e a bassa potenza (radar, radio, televisione) e successivamente le prove ottiche degli esopianeti e delle loro atmosfere dovrebbero cessare in modo affidabile man mano che ogni civiltà entra nelle proprie singolarità tecnologiche (emergenza di intelligenza e forme di vita postbiologiche) e riconosce di trovarsi su un percorso ottimale e accelerato verso un ambiente simile a un buco nero”, conclude Smart.

“Inoltre, l’optical SETI potrebbe presto consentirci di mappare un’area in espansione della zona abitabile galattica che potremmo chiamare zona di transcensione galattica, un anello interno che contiene civiltà transcese più antiche e un problema di pianeti mancanti poiché scopriamo che i pianeti con segni di vita si verificano con frequenze molto più basse in questo anello interno rispetto al resto della zona abitabile.”

L’articolo è pubblicato su Acta Astronautica.

L’articolo La transcensione: il destino delle civiltà aliene avanzate sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top