La teoria dell’Internet morto: quando la rete diventa un cimitero

La teoria dell’Internet morto: quando la rete diventa un cimitero
La teoria, anche se sbagliata, può sembrare un po’ vera. (siraphat/shutterstock.com)

Ci sono molte teorie del complotto disponibili su Internet. Se vuoi credere che il mondo sia piatto e che se cammini sul bordo ti teletrasporti dall’altro lato come Pac-Man, è meglio che credi che ci sia qualcuno su Internet che ti sosterrà nella tua strana ignoranza specifica. Ma cosa succede se [si avvicina e controlla la presenza di agenti della CIA nelle vicinanze] anche Internet fa parte della cospirazione? 

Questo è il punto di partenza della “Teoria dell’Internet morto”, la teoria del complotto che sostiene che nel 2016 o nel 2017, Internet sia diventato molto peggiore e che tu stia ora accedendo a un cimitero privo di attività umana.

Cos’è la teoria dell’Internet morto?

“Internet sembra vuoto e privo di persone. È anche privo di contenuti. Rispetto a Internet, diciamo, del 2007 (e oltre), l’Internet di oggi è completamente sterile. Non c’è più nulla da fare, vedere, leggere o sperimentare,” afferma un influente post sull’argomento. “Sì, Internet può sembrare gigantesco, ma è come una mongolfiera vuota.”

Un’idea piuttosto noiosa, ma ovviamente la teoria del complotto diventa stravagante. Afferma che Internet, come lo conosciamo oggi, è in gran parte costituito da contenuti generati dall’intelligenza artificiale (IA), messi lì per scopi nefasti.

“C’è uno sforzo su larga scala e deliberato per manipolare la cultura e il discorso online e nella cultura più ampia utilizzando un sistema di bot e dipendenti pagati il cui compito è produrre contenuti e rispondere ai contenuti online al fine di promuovere l’agenda di coloro che li impiegano,” afferma il suddetto post.

Secondo i teorici del complotto, questi bot cercano di influenzare la percezione pubblica su qualsiasi argomento politico, o altrimenti ti tengono costantemente distratto e ti fanno comprare prodotti, per evitare che tu metta in discussione gli élite.

Certo, c’è molta attività di bot su Internet. Infatti, quasi la metà di tutto il traffico internet (non i contenuti di Internet) proveniva da bot nel 2022. Questo include attività come attacchi di negazione del servizio distribuiti (DDOS), in cui i siti web vengono sovraccaricati maliziosamente da una serie di richieste automatizzate. 

“I bot si sono evoluti rapidamente dal 2013, ma con l’avvento dell’intelligenza artificiale generativa, la tecnologia si evolverà a un ritmo ancora maggiore e più preoccupante nei prossimi 10 anni,” ha dichiarato Karl Triebes, vicepresidente senior di Imperva, l’azienda che ha condotto la ricerca, in una dichiarazione all’epoca.

“I criminali informatici aumenteranno la loro attenzione verso gli endpoint delle API e la logica aziendale delle applicazioni con un’automazione sofisticata. Di conseguenza, la disruption aziendale e l’impatto finanziario associati ai bot dannosi diventeranno ancora più significativi nei prossimi anni.”

Questi bot probabilmente ti sono già familiari dai social media.

IFLScience non è responsabile dei contenuti condivisi da siti esterni.ⓘ 

I contenuti generati dai bot sono un problema per i motori di ricerca, che sta solo peggiorando. Le persone si sono lamentate del declino di Google negli ultimi anni, con studi che supportano l’idea che stia indirizzando le persone a contenuti meno utili rispetto al passato. Marissa Mayer, la ventesima dipendente ad entrare in Google che è poi diventata CEO di Yahoo, ritiene che il problema sia dovuto all’Internet stesso che sta diventando peggiore.

“Penso che la qualità di Internet sia diminuita,” ha detto Mayer a Freakonomics. “Quando ho iniziato in Google, c’erano circa 30 milioni di pagine web, quindi indicizzarle tutte era relativamente semplice. Sembra tanto, ma è poco. Oggi, penso che ci sia stato un momento in cui Google ha visto più di un trilione di URL.”

Mayer ha aggiunto che è naturale che le persone incolpino Google quando non ottengono i risultati di ricerca di qualità che avevano prima, ma lei vede i risultati di Google come una finestra sul web stesso.

“La vera domanda è, perché il web sta peggiorando?”

Anche se può sembrare che Internet stia peggiorando e che l’attività dei bot stia aumentando a causa della loro disponibilità e facilità d’uso, ciò non significa che Internet sia morto. La maggior parte dei contenuti è ancora prodotta dagli esseri umani, anche se il traffico si avvicina sempre di più a una divisione equa tra IA e umani.

Come tutte le buone teorie del complotto, la Teoria dell’Internet morto prende un nucleo di verità o un sentimento concordato (che Internet sta peggiorando e che l’attività dei bot sta aumentando) e lo distorce in qualcosa che non è. L’attività dei bot sta aumentando, e questo è lontano dall’essere una cosa positiva per Internet, soprattutto perché questi sono i contenuti su cui verranno addestrati i chatbot dell’IA della prossima generazione. Ma la maggior parte dei contenuti che vedi online e le persone sui social media non sono bot, e Internet è lontano dall’essere morto. 

Per ora.

L’articolo La teoria dell’Internet morto: quando la rete diventa un cimitero sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top