La storia dell’HMS Tyger: un’epica lotta per la sopravvivenza

La storia dell’HMS Tyger: un’epica lotta per la sopravvivenza
I cannoni della nave affondata hanno aiutato gli archeologi marini a identificare il relitto come quello dell’HMS (Brett Seymour/National Park Service)

Il National Park Service degli Stati Uniti ha recentemente identificato i resti dell’HMS Tyger, una nave da guerra britannica affondata nel lontano 1742 dopo essere incagliata sulle scogliere delle Dry Tortugas, un parco nazionale situato nel Golfo del Messico.

La storia dell’HMS Tyger è strettamente legata a un particolare conflitto tra Gran Bretagna e Spagna noto come Guerra dell’Orecchio di Jenkins, che ebbe luogo tra il 1739 e il 1748. Questo conflitto prende il nome dagli eventi avvenuti a bordo della brigantina britannica Rebecca, quando fu abbordata da pattuglie spagnole a Cuba nell’aprile del 1731. Durante lo scontro, gli spagnoli sospettavano che la nave stesse contrabbandando zucchero e, in seguito a un acceso scambio, tagliarono l’orecchio del capitano Robert Jenkins. Quest’ultimo conservò l’orecchio sott’aceto e lo portò in Gran Bretagna per suscitare risentimento, contribuendo indirettamente all’inizio della Guerra dell’Orecchio di Jenkins.

Nel 1742, mentre svolgeva pattugliamenti di routine intorno alle Dry Tortugas, l’HMS Tyger incagliò con a bordo circa 300 membri dell’equipaggio. Tutti rimasero bloccati sull’isola di Garden Key, attualmente la seconda isola più grande dell’arcipelago. L’equipaggio, guidato dal capitano, rimase intrappolato per 66 giorni, durante i quali costruirono una piccola fortificazione sull’isola, anticipando di un secolo l’edificazione del Fort Jefferson che oggi sovrasta l’isola.

La loro permanenza sull’isola fu un’epica lotta contro il caldo, le zanzare e la sete mentre cercavano disperatamente di fuggire. Utilizzando pezzi recuperati dai resti dell’HMS Tyger, costruirono rudimentali imbarcazioni per tentare di chiedere aiuto e individuare eventuali navi spagnole nella zona. Dopo un infruttuoso tentativo su una nave spagnola, decisero di bruciare i resti della Tyger per evitare che cadesse in mani nemiche e intrapresero un pericoloso viaggio di 700 miglia (circa 1.125 km) fino a Port Royal, in Giamaica, attraversando acque controllate dagli spagnoli.

La recente identificazione dei resti dell’HMS Tyger è stata un momento significativo. Nel 1993, i relitti furono individuati e nel 2021, archeologi del Dry Tortugas National Park, del Submerged Resource Centre e del Southeast Archaeological Center hanno esaminato il sito. Cinque cannoni, a circa 500 iarde (457 metri) dal sito principale del relitto, sono stati scoperti. L’analisi dei cannoni ha rivelato che si trattava di cannoni britannici da sei e nove libbre, gettati in mare quando la nave incagliò per la prima volta.

Queste scoperte hanno permesso agli archeologi di confermare che si trattava dei resti dell’HMS Tyger. Il direttore del parco, James Crutchfield, ha sottolineato l’importanza di collegare le scoperte archeologiche al registro storico per narrare le storie delle persone e degli eventi del passato. Questa storia di perseveranza e sopravvivenza sottolinea il ruolo cruciale dei parchi nazionali nel preservare queste narrazioni.

Secondo un trattato internazionale, l’HMS Tyger e i suoi manufatti sono di proprietà sovrana del governo britannico. Un’altra nave simile, l’HMS Fowey, affondata nel 1748 nel Biscayne National Park, è gestita in base a un Memorandum d’Intesa tra gli Stati Uniti e la Royal Navy britannica.

Links:

L’articolo La storia dell’HMS Tyger: un’epica lotta per la sopravvivenza sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top