La sindrome di Munchausen per procura: un abuso psicologico devastante

La sindrome di Munchausen per procura: un abuso psicologico devastante

I casi di Munchausen per procura ruotano attorno a malattie inventate, ma le conseguenze sono molto reali. (Africa Studio/Shutterstock.com)

La sindrome di Munchausen per procura, nota anche come disturbo factizio imposto a un altro (FDIA), è salita alla ribalta a causa di serie e documentari come The Act e Take Care of Maya. Questi raccontano gli effetti devastanti che questa condizione psicologica può avere sulle famiglie e le estreme misure che le vittime hanno preso per sfuggire alla loro situazione.

La sindrome di Munchausen per procura è caratterizzata da un caregiver che inventa o induce problemi medici per un’altra persona, di solito un bambino. Successivamente, porta l’illusoria o indotta malattia all’attenzione degli operatori sanitari, che possono involontariamente perpetuare l’abuso organizzando indagini e trattamenti non necessari per il bambino.

Secondo un articolo del 2017 che descrive casi rari di Munchausen per procura che coinvolgono abusi sugli anziani, la motivazione principale dietro questa condizione è considerata la simpatia e l’attenzione che il caregiver riceve dal personale sanitario e assistenziale, e talvolta anche da altri membri della famiglia.

A differenza dei disturbi di conversione, nella sindrome di Munchausen per procura l’inganno è consapevole e intenzionale. Mentre la motivazione abituale per simulare una malattia è il guadagno personale esterno, nella sindrome di Munchausen per procura la motivazione è generalmente interna, derivante dalla ricompensa psicologica di presentarsi come un caregiver devoto e ricevere attenzione e supporto positivi.

L’esempio angosciante di Gypsy Rose Blanchard, su cui si basa The Act, ha portato la sindrome di Munchausen per procura all’attenzione di molti dopo la sua liberazione dal carcere. Blanchard ha scontato otto anni di prigione per il suo ruolo nella morte della madre, che si ritiene avesse la sindrome di Munchausen per procura.

Nella vita, Dee Dee Blanchard ha ingannato i medici facendo loro credere che Gypsy Rose fosse gravemente malata, mentendo sulla sua vera età, privandola della libertà e abusando di lei sia psicologicamente che fisicamente. Le venivano somministrati farmaci non necessari, sottoposta a procedure e indagini dolorose e ingannata, insieme alla comunità e a numerosi operatori sanitari, facendo credere che fosse realmente malata.

Gypsy Rose ha incontrato un uomo di nome Nicholas Godejohn online e i due hanno pianificato di uccidere sua madre, il che alla fine ha portato all’omicidio brutale di Dee Dee nel 2015. Blanchard è stata rilasciata due anni prima della sua condanna a 10 anni, mentre Godejohn rimane in carcere a vita.

La sindrome di Munchausen per procura è correlata alla sindrome di Munchausen, in cui una persona inventa malattie su se stessa. Anche se può sembrare facile identificarla grazie ai test medici e agli strumenti disponibili oggi, coloro che ne sono affetti hanno storicamente fatto di tutto per alterare i risultati dei test e indurre sintomi utilizzando farmaci o altri agenti chimici.

Non esiste una spiegazione chiara su perché alcune persone sviluppino la sindrome di Munchausen e la sindrome di Munchausen per procura. Lo stress e una storia di abusi sono alcune delle ragioni psicologiche che sono state esplorate, ma si ritiene che ci possano essere anche motivazioni fisiologiche dietro questa malattia factizia.

Il trattamento può essere particolarmente difficile perché coloro che ne sono affetti raramente accettano la diagnosi. Anche per gli operatori sanitari è una sfida difficile raggiungere una diagnosi definitiva, poiché le prove mediche su cui devono basarsi possono essere manipolate attraverso l’induzione di sintomi. Inoltre, c’è una legittima preoccupazione riguardo alla diagnosi errata della condizione quando non si può trovare una spiegazione medica per la malattia di un bambino.

Tuttavia, è fondamentale aumentare la consapevolezza della sindrome di Munchausen per procura, poiché se i casi non vengono riconosciuti, le complicazioni derivanti da un trattamento inappropriato possono portare alla morte delle vittime. Come dimostrano i casi di Munchausen per procura come quello di Gypsy Rose Blanchard, anche se le malattie riportate possono essere illusorie, le conseguenze sono molto reali.

Links: nih.govoup.comgo.com

L’articolo La sindrome di Munchausen per procura: un abuso psicologico devastante sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top