La sindrome di Down scoperta per la prima volta nei Neanderthal

In una sorprendente rivelazione, una recente ricerca ha documentato quello che potrebbe essere il primo caso in assoluto di sindrome di Down nei Neanderthal.

Questa scoperta è ancora più notevole in quanto fornisce la prova di un comportamento altruistico. Suggerisce che questi umani preistorici potevano estendere compassione e supporto ai membri più vulnerabili delle loro società. Ciò indica una capacità di empatia e cura della comunità. I resti scheletrici di un bambino di Neanderthal sono stati dissotterrati a Cova Negra. Questa grotta, situata a Valencia, in Spagna, ha una ricca storia di importanti scoperte di Neanderthal . Il bambino è affettuosamente chiamato “Tina”. Lo studio sui resti di Tina è stato condotto da antropologi di due istituzioni con sede in Spagna, l’ Università di Alcalá e l’ Università di Valencia . Il professor Valentín Villaverde, studioso di preistoria presso l’Università di Valencia, spiega il significato del sito. “Gli scavi di Cova Negra sono stati fondamentali per comprendere lo stile di vita dei Neanderthal lungo la costa mediterranea della penisola iberica e hanno permesso di definire le occupazioni dell’insediamento: di breve durata temporale e con un numero esiguo di individui, alternate alla presenza di carnivori”, ha affermato. Il team ha sperimentato tecniche innovative per condurre la propria ricerca. Sono state utilizzate scansioni di microtomografia computerizzata di un piccolo frammento dell’osso temporale destro di Tina, contenente la regione dell’orecchio, per costruire un modello tridimensionale completo a scopo di misurazione e analisi. I risultati hanno mostrato che Tina soffriva di una patologia congenita dell’orecchio interno associata alla sindrome di Down, che le causava una grave perdita dell’udito e vertigini invalidanti. Il professor Valentín Villaverde, studioso di preistoria presso l’Università di Valencia, spiega il significato del sito. Nonostante ciò, Tina sopravvisse almeno fino all’età di 6 anni, un’impresa che avrebbe richiesto notevoli cure da parte degli altri membri del gruppo.

La sindrome di Down scoperta per la prima volta nei Neanderthal

“Questo è uno studio fantastico, che combina rigorosi scavi archeologici, moderne tecniche di imaging medico e criteri diagnostici per documentare per la prima volta la sindrome di Down in un individuo di Neanderthal. I risultati hanno implicazioni significative per la nostra comprensione del comportamento dei Neanderthal “, ha spiegato il professore di antropologia, Rolf Quam. Per anni, i ricercatori hanno condiviso prove sostanziali del fatto che i Neanderthal si prendevano cura dei loro disabili e feriti, sebbene in questi casi le persone assistite fossero solitamente adulte. Ciò ha portato alcuni scienziati a chiedersi se si trattasse davvero di una dimostrazione di altruismo o semplicemente di uno scambio di aiuto tra pari. Mercedes Conde, professoressa presso l’Università di Alcalá e autrice principale dello studio, ha sottolineato l’impatto della scoperta di Tina. “Ciò che non si sapeva fino ad ora era un caso di un individuo che aveva ricevuto aiuto, anche se non poteva ricambiare il favore, il che dimostrerebbe l’esistenza di un vero altruismo tra i Neanderthal. Questo è esattamente ciò che significa la scoperta di ‘Tina’”, ha affermato. I risultati dello studio non solo documentano il primo caso di sindrome di Down nei Neanderthal, ma gettano anche luce sulla capacità di questi esseri umani preistorici di avere un comportamento veramente altruistico.

L’articolo La sindrome di Down scoperta per la prima volta nei Neanderthal sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top