La sindrome dell’ovaio policistico potrebbe influire sulla memoria e la cognizione

La sindrome dell’ovaio policistico potrebbe influire sulla memoria e la cognizione
La sindrome dell’ovaio policistico è più comune di quanto molte persone pensino, ma può richiedere anni per ottenere una diagnosi corretta. (Alena Menshikova/Shutterstock.com)

Uno studio di 30 anni su oltre 900 partecipanti ha trovato un’associazione tra la sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) e problemi di memoria e cognizione. Sebbene non sia possibile affermare con certezza che la PCOS abbia causato i problemi osservati, gli scienziati dietro il lavoro affermano che sono ora necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio questi potenziali rischi di una condizione con cui molti lottano per anni prima di ottenere una diagnosi.

La Organizzazione Mondiale della Sanità stima che la PCOS possa interessare fino al 13 percento delle donne in età riproduttiva. Altre figure sono state citate, e i dati possono variare a seconda dell’inclusione di quelle assegnato sesso femminile alla nascita così come delle donne cisgender. Comunque la si guardi, fino al 70 percento di coloro che ne sono affetti rimane non diagnosticato, quindi c’è una grande lacuna nel riconoscimento della condizione che attualmente non viene colmata.

Come suggerisce il nome, uno dei sintomi della PCOS è la formazione di cisti nelle ovaie. La condizione è caratterizzata da squilibri ormonali, che portano a cose come mestruazioni irregolari, mancanza di ovulazione, eccesso di peli sul viso e sul corpo e aumento di peso. È una delle principali cause di infertilità ed è collegata a comorbilità come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiache.

Oltre ai debilitanti sintomi fisici, molte persone con PCOS sperimentano anche impatti psicologici negativi della malattia, tra cui depressione e scarsa immagine corporea.

Ora uno nuovo studio, che ha seguito 907 partecipanti di sesso femminile per 30 anni, ha scoperto un possibile collegamento tra PCOS e problemi di memoria e cognizione in mezza età.

L’autrice dello studio, la dottoressa Heather G. Huddleston dell’Università della California San Francisco, ha spiegato in una dichiarazione che sebbene gli scienziati abbiano una comprensione di come la PCOS possa influire sulla salute metabolica, “si sa meno su come questa condizione influisca sulla salute del cervello”.

“I nostri risultati suggeriscono che le persone con questa condizione hanno una memoria e abilità di pensiero inferiori e cambiamenti cerebrali sottili a metà della vita. Questo potrebbe influire su una persona su molti livelli, inclusa la qualità della vita, il successo professionale e la sicurezza finanziaria.”

I partecipanti avevano un’età compresa tra i 18 e i 30 anni all’inizio del periodo di studio. Dopo 30 anni, momento in cui 66 membri del gruppo di studio avevano la PCOS, sono stati invitati a completare test di memoria, abilità verbale, velocità di elaborazione e attenzione.

Uno dei test per l’attenzione era il test di Stroop, che probabilmente hai già visto: ti viene presentato un elenco di nomi di colori scritti con font di colori diversi e devi indicare il colore del testo anziché leggere la parola effettiva. Lo studio ha scoperto che il punteggio medio delle persone con PCOS era circa il 11 percento più basso rispetto a quelle senza la condizione.

Nel complesso, i punteggi in tre dei test – focalizzati sulla memoria, l’attenzione e le abilità verbali – erano più bassi per coloro con PCOS, dopo aver effettuato un aggiustamento per età, razza ed educazione.

Oltre ai test cognitivi al 30° anno, un sottogruppo dei partecipanti (291, di cui 25 avevano la PCOS) ha anche ricevuto scansioni cerebrali al 25° e al 30° anno. Le scansioni hanno rivelato una minore integrità della materia bianca nei pazienti con PCOS, che i ricercatori ritengono possa indicare un invecchiamento cerebrale prematuro.

Lo studio ha alcune limitazioni, in particolare il fatto che le diagnosi di PCOS non sono state fatte da un medico ma si basavano su test dei livelli ormonali dei pazienti e sui loro sintomi auto-riferiti. Non è nemmeno possibile da questi dati affermare definitivamente che la PCOS abbia causato i cambiamenti cognitivi e cerebrali osservati, ma i ricercatori ritengono che ci sia abbastanza materiale per giustificare ulteriori indagini.

“Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati e per determinare come avviene questo cambiamento, incluso l’esame dei cambiamenti che le persone possono apportare per ridurre le loro probabilità di problemi di pensiero e memoria”, ha detto Huddleston.

“Apportare cambiamenti come l’inclusione di più esercizio cardiovascolare e il miglioramento della salute mentale potrebbe servire anche a migliorare l’invecchiamento cerebrale per questa popolazione.”

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Neurologia.

L’articolo La sindrome dell’ovaio policistico potrebbe influire sulla memoria e la cognizione sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top