La prima fattoria di polpi al mondo: una sfida tra progresso e benessere animale

La prima fattoria di polpi al mondo: una sfida tra progresso e benessere animale
Il polpo è un mollusco marino e un membro della classe dei Cefalopodi, che significa “piede testa” in greco. (Diane Picchiottino/Unsplash)

Dopo aver risolto alcune delle sfide scientifiche legate all’acquacoltura commerciale di polpi, un’azienda spagnola di prodotti ittici ha messo nel mirino la costruzione della prima fattoria di polpi al mondo. Tuttavia, il piano sta incontrando onde e onde di resistenza da parte dei gruppi per i diritti degli animali che sostengono che sarà una catastrofe per il benessere animale.

Nueva Pescanova ha in programma di costruire un complesso edilizio di 52.691 metri quadrati (circa 567.000 piedi quadrati) dedicato all’acquacoltura di polpi lungo il molo di Las Palmas nelle Isole Canarie, un arcipelago spagnolo nell’Oceano Atlantico. 

L’edificio di due piani si occuperà di di ogni fase del processo di acquacoltura dei polpi, dalla nascita e morte all’imballaggio e alla spedizione. Le larve verranno generate e inizialmente alimentate con alghe marine. Nella fase successiva, un processo di sviluppo che dura da sei a 15 mesi, i giovani polpi verranno alimentati con granchi. Alla fine, verranno collocati in vasche comuni dove completano il loro sviluppo, prima di essere macellati, congelati, confezionati e spediti. 

La fattoria ha il potenziale di produrre circa 3.000 tonnellate di polpo ogni anno, corrispondenti alla macellazione di circa un milione di animali.

Praticamente parlando, l’acquacoltura commerciale di polpi su scala industriale è piena di difficoltà. Ci sono numerosi ostacoli nella gestione del loro ciclo riproduttivo, nel mantenere in vita le larve e nel fornire agli animali un ambiente di vita adatto. 

Con la speranza di essere pionieri in questo campo redditizio, Nueva Pescanova ha collaborato con gli scienziati per risolvere questi problemi. Nel 2018, i loro ricercatori è riuscito a partorire decine di polpi comuni (Octopus vulgaris), la specie più consumata in Spagna. Sorprendentemente, i piccoli avevano un tasso di sopravvivenza di circa il 50 percento. Nella natura, questa specie ha un tasso di sopravvivenza che arriva anche allo 0,0001 percento.

Pur provando dolore. Alcuni scienziati domanda per la loro carne per la loro carne, i consumatori stanno diventando sempre più consapevoli del fatto che i polpi sono creature altamente intelligenti, capaci di risolvere problemi complessi e anche speculando se siano esseri coscienti; solo perché sono invertebrati non significa che siano meno consapevoli.

Questa crescente consapevolezza pubblica dell’intelligenza dei cefalopodi è in gran parte dovuta al documentario , che racconta la storia di un regista che instaura una relazione con un polpo comune selvatico. Con l’aiuto di una brillante cinematografia, il film premiato offre una nuova e sorprendente prospettiva su queste strane creature.

La loro evidente intelligenza solleva interrogativi su quanto sia eticamente appropriato sfruttare questi animali per l’acquacoltura su scala industriale. Dal 2019, numerose ONG hanno espresso profonde preoccupazioni riguardo alla prospettiva che l’acquacoltura di polpi diventi una nuova tendenza nel mercato alimentare globale.  

Nel ottobre 2023, un collettivo di gruppi per il benessere degli animali e ONG ambientaliste – tra cui Compassion in World Farming, Eurogroup for Animals, Greenpeace Spagna e Oceana UK – ha inviato una lettera congiunta al governo delle Isole Canarie chiedendo loro di riconsiderare la richiesta di autorizzazione presentata da Nueva Pescanova.

Hanno chiesto al governo di annullare il piano per motivi di insostenibilità e crudeltà verso gli animali. Inoltre, sostengono che il metodo attuale di macellazione scelto per i polpi sia disumano e comporterà milioni di morti lente e dolorose. 

“È importante sottolineare che i polpi sono animali selvatici profondamente inadatti all’acquacoltura e che ci sono seri problemi di sostenibilità e benessere animale associati allo sviluppo di questa industria”, si legge nella lettera. 

“Essendo animali naturalmente solitari, i polpi non si troverebbero bene nelle condizioni di gruppo e nelle alte densità di allevamento tipiche dei sistemi di allevamento. Questi animali intelligenti non potrebbero esprimere i loro comportamenti naturali, confinati in vasche sottomarine spoglie.”

“Inoltre, attualmente non esiste un metodo scientificamente validato per la macellazione umana dei polpi. Secondo fonti affidabili, Nueva Pescanova ha in programma di uccidere i polpi immergendoli in vasche contenenti acqua e ghiaccio, un metodo scientificamente riconosciuto per causare una morte dolorosa, stressante e lenta”, aggiunge.

L’articolo La prima fattoria di polpi al mondo: una sfida tra progresso e benessere animale sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top