La più antica mappa geografica di sempre è piena di mostri e misteri

La mappa babilonese del mondo raffigura una strana terra “dove il sole non si vede”.

“Mappa babilonese del mondo” o “Mappa mundi babilonese” è considerata come la mappa più antica del mondo conosciuto mai trovata. Certo, non è scientificamente accurata come Google Maps, né gloriosamente illustrata come la cartografia del Medioevo , ma offre uno sguardo unico sul modo in cui gli antichi babilonesi vedevano se stessi e il mondo che li circondava. È probabile che sia stata realizzata tra 2.600 e 2.900 anni fa, un’epoca in cui l’Impero neobabilonese era all’avanguardia nel mondo per quanto riguarda architettura, cultura, matematica e i primi tentativi in ​​campo scientifico. La riscoperta della mappa nel XIX secolo è quasi tanto misteriosa quanto l’oggetto stesso. Secondo l’Enciclopedia Britannica , il manufatto fu scoperto da Hormuzd Rassam, un rinomato archeologo che scavò alcune delle più belle antichità assire e babilonesi mai recuperate, tra cui le tavolette che contenevano l’ Epopea di Gilgamesh, il più antico pezzo di letteratura del mondo. La mappa babilonese del mondo è stata trovata in una scatola collegata allo scavo di Rassam del 1881 a Sippar nell’attuale Iraq, a circa 40 chilometri a sud-ovest della moderna Baghdad. Tuttavia, alcuni credono che possa essere stata originariamente scoperta a Borsippa, un’altra antica città situata a circa 115 chilometri a sud di Baghdad. Attualmente è in possesso del British Museum di Londra. La tavoletta incrinata misura 12,2 per 8,2 centimetri e presenta una mappa circolare accanto a pezzi di testo scritti in caratteri cuneiformi . Dato il suo stato, alcune informazioni mancano dal manufatto, sebbene decenni di studi accademici siano riusciti a ricostruire gran parte del suo contenuto. La mappa raffigura la Mesopotamia , una regione storica del Medio Oriente spesso definita la “culla della civiltà” perché ha ospitato numerose civiltà e culture di spicco nel corso della storia antica, tra cui i Babilonesi e gli Assiri. La maggior parte crede che la città di Babilonia sia mostrata in una striscia rettangolare vicino alla parte superiore della parte interna della mappa. Linee parallele tagliano questo rettangolo dall’alto verso il basso, apparentemente rappresentando il fiume Eufrate . Il famoso fiume nasce dalle montagne a nord, attraversa Babilonia e poi sfocia in un’area di deflusso paludoso a sud. Possiamo anche trovare la posizione di numerose altre città e regni, tra cui Assiria, Der e Urartu, secondo un documento del 1988. Tutti questi insediamenti sono racchiusi da una fascia circolare quasi perfetta che rappresenta “Acqua amara” o “Fiume amaro”, solitamente tradotto come l’oceano. In cima alla mappa, oltre l’oceano, è etichettato come un luogo “dove il Sole non si vede”. Forse credevano che questa fosse una terra di oscurità eterna, proprio come gli strani spazi descritti nell’Epopea di Gilgamesh, o forse questo è un commento criptico sul movimento del Sole. Parte del testo allude a diversi mostri e creature fantastiche che vivono nelle diverse regioni, tra cui un cavallo alato, un grande serpente marino, un uomo-scorpione e un uomo-toro. Ci sono anche accenni a bestie meno sorprendenti, come gazzelle, pantere, cervi, scimmie, stambecchi , bufali d’acqua e lupi. Anche i personaggi umani popolano la mappa. Il testo allude a diverse persone, tra cui Utnapishtim, l’eroe leggendario sopravvissuto al diluvio babilonese, e il primo sovrano dell’Impero accadico, Sargon. Se oggi si tentasse di navigare nell’Asia occidentale, si può tranquillamente dire che la mappa babilonese del mondo sarebbe piuttosto inutile. Tuttavia, in quanto documento storico, l’oggetto contiene molti spunti interessanti sul predominio dell’Impero neo-babilonese al momento della sua creazione. Secondo l’esperto del British Museum, il dottor Irving Finkel , Babilonia è raffigurata come “incredibilmente vasta rispetto alle altre città sulla mappa”, dimostrando che “il contenuto della mappa riflette senza dubbio Babilonia come il centro del mondo”.

L’articolo La più antica mappa geografica di sempre è piena di mostri e misteri sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top