La NASA pubblica un’immagine “senza precedenti” della Nebulosa Testa di Cavallo

Il telescopio spaziale più potente del mondo, il James Webb Space Telescope della NASA, ha appena rilasciato le immagini a infrarossi più nitide fino ad oggi della Nebulosa Testa di Cavallo, una piccola nebulosa oscura nella costellazione di Orione che funge da vivaio per le stelle appena nate. Catturata con dettagli senza precedenti, l’immagine della nebulosa si concentra su una porzione della “criniera” del cavallo che è larga circa 0,8 anni luce e si trova a circa 1.300 anni luce dalla Terra. “Le osservazioni mostrano una parte dell’iconica nebulosa sotto una luce completamente nuova, catturandone la complessità con una risoluzione spaziale senza precedenti”, riferisce l’Agenzia spaziale europea (ESA). L’immagine di Webb della Nebulosa Testa di Cavallo è la più recente, ma non è la prima. Scoperta nel 1888 dall’astronoma scozzese Williamina Fleming, la nebulosa è uno dei soggetti preferiti dagli astronomi dilettanti e professionisti e abbellisce la copertina dei libri di astronomia da oltre un secolo. Per la prima volta in assoluto, grazie agli strumenti MIRI (strumento nel medio infrarosso) e NIRCam (fotocamera nel vicino infrarosso) di Webb, strutture su piccola scala – come nubi di colore blu e ciuffi di colore rosso – del bordo illuminato della Testa di Cavallo Ora è possibile vedere la nebulosa.

La NASA pubblica un’immagine “senza precedenti” della Nebulosa Testa di Cavallo

Le nubi eteree che appaiono blu nella parte inferiore dell’immagine sono piene di una varietà di materiali tra cui idrogeno, metano e acqua ghiacciata“, afferma il comunicato stampa di Webb. “I ciuffi di colore rosso che si estendono sopra la nebulosa principale rappresentano sia l’idrogeno atomico che quello molecolare. La luce ultravioletta proveniente dalle stelle giovani e massicce vicine crea un’area prevalentemente neutra e calda di gas e polvere tra il gas completamente ionizzato sopra e la nebulosa sottostante. Come in molte immagini di Webb, le galassie distanti sono sparse sullo sfondo”. Nel 2023, il telescopio Euclid dell’ESA ha rilasciato un’immagine della nebulosa catturata in appena un’ora con una singola osservazione, rivelando pianeti della massa di Giove mai visti prima nella loro infanzia celeste.

L’infrarosso ha lunghezze d’onda più lunghe della luce visibile e può penetrare attraverso il materiale polveroso che solitamente oscura le regioni interne della nebulosa nella luce visibile. Situata a sud della stella Alnitak, la più orientale della famosa cintura a tre stelle di Orione e parte della vasta nube molecolare di Orione, la Nebulosa Testa di Cavallo è la regione di formazione stellare gigante più vicina alla Terra. Sebbene l’immagine della nebulosa di Webb sia l’ultima, probabilmente non sarà l’ultima, poiché il vivaio stellare è il luogo di nascita di pianeti, giovani nane brune e piccole stelle. “Siamo particolarmente interessati a questa regione perché la formazione stellare avviene in condizioni molto speciali”, ha spiegato lo scienziato Eduardo Martin Guerrero de Escalante dell’Instituto de Astrofisica de Canarias a Tenerife, Spagna.

L’articolo La NASA pubblica un’immagine “senza precedenti” della Nebulosa Testa di Cavallo sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top