La Medusa di San Giorgio: una nuova specie stravagante scoperta al largo delle coste del Giappone

La Medusa di San Giorgio: una nuova specie stravagante scoperta al largo delle coste del Giappone
La nuova medusa si chiama St George Medusa a causa di quella incredibile croce rossa, che ricorda la bandiera di San Giorgio. (Dhugal John Lindsay/JAMSTEC)

Le nuove specie vengono scoperte continuamente – e mentre alcune si inseriscono perfettamente nelle famiglie tassonomiche precedentemente create, altre sono così stravaganti che ottengono un intero nuovo sistema di denominazione creato appositamente per loro. Presentiamo la Medusa di San Giorgio (Santjordia pagesi), una nuovissima specie di medusa delle profondità al largo delle coste del Giappone.

Questa nuova specie è stata avvistata e poi catturata a 812 metri (2.664 piedi) di profondità nella Caldera di Sumisu al largo delle Isole Ogasawara, a circa 460 chilometri (285,8 miglia) a sud di Tokyo in Giappone. 

Normalmente, le descrizioni delle specie vengono fatte su diversi individui, ma questa nuova specie è stata denominata da un singolo esemplare catturato da un Veicolo Operato a Distanza (ROV) chiamato Hyper-Dolphin nel 2002. Altri individui sono stati osservati anche nel 2020, quando un altro ROV ha filmato (ma non raccolto) un individuo della stessa specie. La Caldera è una

La Medusa di San Giorgio è stata così chiamata a causa della croce rossa brillante – in realtà lo stomaco della medusa – che è simile alla croce di San Giorgio sulla bandiera dell’Inghilterra, che può essere vista quando la medusa viene osservata dall’alto.

“La specie è molto diversa da tutte le meduse delle profondità scoperte finora. È relativamente piccola, mentre altre in questo tipo di ambiente sono molto più grandi. Il colore rosso brillante del suo stomaco probabilmente ha a che fare con la cattura del cibo”, ha dichiarato André Morandini, ultimo autore dell’articolo e professore di zoologia presso l’Istituto di Bioscienze dell’Università di São Paulo (IB-USP) e Direttore del Centro di Biologia Marina (CEBIMar), in una dichiarazione

Il team ritiene che il colore rosso brillante dello stomaco aiuti a nascondere il cibo della medusa dai predatori. Gran parte della loro dieta è costituita da organismi bioluminescenti che brillano nelle acque profonde e buie – avere una pancia rossa attenua la luce, proteggendo la medusa dopo aver consumato il pasto. 

La medusa ha ricevuto sia un nuovo nome che una nuova sottofamiglia a cui appartenere, chiamata Santjordiinae. Questa nuova medusa ha piccole strutture sensoriali chiamate “rhopalia” sia sul bordo che sulla parte inferiore del suo ombrello, rendendola unica nell’ordine Semaeostomeae a cui appartengono specie più comunemente conosciute come la medusa lunare. Il team suggerisce che la nuova specie potrebbe inserirsi nell’ordine Semaeostomeae quando saranno stati effettuati ulteriori campionamenti su diverse specie, ma per ora è collocata nella più ampia famiglia delle meduse Ulmaridae.

Il team ritiene anche che poiché la nuova specie è piuttosto diversa da tutte le altre specie precedentemente trovate, potrebbe anche contenere una nuova selezione di veleni che potrebbero essere molto diversi da quelli precedentemente studiati. 

 ”Chissà? Forse nasconde segreti più preziosi di tutte le ricchezze minerali che potrebbero essere estratte da quel luogo. Tutto questo con il vantaggio di mantenere intatta la specie e il sito”, ha detto Morandini.

L’articolo è pubblicato sulla rivista Zootaxa.

L’articolo La Medusa di San Giorgio: una nuova specie stravagante scoperta al largo delle coste del Giappone sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top