La fine della diplomazia dei panda?

La fine della diplomazia dei panda?

Il giovane panda maschio gigante Xiao Qi Ji mangia un gelato congelato all’interno di una gabbia da viaggio specializzata prima di partire dallo Smithsonian’s National Zoo and Conservation Biology Institute a Washington, D.C. (Skip Brow/Smithsonian’s National Zoo and Conservation Biology Institute)

Tre panda giganti hanno lasciato uno zoo a Washington DC mercoledì con un solo biglietto di sola andata per la Cina. Questo non è il primo gruppo di panda occidentali a fare questo viaggio verso la loro terra ancestrale di recente. Sullo sfondo delle tensioni politiche tra gli Stati Uniti e la Cina, alcuni si chiedono se questo potrebbe segnare la fine della diplomazia dei panda.

Due panda adulti, Mei Xiang e Tian Tian, e il loro cucciolo di 3 anni, Xiao Qi Ji, sono partiti dallo Smithsonian’s National Zoo mercoledì e hanno preso un volo di 19 ore verso Chengdu a bordo di un Boeing 777 chiamato FedEx Panda Express, secondo un annuncio dello zoo. Gli addetti allo zoo hanno portato con loro circa 100 chilogrammi di bambù, oltre a biscotti speciali, frutta, verdura e canna da zucchero. Si dice che la famiglia si unirà ad altri circa 150 panda che vivono in una riserva naturale nella provincia di Sichuan, famosa per le sue foreste di bambù e l’ambiente favorevole ai panda. Il giovane Xiao Qi Ji entrerà in un programma di riproduzione dei panda giganti.

panda gigante che si china su un tronco

Mei Xiang durante la sua celebrazione del 25º compleanno all’inizio di quest’anno. (Roshan Patel/Smithsonian’s National Zoo and Conservation Biology Institute)

Lo zoo sostiene che i panda stanno raggiungendo un’età in cui dovrebbero tornare in Cina. Secondo Melissa Songer, una biologa della conservazione dello zoo, “Non voglio che un panda muoia al di fuori della Cina”.

Il panda gigante Tian Tian parte dallo Zoo in una gabbia bianca circondato da guardiani dello zoo ed esperti.

È ora di dire addio: il panda gigante Tian Tian parte dallo Zoo. (Skip Brown/Smithsonian’s National Zoo and Conservation Biology Institute)

Tuttavia, è difficile ignorare il sottotesto politico di questo evento. Dal 1940, la Cina ha praticato la cosiddetta diplomazia dei panda, regalando panda ad altre nazioni come segno di fiducia e amicizia. Tra il 1957 e il 1983, la Cina ha regalato 24 panda a nove nazioni diverse, tra cui l’Unione Sovietica, la Corea del Nord e il Regno Unito. Hanno anche regalato una coppia agli Stati Uniti dopo la visita di Richard Nixon in Cina nel 1972, segnando un momento importante nelle loro relazioni diplomatiche. Questi panda, Ling-Ling e Hsing-Hsing, sono stati inviati allo Smithsonian’s National Zoo e hanno vissuto lì fino alla loro morte nel 1992 e nel 1999.

Con le riforme degli anni ’80, la Cina ha rivisto la sua politica per assicurarsi che i loro panda venissero “affittati” a paesi amici anziché semplicemente regalati. Se hai visto un panda in uno zoo negli ultimi decenni, tecnicamente era ancora di proprietà della Cina. Tuttavia, sembra che questa era amichevole della diplomazia dei panda stia arrivando al termine. Gli accordi di prestito con molti zoo in tutto il mondo non sono stati rinnovati di recente, non solo negli Stati Uniti, ma anche in Europa.

Non sappiamo esattamente perché gli accordi non vengano rinnovati, ma alcuni esperti ritengono che sia legato alle relazioni in deterioramento tra i due paesi. Secondo Ho-fung Hung, un economista politico globale alla Johns Hopkins, “Sospetto che sia diventato vittima delle relazioni in deterioramento tra i due paesi”. Questo potrebbe essere un segnale che la Cina sta cercando di tenere le cose buone per sé anziché condividerle con il resto del mondo.

Attualmente, ci sono solo quattro panda giganti negli Stati Uniti, due adulti e i loro cuccioli gemelli allo zoo di Atlanta, tutti parte di un accordo di prestito che scadrà nel 2024. Non si sa ancora se il contratto sarà rinnovato. Situazioni simili si sono verificate anche nel Regno Unito, dove lo zoo di Edimburgo ha annunciato che invierà una coppia di panda in Cina all’inizio del 2023.

Se le relazioni internazionali continuano a deteriorarsi, il Nord America e l’Europa potrebbero presto trovarsi senza panda in modo permanente. Tuttavia, il commercio di panda non sembra essere una priorità per nessuno. Dovremmo imparare dalla storia e cercare di evitare che le relazioni in deterioramento tra gli Stati Uniti e la Cina sfocino in un conflitto militare.

Links:

L’articolo La fine della diplomazia dei panda? sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top