La datazione dei fossili dell’Inlier di Llangynog rivela l’origine della vita multicellulare

La datazione dei fossili dell’Inlier di Llangynog rivela l’origine della vita multicellulare

Sotto queste nebbie gallesi si trova una delle collezioni più ricche di fossili di un’epoca in cui la Gran Bretagna si trovava all’equatore e la vita multicellulare stava appena diventando complessa. (Curtin University)

La datazione dei fossili dell’Inlier di Llangynog nel sud del Galles è stata effettuata con una precisione senza precedenti. Questa datazione aiuta a restringere il momento in cui la vita si è trasformata da qualcosa di appena visibile in un’abbondanza di vita complessa, poiché questi fossili rappresentano alcuni dei più antichi esemplari di vita multicellulare di grandi dimensioni e corrispondono a quelli di altre parti del mondo.

La vita multicellulare ha richiesto altri tre miliardi e mezzo di anni, mentre l’umanità esplora sempre più mondi. Potremmo scoprire che non è la presenza di vita a rendere la Terra distintiva, ma la presenza di vita multicellulare complessa. La vita è apparsa sulla Terra quasi subito dopo che il pianeta si è raffreddato abbastanza da permetterlo, suggerendo che potrebbe non essere così difficile da raggiungere.

Tutto ciò che rimane sono impronte, rendendo difficile capire la natura delle specie rappresentate qui.

Tutto ciò che rimane sono impronte, rendendo difficile capire la natura delle specie rappresentate qui. (Curtin University)

La cosiddetta assemblage di Avalon potrebbe essere uno degli eventi eccezionali non solo della Terra, ma della galassia, se queste creature curiose di grandi dimensioni iniziano a comparire nel registro fossile in tutto il pianeta. Nuove ricerche hanno contribuito a rivelare quando è accaduto e qualcosa della causa.

“Queste creature assomiglierebbero in qualche modo alle specie marine moderne come le meduse, ma in altri modi sarebbero strane e sconosciute. Alcune sembrano simili a felci, altre a cavoli, mentre altre assomigliano a penne di mare”, ha dichiarato Anthony Clarke, uno studente di dottorato dell’Università di Curtin.

I fossili ediacarani contengono molte specie che non assomigliano a nulla di oggi, ma le forme simili a vermi, come questa proveniente dal sito, non passano mai di moda.

I fossili ediacarani contengono molte specie che non assomigliano a nulla di oggi, ma le forme simili a vermi, come questa proveniente dal sito, non passano mai di moda. (Curtin University)

Poco prima dell’assemblage di Avalon, l’unica vita visibile senza un microscopio sarebbero state colonie di piccoli organismi come gli stromatoliti. Dischi relativamente semplici e tappeti microbici sono apparsi in acque più profonde qualche milione di anni prima, ma poi improvvisamente le specie di Avalon sono apparse contemporaneamente in diverse parti del mondo.

È importante determinare il momento dell’evento se vogliamo sapere cosa lo ha causato. Fossili simili sono stati trovati con un’età massima di 564,13 ± 0,65 milioni di anni fa, ma da soli non possiamo dire se questi fossero i primi.

La datazione al carbonio non è in grado di misurare il tempo così antico. Tuttavia, a volte le eruzioni vulcaniche offrono il loro aiuto. I livelli di cenere possono essere datati con molta più precisione e se si trovano sopra o sotto – e preferibilmente entrambi – un deposito di fossili, abbiamo una migliore idea del suo momento.

Una formazione vulcanica si trova al centro dell’Inlier di Llangynog. Cristalli di zircone e rutilo si trovano in strati contenenti fossili ediacarani. Datare entrambi, Clarke e coautori hanno ottenuto date di 564,09 ± 0,70 milioni di anni fa, confermando che queste specie sono fiorite in diverse parti del mondo in tempi molto simili.

L’Inlier di Llangynog contiene la più ricca presenza di vita marina poco profonda in Gran Bretagna. “Abbiamo utilizzato i detriti di un antico vulcano che ha coperto gli animali come un marcatore temporale per datare con precisione i fossili a 565 milioni di anni, con un’accuratezza dello 0,1 per cento”, ha detto Clarke.

“Questi fossili sono stati trovati alla fine degli anni ’70 e non sono mai stati datati. Questo utilizza tecniche eccitanti da applicare a piccole affioramenti”.

Più luoghi troviamo le stesse date per fossili simili, più possiamo essere sicuri che siano apparsi e scomparsi circa nello stesso periodo, nonostante quello che Clarke ammette essere un registro fossile molto frammentario.

Clarke osserva che queste date collocano l’apparizione di queste specie complesse e relativamente grandi quasi immediatamente dopo la fine dell’era della Terra di Neve, quando quasi l’intero pianeta era coperto di ghiaccio. Il flusso di nutrienti lavati negli oceani dai ghiacciai che raschiavano le rocce è stato proposto come motivo per cui queste forme di vita sono improvvisamente riuscite a prosperare.

Tuttavia, Clarke dice che non è l’unica cosa che stava accadendo in quel periodo. “Ci sono state enormi modifiche nella chimica degli oceani”, ha detto. “I livelli di ferro sono diminuiti e i livelli di ossigeno sono aumentati. Ci sono state anche modifiche nella spinta continentale. Alcuni ricercatori propongono che queste fossero collegate [agli sviluppi biologici]. In quel periodo, la Gran Bretagna si trovava vicino all’equatore e si è spostata verso nord. C’era una catena di isole vulcaniche che hanno rilasciato zirconi nell’atmosfera e fortunatamente per noi sono piovuti e ci hanno permesso di identificare quando le specie sono morte. Le morti erano probabilmente associate ai gas rilasciati da queste eruzioni”.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Journal of the Geological Society.

Links: eurekalert.orgmonash.edugeoscienceworld.orgdoi.org

L’articolo La datazione dei fossili dell’Inlier di Llangynog rivela l’origine della vita multicellulare sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top