La capra nano di Maiorca: il mammifero a sangue freddo che ha sfidato le regole

La capra nano di Maiorca: il mammifero a sangue freddo che ha sfidato le regole
Questa ricostruzione mostra come potrebbe essere apparso Myotragus balearicus. (Xavier Vázquez via Wikimedia Commons (public domain))

Animali a sangue caldo e a sangue freddo nel mare Uno dei primi concetti che apprendiamo sul regno animale è la differenza tra animali a sangue caldo e a sangue freddo. Mentre i rettili si riscaldano al sole per ottenere calore, i mammiferi – compresi quelli marini – devono mangiare regolarmente per acquisire l’energia necessaria a mantenere una temperatura interna costante. Tuttavia, un mammifero intrappolato su un’isola mediterranea povera di risorse ha fatto qualcosa di piuttosto straordinario e ha invertito la norma, diventando l’unico mammifero a sangue freddo al mondo.

Una specie di capra estinta da tempo, Myotragus balearicus, una volta vagava per la terra che avrebbe collegato le Isole Baleari all’Europa continentale. Qui si è stabilita e, mentre le Isole Baleari si sono circondate dal mare, l’antica capra si è trovata a vivere su ciò che oggi è l’isola spagnola di Maiorca.

Con un’altezza di soli 45 centimetri (17,7 pollici), questi animali hanno subito una serie di cambiamenti morfologici che hanno portato a arti più corti, dimensioni del cervello più piccole e organi di senso più piccoli – diventando effettivamente una specie di capra nano – per sopravvivere. Queste capre sono anche i primi animali ad aver scoperto di avere lo stesso tipo di strutture ossee presenti nei rettili.

I rettili crescono molto lentamente e hanno la capacità di controllare o addirittura interrompere completamente la loro crescita in base alla disponibilità di risorse. Questa periodica riduzione o cessazione del tasso di crescita lascia segni caratteristici nelle ossa di queste specie.

Osservando l’istologia ossea della capra estinta, i ricercatori hanno trovato gli stessi tessuti della zona lamellare, che in precedenza erano stati trovati solo nei rettili ectotermici. Il team ha confrontato le ossa delle capre con quelle dei coccodrilli e ha trovato notevoli somiglianze, con la stessa capacità di avere tassi di crescita lenti e flessibili, e persino di smettere di crescere del tutto. Si è scoperto che M. balearicus raggiungeva la maturità piuttosto tardi, intorno ai 12 anni; al contrario, una tipica specie di capra potrebbe raggiungere la maturità sessuale prima dei 9 mesi di età, secondo il Manuale Veterinario MSD.

La ricerca suggerisce anche che queste capre avrebbero avuto uno stile di vita molto più lento rispetto alle tipiche specie di capre moderne. Invece di correre e saltare sulle rocce dell’isola, avrebbero trascorso più tempo al sole e sarebbero diventate più lente.

“Myotragus non solo ha diminuito le capacità aerobiche […] e i tratti comportamentali […], ma ha anche sincronizzato in modo flessibile i tassi di crescita e i bisogni metabolici alle condizioni delle risorse prevalenti come fanno i rettili ectotermici”, hanno scritto i ricercatori Meike Köhler e Salvador Moyà-Solà in uno studio pubblicato nelle Proceedings of the National Academy of Sciences nel 2009.

Osservando solo le ossa si possono sollevare controversie. Nelle specie a sangue freddo o ectotermiche, le ossa sono tipicamente costituite da osso lamellare a crescita lenta. Tuttavia, sono state trovate anche ossa fibrolamellari a crescita rapida, tipicamente presenti nelle specie a sangue caldo, in specie di dinosauri e in uccelli. I ricercatori prendono in considerazione che potrebbe esserci una terza condizione intermedia tra ciò che sarebbe completamente a sangue caldo o completamente a sangue freddo.

La capra nano M. balearicus è un eccellente modello di studio, perché sull’isola in cui viveva non c’erano predatori naturali. Sull’isola povera di risorse di Maiorca ha sviluppato tratti simili a quelli dei rettili che gli hanno permesso di sopravvivere per 5,2 milioni di anni, più del doppio delle specie sulla terraferma.

Tuttavia, a causa dello sviluppo di questi tratti, purtroppo la specie di mammifero a sangue freddo del mondo non ha resistito all’arrivo degli esseri umani sull’isola circa 3.000 anni fa, il che, unito a una diminuzione delle loro specie vegetali preferite, ha probabilmente causato la loro estinzione.

Una versione precedente di questo articolo è stata pubblicata in [nome della pubblicazione].

L’articolo La capra nano di Maiorca: il mammifero a sangue freddo che ha sfidato le regole sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top