Kazakistan: scoperte pitture rupestri risalenti a 3.500 anni fa

I volontari impegnati in un’operazione di bonifica ambientale in Kazakistan hanno scoperto arte rupestre risalente all’età del bronzo o del ferro, ma gli archeologi affermano che già conoscevano il sito.

I volontari si sono imbattuti in antichi petroglifi raffiguranti animali, tra cui pecore selvatiche e cammelli a doppia gobba, in Kazakistan. Circa 100 petroglifi, risalenti a circa 3.500 anni fa, sono stati scoperti in Kazakistan, dicono diverse notizie. Tuttavia, uno studioso ha detto a WordsSideKick.com che questa scoperta non è del tutto nuova, poiché è stata tenuta segreta per proteggere il sito fino a quando non potesse essere esaminato più da vicino. I petroglifi sono incisioni create scheggiando una parete rocciosa. I petroglifi che secondo quanto riferito sono nuovi sono stati scoperti nella regione di Zhambyl (scritto anche Jambyl), situata nel Kazakistan sudorientale. Risalgono all’età del bronzo o alla prima età del ferro, secondo l’ Astana Times , un organo di stampa del Kazakistan. La durata esatta dell’età del bronzo e della prima età del ferro in Kazakistan è un argomento di dibattito tra gli studiosi, ma insieme probabilmente risalgono a un periodo compreso tra 4.000 e 2.500 anni fa. I petroglifi sono stati trovati durante una campagna di volontariato a livello nazionale che mira a pulire l’ambiente, ha osservato l’Astana Times. Dopo che fu fatta la potenziale scoperta, gli archeologi locali furono chiamati per esaminare i petroglifi. I petroglifi mostrano animali e persone, con esempi tra cui cammelli a doppia gobba, argali (un tipo di pecora selvatica) e raffigurazioni di persone che cacciano, ha riferito l’Astana Times. I petroglifi sono sparsi su un’area che va da 20 a 25 metri di lunghezza e da 1,5 a 2 m di larghezza, ha detto all’Astana Times Sauran Kaliyev, un archeologo che ha esaminato i petroglifi. . Tuttavia, il sito “non è affatto nuovo” ed è ben noto tra gli specialisti, ha detto a Viktor Novozhenov , un archeologo dell’Istituto archeologico Saryarka dell’Università statale di Karaganda in Kazakistan, in una e-mail.

Kazakistan: scoperte pitture rupestri risalenti a 3.500 anni fa

Novozhenov, che non è stato coinvolto nel progetto di volontariato, ha osservato che il sito non è stato studiato in dettaglio e che i suoi petroglifi non sono stati ancora descritti in una rivista sottoposta a revisione paritaria. Quando gli studiosi trovano un sito di arte rupestre in Kazakistan, a volte preferiscono mantenere segreta la sua posizione finché non può essere adeguatamente registrato e pubblicato, ha affermato Novozhenov, sottolineando che la distruzione di tali siti di arte rupestre da parte di vandali o altri individui a volte è un problema. Novozhenov ha affermato che sono necessari maggiori finanziamenti e risorse per registrare adeguatamente questi siti di arte rupestre. “Non abbiamo abbastanza esperti e fondi per le analisi e il lavoro sul campo necessari”, ha affermato. Gli archeologi e i funzionari governativi coinvolti nella ricerca descritta nell’Astana Times non hanno risposto a richieste di commento al momento di questa pubblicazione.

L’articolo Kazakistan: scoperte pitture rupestri risalenti a 3.500 anni fa sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top