Isernia: una testa di Augusto portata alla luce durante lavori di scavo

La statua rappresenta un tassello importante per ricostruire la storia della città molisana.

Una testa in marmo dell’imperatore Augusto è stata scoperta oggi, giovedì 29 aprile, ad Isernia. Il rinvenimento, del tutto casuale, è avvenuto durante i lavori da realizzare dopo il crollo di una sezione delle mura di via Occidentali dell’antica città. A renderlo noto è stata la Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio della regione Molise attraverso un post pubblicato su Facebook.

La migliore risposta alle polemiche strumentali di tutti quelli che hanno parlato senza aver letto (o ancor peggio che hanno letto senza capire) le prescrizioni per l’area delle mura crollate: si, è proprio lui…l’imperatore Augusto, testa di statua in marmo rinvenuta oggi nel corso dello scavo. Perché dietro le mura di una città ovviamente c’è una città e la sua storia, che non si possono perforare con una palificata di cemento“. Il post, con l’immagine della statua, è diventato subito virale. La scoperta potrebbe rappresentare un passo importante per la ricostruzione della storia della piccola città molisana.

L’articolo Isernia: una testa di Augusto portata alla luce durante lavori di scavo sembra essere il primo su Scienze Notizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.