Scopri l'offerta Prime!

Influenza, più colpiti i bambini sotto i 5 anni

L’influenza è arrivata e quest’anno è partita in modo piuttosto brusco: migliaia di italiani, infatti, sono già a letto con febbre, tosse e raffreddore. Stando alle stime dell’ultimo report settimanale InfluNet, dell’Istituto superiore di sanità (Iss), il numero di casi di sindromi simil-influenzali è in aumento: nella settimana dal 14 al 20 novembre, infatti, l’incidenza è stata di 9,5 casi per mille assistiti, contro i 6,9 della settimana precedente. Tuttavia quest’anno, come viene sottolineato nel documento, ad essere particolarmente colpita è la fascia pediatrica, soprattutto i bambini al di sotto dei 5 anni d’età. Ma niente panico: ecco quali sono sintomi e quando fare il vaccino anti-influenzale.


Immune debt: no, le mascherine non hanno indebolito il nostro sistema immunitario


Un po’ di numeri

Come raccontano gli esperti nel rapporto InfluNet, sebbene l’incidenza stia aumentando in tutte le fasce d’età “risultano maggiormente colpiti i bambini al di sotto dei 5 anni”. Più nel dettaglio, nella fascia di età da 0 ai 4 anni l’incidenza è stata di 29,63 casi per mille assistiti, rispetto ai 22,7 della settimana precedente, mentre nella fascia di età 5-14 anni è stata pari a 16,13 casi per mille assistiti, rispetto ai 10,36 della settimana prima. “Nella quarantaseiesima settimana del 2022 la curva epidemica delle sindromi simil-influenzali mostra valori sopra la soglia epidemica e superiori a quelli registrati nelle ultime stagioni”, si legge nel rapporto. Come è emerso dall’elaborazione dei 494 campioni clinici analizzati, il 36,8% dei casi (182) è risultato positivo per l’influenza di tipo A, il 4,8% (24) positivo per il coronavirus, “mentre 91 sono risultati positivi per altri virus respiratori, in particolare: 35 Rhinovirus, 32 RSV, 10 virus Parainfluenzali, 8 Adenovirus, 4 Coronavirus umani diversi da SARS-CoV-2 e 2 Bocavirus”, riferiscono gli esperti.

I sintomi

Queste forme influenzali si manifestano generalmente con sintomi molto simili ed è quindi difficile distinguere la Covid-19 (perdita del gusto e dell’olfatto a parte) senza fare un tampone. In una circolare del Ministero della salute, chiamata “Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2022-2023”, viene specificato che i sintomi tipici sono l’insorgenza improvvisa di febbre alta, tosse e dolori muscolari. E ancora: mal di testa, brividi, perdita di appetito, affaticamento e mal di gola. Soprattutto nei bambini, inoltre, possono verificarsi anche nausea, vomito e diarrea. Solitamente, la maggior parte dei casi guarisce in 7/10 giorni, tranne alcuni soggetti fragili, che sono perciò a maggior rischio di complicanze.

Il vaccino, pertanto, costituisce la più efficace strategia di prevenzione dell’influenza. La circolare del Ministero, infatti, raccomanda la vaccinazione antinfluenzale nella fascia di età 6 mesi – 6 anni, anche al fine di ridurre la circolazione del virus influenzale fra gli adulti e gli anziani. Tuttavia, per questa fascia d’età l’Oms indica l’uso di formulazioni specifiche di vaccini antinfluenzali mirati, ad esempio il vaccino quadrivalente su culture cellulari, o vaccino vivo attenuato. “Una sola dose di vaccino antinfluenzale è sufficiente per i soggetti di tutte le età, con esclusione dell’età infantile”, chiarisce la circolare, precisando che per i bambini al di sotto dei 9 anni di età, mai vaccinati in precedenza, si raccomandano due dosi di vaccino antinfluenzale stagionale, da somministrare a distanza di almeno quattro settimane. Ma quanto è efficace? A rispondere è l’ospedale pediatrico Bambino Gesù che ricorda: “Uno studio sui bambini relativo alle stagioni influenzali 2010-2012 ha dimostrato che la vaccinazione antinfluenzale ha ridotto del 74% il rischio di ricovero in unità di terapia intensiva pediatrica correlato all’influenza. Uno studio recente (2022) ha dimostrato che la vaccinazione antinfluenzale riduce del 75% il rischio di influenza grave e pericolosa per la vita nei bambini”.

Via: Wired.it

Credits immagine: Kelly Sikkema on Unsplash

L’articolo Influenza, più colpiti i bambini sotto i 5 anni sembra essere il primo su Galileo.