Impatto della guerra sulla migrazione dell’aquila di mare maggiore

Impatto della guerra sulla migrazione dell’aquila di mare maggiore
I nostri risultati forniscono una rara finestra su come i conflitti influenzano la fauna selvatica. (Vladimir Kogan Michael / Shutterstock.com)

Un recente studio ha rivelato per la prima volta l’impatto della guerra sulla migrazione di una specie in pericolo, concentrandosi sull’aquila di mare maggiore. L’indagine condotta dall’Università di East Anglia (UEA), dal British Trust for Ornithology (BTO) e dall’Università estone delle scienze della vita ha analizzato il percorso migratorio di 19 aquile di mare maggiori attraverso l’Ucraina, prima e dopo l’invasione russa del 2022.

Il team di ricerca, che originariamente studiava gli effetti di eventi meteorologici disruptivi, si è trovato ad esaminare anche gli impatti del conflitto armato sulla migrazione degli uccelli. Durante il loro viaggio attraverso l’Ucraina da marzo ad aprile, le aquile sono state esposte a situazioni di conflitto, tra cui fuoco di artiglieria, movimenti di truppe e spostamenti di civili.

I risultati hanno mostrato che le aquile hanno dovuto deviare significativamente dalla loro rotta migratoria abituale, trascorrendo meno tempo nei siti di rifornimento o addirittura saltandoli del tutto. Prima dell’invasione, il 90% degli uccelli si fermava nei siti di rifornimento, mentre dopo il conflitto questa percentuale è scesa al 30%. Inoltre, i maschi migratori si sono spostati più lentamente e le aquile hanno dovuto percorrere in media 85 chilometri in più per raggiungere i luoghi di nidificazione.

Questo cambiamento nel comportamento migratorio ha comportato un aumento significativo del tempo di volo per le aquile: le femmine hanno impiegato 246 ore anziché 193, mentre i maschi sono passati da 125 ore a 181. Questa prolungata migrazione, con minori opportunità di alimentarsi, potrebbe compromettere la forma fisica degli uccelli, con possibili conseguenze negative sulla loro sopravvivenza, specialmente considerando che il viaggio avviene prima della stagione riproduttiva.

un grafico che mostra come meno uccelli si fermavano nei siti di rifornimento dopo l'inizio della guerra in Ucraina
Meno uccelli si fermavano per fare rifornimento dopo l’inizio della guerra.
Charlie Russel

Charlie Russell, ricercatore post-laurea alla Scuola di Scienze Ambientali dell’UEA e autore principale dello studio, ha sottolineato l’importanza di comprendere gli impatti dei conflitti sulla fauna selvatica. Questi disturbi possono influenzare significativamente il comportamento e la salute degli animali, con conseguenze potenzialmente gravi per le specie vulnerabili.

Lo studio, pubblicato su Current Biology, fornisce una preziosa prospettiva su come le attività umane estreme, come i conflitti armati, possano influenzare la vita selvatica e sottolinea l’importanza di proteggere le specie vulnerabili durante periodi di instabilità.

Links:

L’articolo Impatto della guerra sulla migrazione dell’aquila di mare maggiore sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top