Il satellite BlueWalker3 potrebbe essere più luminoso dopo il Sole e la Luna

L’allarme degli esperti: ”Niente di simile è mai stato visto. Potrebbe emettere bagliori così potenti da essere confuso con oggetti extraterrestri.”

L’enorme satellite per le comunicazioni BlueWalker 3, lanciato sabato scorso a bordo di un razzo SpaceX Falcon 9 dal Kennedy Space Center in Florida (USA), non passerà inosservato nel cielo notturno. Quando dispiegherà la sua antenna nelle prossime settimane, la sua superficie metallica raggiungerà i 64 metri quadrati di estensione, un’area simile a quella di un campo da squash. Come una specie di grande cometa metallica nello spazio, eclisserà la maggior parte delle stelle e tutti i pianeti e potrebbe persino diventare l’oggetto più luminoso dopo il Sole e la Luna. Gli astronomi temono che minerà il lavoro degli osservatori oltre a rendere l’orbita terrestre bassa ancora più pericolosa. Il dispositivo è stato realizzato dall’azienda texana AST SpaceMobile per portare internet direttamente sui telefoni cellulari, anche in località remote. È il primo di molti. In caso di successo, l’azienda prevede di lanciarne altre decine o centinaia. La scommessa di SpaceX e del magnate Elon Musk preoccupa non poco gli astronomi di tutto il mondo. Con il lancio di quasi 3.000 satelliti (gli ultimi 34 sono stati lanciati insieme a BlueWalker 3) la compagnia ha raddoppiato il numero di satelliti nello spazio con l’obbiettivo di raggiungerne decine di migliaia nei prossimi anni. Ma se fino ad oggi si trattava di oggetti di dimensioni ridotte, pari ad un frigorifero, quelli di BlueWalker 3 saranno così grandi “che potrebbero cambiare l’aspetto del cielo per sempre“, avverte David Galadí, coordinatore del gruppo di lavoro Icosaedro (Impatto delle costellazioni di satelliti sui rivelatori radio) a questo giornale e ottica) della Società Spagnola di Astronomia (SEA). “Tutti i satelliti riflettono la luce solare in modo diffuso. Si vedono anche quelli grandi come un elettrodomestico. Non ci siamo mai lamentati della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), che ha dimensioni di 109 metri per 73 metri, ma è solo una e ora avremo molti grandi oggetti nel cielo“, spiega l’astronomo residente di l’Osservatorio di Calar Alto ad Almeria.

Questo dispositivo – continua l’esperto – provocherà lampi molto forti, più luminosi della luna piena. Saranno poco frequenti, dureranno pochi secondi e influenzeranno luoghi molto specifici. Non sarei sorpreso se ci fossero notizie di persone che credono di aver visto astronavi aliene, dischi volantie cose del genere”, avverte Galadí. Da un punto di vista visivo ”nulla di simile si vedeva dagli anni ’60, quando gli USA lanciarono i satelliti del progetto ECHO, che riflettevano la luce solare in modo impressionante’‘. Negli anni ’70, anche i satelliti Iridium, che fornivano servizi di telefonia mobile, emettevano bagliori così forti che era possibile calcolare quando e dove si sarebbero verificati. “E molti dei miei colleghi lo hanno fatto e probabilmente lo faranno con BlueWalker 3“, afferma lo scienziato. Al di là dell’aneddoto, Galadí spiega che questi satelliti danneggiano l’astronomia in due modi. Da un lato, le bande radio in cui le antenne di radioastronomia osservano l’universo possono essere disturbate, sia di giorno che di notte. Possono anche saturare le immagini dell’astronomia ottica, soprattutto in progetti di ricerca con campi molto ampi e telescopi molto sensibili, come quelli del futuro Osservatorio Vera C. Rubin a Cerro Pachón, in Cile, che dovrebbe entrare in funzione il prossimo anno. Questi satelliti “renderanno la vita molto difficile agli osservatori. Possono rovinare l’intera osservazione, è molto preoccupante. È necessario raggiungere una migliore regolamentazione dell’uso dello spazio in modo che qualsiasi tipo di oggetto non possa continuare a essere lanciato senza controllo”, conclude l’esperto.

L’articolo Il satellite BlueWalker3 potrebbe essere più luminoso dopo il Sole e la Luna sembra essere il primo su Scienze Notizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.