Il risveglio del metano nel permafrost di Svalbard

Il risveglio del metano nel permafrost di Svalbard

In profondità sotto i più profondi strati di permafrost su Svalbard ci sono tasche di accumulo di gas che, se fossero sfuggite, potrebbero causare problemi per le emissioni di metano. (YDP/Shutterstock.com)

Nelle profondità sotto il permafrost di Svalbard, un arcipelago norvegese, si sta risvegliando una minaccia a lungo sepolta. Milioni di metri cubi di metano sono intrappolati sotto il ghiaccio, ma gli scienziati hanno scoperto che questo gas può migrare sotto il sigillo freddo del permafrost e potenzialmente sfuggire. Una fuga su larga scala potrebbe creare un ciclo di riscaldamento in cui il ghiaccio che si scioglie rilascia il gas intrappolato, contribuendo a ulteriori scioglimenti e aumentando le emissioni di metano. Inoltre, è probabile che ci siano altri depositi di metano migranti in attesa di sfuggire in altre parti della regione artica.

Il metano è un potente gas serra, come afferma il dottor Thomas Birchall del Centro universitario di Svalbard. Attualmente, le perdite dal permafrost sono basse, ma fattori come il ritiro dei ghiacciai e il disgelo del permafrost potrebbero aumentare le emissioni di metano in futuro. Il disgelo del permafrost, causato dai cambiamenti climatici, è un problema allarmante. Il permafrost di Svalbard non è uniforme o continuo, con alcune aree più calde a causa delle correnti oceaniche e quindi con strati più sottili o irregolari. Inoltre, il permafrost nelle zone montane è più secco e più permeabile rispetto al gelo saturato di ghiaccio delle pianure. Le rocce sottostanti il permafrost sono spesso fonti di combustibili fossili che rilasciano metano, che viene poi intrappolato sotto il coperchio freddo. Tuttavia, alcune caratteristiche geologiche possono consentire la fuga del gas.

I ricercatori hanno utilizzato dati storici raccolti da scienziati e aziende commerciali che hanno forato il permafrost alla ricerca di combustibili fossili. Hanno mappato il permafrost in tutto Svalbard e individuato le accumulazioni di gas metano. Hanno osservato la tendenza delle misurazioni della temperatura, monitorato i pozzi nel lungo termine e prestato attenzione alla formazione di ghiaccio nel pozzo, ai cambiamenti nei detriti prodotti durante lo scavo e alle misurazioni del gas di fondo. Hanno scoperto che c’erano flussi di gas nel pozzo, suggerendo l’accumulo di metano nel permafrost, così come misurazioni anomale della pressione che indicavano che il ghiaccio fungeva da sigillo. In alcuni luoghi, tuttavia, non c’era gas presente, nonostante il permafrost e le caratteristiche geologiche sottostanti fossero adatte a intrappolare il gas e le rocce fossero note fonti di idrocarburi. Questo dimostra che il gas si era già spostato altrove.

Le accumulazioni di gas erano più comuni di quanto si pensasse in precedenza. Dei 18 pozzi di esplorazione degli idrocarburi forati a Svalbard, otto mostravano segni di permafrost e la metà di questi ha colpito l’accumulo di gas. Tutti i pozzi che hanno incontrato accumuli di gas lo hanno fatto per caso, mentre i pozzi di esplorazione degli idrocarburi che mirano specificamente a accumuli in ambienti più tipici hanno un tasso di successo molto inferiore al 50 percento. Un esempio aneddotico proviene da un pozzo vicino all’aeroporto di Longyearbyen, dove i perforatori hanno sentito un suono di bolle provenire dal pozzo e hanno rilevato livelli esplosivi di metano. Lo studio è stato pubblicato su Frontiers in Earth Science.

Links:

L’articolo Il risveglio del metano nel permafrost di Svalbard sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top