Il primo animale ibrido allevato dall’uomo: il mistero dei kunga dell’Età del Bronzo

Il primo animale ibrido allevato dall’uomo: il mistero dei kunga dell’Età del Bronzo
Sin dalla loro scoperta nel 2006, gli archeologi si sono chiesti a chi appartenessero questi strani scheletri. (© Glenn Schwartz / John Hopkins University)

Un ibrido tra un asino e un’asina dell’Età del Bronzo della Mesopotamia è il primo esempio conosciuto di un animale ibrido allevato dall’uomo. Le ossa di queste creature simili ai cavalli risalgono a 4.500 anni fa e mettono fine a decenni di dispute sull’identità degli equidi antichi.

Dopo un’attenta sequenziamento del DNA, il team dell’Istituto Jacques Monod (CNRS/Université de Paris) crede che le ossa appartengano a un kunga – un incrocio tra un’asina domestica femmina e un asino selvatico maschio.

Le ossa di 25 animali – ora noti come kunga – sono state scoperte a Tell Umm el-Marra, una tomba reale nel nord della Siria, nel 2006. Le scheletri completi assomigliavano a cavalli, ma avevano proporzioni diverse, il che ha confuso gli archeologi, così come il fatto che i cavalli non furono introdotti nell’area fino a 500 anni dopo.

Gli enigmatici equidi sono anche presenti in testi antichi e icone della Mesopotamia, dove vengono raffigurati utilizzati in “diplomazia, cerimonie e guerre”. I kunga più grandi venivano utilizzati per trainare veicoli, mentre i loro amici più piccoli venivano utilizzati in agricoltura, ad esempio per trainare aratri.

Il pannello di Ninive “caccia agli asini selvatici” (645-635 a.C.) mostra l’acquisizione di asini selvatici.
© Eva-Maria Geigl / IJM / CNRS-Université de Paris

Ma è stato solo quando il team dietro il nuovo studio ha confrontato i loro genomi con quelli di altre specie che sono stati in grado di determinare esattamente cosa fossero questi animali misteriosi. Gli scheletri non appartenevano a cavalli, asini o onagri – asini selvatici asiatici – portando i ricercatori a ipotizzare che potessero essere un ibrido.

Per confermare ciò, hanno sequenziato il DNA di un osso di equide di 11.000 anni fa trovato in Turchia e denti e peli del XIX secolo degli ultimi asini selvatici siriani sopravvissuti. Hanno scoperto che gli scheletri in Siria avevano la linea materna dell’asino domestico (Equus africanus) e la linea paterna dell’asino selvatico siriano (E. hemionus).

I ricercatori ritengono che questa combinazione potrebbe aver fornito la combinazione perfetta di temperamento dell’asino e velocità dell’asino selvatico. Il kunga risultante sarebbe stato più forte e più veloce di un asino, ma più facilmente addomesticabile di un asino. Si ritiene anche che abbiano avuto un costo fino a sei volte superiore a quello di un asino.

Un piccolo e astuto piano di una civiltà siriana-mesopotamica antica che chiaramente aveva una comprensione avanzata dell’allevamento.

“È sorprendente vedere che queste antiche società immaginavano qualcosa di così complesso come l’allevamento ibrido, poiché si trattava di un atto intenzionale: avevano l’asino domestico, sapevano che non potevano addomesticare l’asino selvatico siriano e non hanno addomesticato i cavalli”, ha detto la co-autrice Eva-Maria Geigl a Gizmodo.

“Quindi, hanno intenzionalmente sviluppato una strategia per allevare due specie diverse per combinare caratteristiche diverse che hanno trovato desiderabili in ciascuna delle specie genitoriali.”

Questo non è stato un compito facile, poiché gli animali ibridi – come il sturddlefish e il whaluga, ad esempio – sono per lo più (ma non sempre) sterili, il che significa che ogni kunga doveva essere intenzionalmente allevato.

La complicazione aggiuntiva potrebbe spiegare l’estinzione finale del kunga. L’arrivo del cavallo domestico 4.000 anni fa ha fornito alle società mesopotamiche un animale altrettanto forte e veloce da utilizzare e molto più facile da riprodurre.

Nel corso dei millenni dalla creazione del kunga, gli esseri umani hanno allevato ogni sorta di ibridi strani e meravigliosi, dal robusto Beefalo ai gustosi maiali dell’Età del Ferro – ma tutto è iniziato con questo equide ormai estinto, il primo animale ibrido allevato dall’uomo al mondo.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Science Advances.

Una versione precedente di questo articolo è stata pubblicata nel gennaio 2022.

L’articolo Il primo animale ibrido allevato dall’uomo: il mistero dei kunga dell’Età del Bronzo sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top