Il prendere in giro giocoso: un comportamento condiviso tra primati e umani

Il prendere in giro giocoso: un comportamento condiviso tra primati e umani
Monkey see, monkey prod. (Wirestock Creators/Shutterstock.com)

Oranghi, scimpanzé, bonobo e gorilla condividono molti tratti con gli esseri umani, e ora sembra che possiamo aggiungere il prendere in giro alla lista. Il prendere in giro giocoso, quello che emerge nei bambini umani prima che possano parlare e che potrebbe essere stato un passo cruciale verso l’umorismo nella linea umana (non che sia sempre stato così buono… hai visto la barzelletta più antica del mondo?). 

Il gioco comprende molti comportamenti, ma il prendere in giro è uno di quelli che, essendo legato al linguaggio, potremmo trovare anche in altre specie. Homo sapiens può iniziare prima che siamo pronti a camminare e parlare. Lo vediamo nei bambini di soli otto mesi, e poiché non richiede

“I grandi primati sono ottimi candidati per il prendere in giro giocoso, poiché sono strettamente imparentati con noi, si impegnano nel gioco sociale, mostrano risate e dimostrano una comprensione relativamente sofisticata delle aspettative degli altri”, ha detto la ricercatrice post-dottorato e prima autrice dello studio, Isabelle Laumer, in una statement.

In quello che deve essere stato uno degli studi osservazionali più gioiosi, un team di ricercatori ha analizzato le riprese delle interazioni sociali tra i primati, prestando particolare attenzione ai movimenti del corpo, alle espressioni facciali e alle azioni degli animali. Hanno anche cercato indicatori di intenzione, come ad esempio se il “prenditore in giro” aspettava una risposta dal “bersaglio” e se stavano dirigendo il loro comportamento verso uno o più individui.

Tra i confermati “prenditori in giro” c’erano oranghi, scimpanzé, bonobo e gorilla, che sono stati trovati a impegnarsi in comportamenti di prendere in giro insieme a quello che sembrava essere gioco. Molto del prendere in giro giocoso sembrava ruotare attorno a provocare una risposta o cercare di attirare l’attenzione di un altro individuo, qualcosa di cui chiunque abbia mai avuto a che fare con un bambino di cinque anni sarà senza dubbio familiare.

“Era comune che i prenditori in giro agitassero o oscillassero ripetutamente una parte del corpo o un oggetto nel campo visivo del bersaglio, lo colpissero o lo pungessero, lo fissassero da vicino in faccia, disturbassero i suoi movimenti, tirassero i suoi capelli o eseguissero altri comportamenti che erano estremamente difficili da ignorare per il bersaglio”, ha aggiunto l’autrice senior dello studio, la professoressa Erica Cartmill.

Sì… in modo spaventosamente familiare.

Silverbacks look serious, but even they can’t resist playful teasing.
Max Block

evoluzione. Dato il ruolo fondamentale che le battute giocano nelle interazioni umane oggi, è logico che ci sia voluto un po’ di tempo per adattare la nostra abilità. Per quanto riguarda il motivo per cui le chiacchiere degli scimpanzé sono una preoccupazione per noi umani, capire come e dove sono emersi gli elementi precoci dell’umorismo tra i primati può insegnarci qualcosa sulla nostra

“Dal punto di vista evolutivo, la presenza di prendere in giro giocoso in tutti e quattro i grandi primati e le sue somiglianze con il prendere in giro giocoso e le battute nei bambini umani suggeriscono che il prendere in giro giocoso e i suoi prerequisiti cognitivi potrebbero essere stati presenti nel nostro ultimo antenato comune, almeno 13 milioni di anni fa”, ha concluso Laumer. 

“Speriamo che il nostro studio ispiri altri ricercatori a studiare il prendere in giro giocoso in più specie al fine di comprendere meglio l’evoluzione di questo comportamento multifacetico. Speriamo anche che questo studio aumenti la consapevolezza delle somiglianze che condividiamo con i nostri parenti più stretti e dell’importanza di proteggere questi animali in via di estinzione.”

Lo studio è stato pubblicato su Proceedings of the Royal Society B.

L’articolo Il prendere in giro giocoso: un comportamento condiviso tra primati e umani sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top