Il modulo americano atterrato sulla Luna si è ribaltato

“Finora disponiamo di capacità operative sufficienti, nonostante la posizione”, ha affermato la società di sviluppo Odysseus.

Il modulo di atterraggio lunare Odysseus, sviluppato dalla compagnia spaziale americana Intuitive Machines, si è ribaltato durante l’atterraggio sulla Luna dopo essere inciampato in una gamba. La caduta ha ostacolato le comunicazioni. Ad annunciarlo è stata la società durante una conferenza stampa questo venerdì. Il team di Intuitive Machines, che è diventata la prima azienda privata a effettuare un allunaggio, inizialmente credeva che il velivolo esagonale a sei gambe fosse in posizione verticale dopo la sua discesa giovedì. Tuttavia, il CEO Steve Altemus ha notato, dopo qualche ora, che il modulo è caduto su un fianco durante la manovra e molto probabilmente si è fermato contro una roccia. E’ probabile che Ulisse stava viaggiando troppo velocemente e che una delle sue gambe avrebbe potuto rompersi. “Finora abbiamo una capacità operativa sufficiente, anche se siamo capovolti “, ha detto ai giornalisti. Tuttavia, Altemus ha avvertito che alcune antenne erano rivolte verso la superficie, limitando la capacità dei controllori di volo di comunicare e ottenere i dati corretti. Le antenne sono posizionate sopra il dispositivo da 4,3 metri per facilitare le comunicazioni nella regione del polo sud lunare, un luogo montuoso, pieno di crateri e ombreggiato. La navicella spaziale si trova a pochi chilometri dal luogo di atterraggio previsto, vicino al cratere Malapert A, a meno di 300 chilometri dal polo sud. Il modulo è stato trasportato da un razzo Falcon 9 della compagnia americana SpaceX. Si tratta del primo atterraggio di una navicella spaziale statunitense sul satellite naturale della Terra in più di 50 anni, dalla missione Apollo 17 del 1972.

Notevoli difficoltà in discesa

Il raggiungimento della Luna non è stato privo di difficoltà. Durante la planata, Ulisse avrebbe dovuto atterrare autonomamente sulla Luna con un sistema di navigazione laser di Intuitive Machines. Tuttavia, gli operatori hanno dimenticato di attivarli prima del lancio e se ne sono accorti solo cinque minuti prima dell’arrivo, quando hanno cercato di determinare la zona di atterraggio dall’orbita utilizzando un laser. Intuitive Machines ha deciso di ritardare la manovra e condurre un’orbita aggiuntiva prima dell’atterraggio per prepararsi a un aggiornamento di emergenza. La patch del software ha consentito alla navicella spaziale di utilizzare lo strumento laser sperimentale della NASA a bordo come sistema di navigazione. Uno strumento chiamato EagleCam, un cubo con telecamere, avrebbe dovuto emergere 30 secondi prima dell’atterraggio per catturare immagini del punto di riferimento, ma il dispositivo è stato deliberatamente spento durante la discesa perché era necessario modificare il sistema di navigazione. La missione privata IM-1, che mira a raccogliere dati sull’ambiente della superficie lunare, è stata lanciata il 15 febbraio.

L’articolo Il modulo americano atterrato sulla Luna si è ribaltato sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top