Il mistero dell’antico delfino d’acqua dolce dell’Amazzonia

Il mistero dell’antico delfino d’acqua dolce dell’Amazzonia
None (Jaime Bran)

I delfini d’acqua dolce dell’Amazzonia e del Sud Asia hanno catturato l’attenzione globale grazie alla loro pelle rosa unica e al loro status di mammiferi altamente minacciati. La scoperta di nuove prove fossili di un antico delfino d’acqua dolce risalente a 16,5 milioni di anni fa ha gettato luce sulle origini di queste affascinanti creature.

Il cranio e altri resti fossili di questo antico delfino sono stati rinvenuti nel Rio Napo, Loreto, Perù nel 2018 e risalgono al periodo compreso tra l’inizio e la metà del Miocene, datati a oltre 16,5 milioni di anni fa. Questo delfino, chiamato Pebanista yacuruna gen. et sp. nov., si pensa avesse una lunghezza di circa 3 metri (9,8 piedi), rendendolo il più grande tra i delfini d’acqua dolce conosciuti.

Confronto delle dimensioni di diversi delfini fluviali che mostrano cinque specie. Ognuno ha un contorno grigio per mostrare le dimensioni massime e un riempimento bianco per mostrare le dimensioni minime registrate o ricostruite di ciascuna specie.

Confronto delle dimensioni di diversi delfini fluviali.
Jaime Bran & Aldo Benites-Palomino

Le caratteristiche fisiche di P. yacuruna suggeriscono che fosse un animale robusto, con un muso lungo e occhi estremamente piccoli, quasi privi di vista. Si ipotizza che questi antichi delfini si muovessero nelle acque fangose dell’Amazzonia utilizzando i loro piccoli meloni frontali per l’ecolocalizzazione.

Analizzando da vicino il cranio, caratterizzato da un muso allungato, grandi denti e una fronte ben sviluppata, gli studiosi ritengono che questo antico delfino fosse perfettamente adattato alla vita in acqua dolce. I delfini d’acqua dolce attuali dell’Amazzonia discendono da un ceppo conosciuto come Iniidae.

Al contrario, i delfini d’acqua dolce del Sud Asia, noti come Platanistidae, hanno un’evoluzione meno documentata a causa della rarità dei fossili. Tra di essi vi è il delfino del fiume Gange (Platanista gangetica gangetica), che vive nei corsi d’acqua del fiume Gange in India.

Un’analisi filogenetica ha rivelato che i resti fossili del cranio sono strettamente imparentati con il delfino del fiume Gange, suggerendo che questo gruppo di platanistidi abbia iniziato a colonizzare i sistemi d’acqua dolce in Sud Africa e Sud America prima degli antenati del clade Iniidae, da cui derivano i moderni delfini d’acqua dolce dell’Amazzonia.

Il ritrovamento di Pebanista nei sedimenti proto-amazzonici indica che i platanistidi si sono diffusi negli ecosistemi d’acqua dolce non solo in Sud Asia ma anche in Sud America, anticipando il delfino d’acqua dolce moderno del Rio delle Amazzoni, in un momento cruciale per l’evoluzione amazzonica.

Quando P. yacuruna popolava l’Amazzonia, la regione era caratterizzata da vaste zone umide e ambienti d’acqua dolce ricchi di cibo e biodiversità, favorendo l’evoluzione di dimensioni corporee più grandi. Lo studio è stato pubblicato su Science Advances, contribuendo a una migliore comprensione dell’evoluzione dei delfini d’acqua dolce e dei loro antichi ambienti.

In cima all'immagine c'è una fotografia del cranio di Pebanista yacuruna, sotto c'è un modello 3D del cranio nella stessa vista.
Il lungo muso, la grande fronte e i piccoli occhi suggeriscono che
Aldo Benites-Palomino

L’articolo Il mistero dell’antico delfino d’acqua dolce dell’Amazzonia sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top