Il mistero della ”lucidità terminale” nei soggetti affetti da demenza incuriosisce la medicina

La demenza è causata dal declino cognitivo nel cervello. In altre parole, il paziente comincia ad avere difficoltà ad esprimersi, dimentica le cose, non riconosce più i familiari e può diventare disorientato, oltre a presentare numerosi altri sintomi. Tuttavia la scienza e la medicina hanno individuato qualcosa di curioso che coinvolge questi individui: la lucidità terminale. È come se le funzioni cognitive e la memoria ritornassero temporaneamente, come lampi, prima della morte per un ultimo colloquio o un semplice addio. In media, il 43% delle persone sperimenta questo tipo di lucidità nelle 24 ore prima della morte. Considerando l’intervallo di una settimana prima della partenza, la ripresa temporanea delle funzioni cerebrali si osserva nell’84% dei pazienti, secondo un piccolo studio pubblicato sulla rivista The Journal of Nervous and Mental Disease. Le cause del momento di lucidità prima della partenza nelle persone affette da demenza sono ancora un mistero, ma le testimonianze di questa esperienza sono condivise da più di 200 anni. Nonostante le notizie, alcuni vedono ancora la questione con notevole scetticismo.

Cos’è la lucidità terminale?

Sebbene la lucidità terminale possa manifestarsi nei pazienti affetti da demenza, compresi quelli affetti dal morbo di Alzheimer, questa non è l’unica condizione ad essere associata alla temporanea ripresa delle capacità intellettive. Episodi di questo tipo sono stati osservati anche in pazienti con schizofrenia, ascessi cerebrali, tumori cerebrali e dopo ictus debilitanti , ad esempio. In tutti questi casi, il cervello smette di funzionare come previsto, ma dopo che succede qualcosa, la persona sperimenta brevi e rari momenti di lucidità. La condizione è relativamente prevedibile prima che la persona muoia, ma questo tipo di lucidità non è necessariamente un presagio di morte: ci sono resoconti di questa esperienza avvenuta sei mesi prima della morte. C’è quindi chi suggerisce di usare l’espressione lucidità paradossale, poiché è un paradosso (un’apparente contraddizione) che una persona con una malattia neurodegenerativa avanzata abbia questo livello di lucidità. Indipendentemente da quando avviene l’esperienza, la lucidità può sorprendere la famiglia, gli amici e gli operatori sanitari. Dopotutto, le persone possono sviluppare conversazioni profonde, condividere ricordi dimenticati, fare battute o persino ordinare il cibo che preferiscono.

Il mistero della ”lucidità terminale” nei soggetti affetti da demenza incuriosisce la medicina
Episodi di lucidità intrigano da sempre la medicina

Nel corso della storia, diverse ipotesi sono state collegate a episodi di lucidità terminale, come l’attivazione di trigger da parte della musica o la presenza di persone care – le prove non confermano ancora queste idee. Un’altra possibile spiegazione risiede in un presunto cambiamento nel comportamento dell’attività cerebrale prima della morte, ma, anche in questo caso, mancano prove concrete che ciò avvenga.

Difficoltà nello studio del fenomeno

Uno dei fattori che spiega tutto il mistero della lucidità paradossale è la difficoltà di studiarla. Del resto, “non tutte le persone affette da demenza avanzata avranno episodi di lucidità prima della morte”, spiegano i ricercatori della Monash University (Australia), in un articolo sulla piattaforma The Conversation. D’altra parte, quando si verificano episodi, sono imprevedibili, senza uno specifico fattore scatenante noto. “Poiché la lucidità terminale può essere un momento di gioia per coloro che assistono all’episodio, non sarebbe etico per gli scienziati utilizzare questo tempo [prezioso] per condurre le loro ricerche“, aggiungono i ricercatori Yen Ying Lim e Diny Thomson, dell’università australiana.

È importante notare che questi episodi di lucidità sono temporanei e, purtroppo, non rappresentano un’inversione della malattia neurodegenerativa“, avvertono i ricercatori. Ad oggi, la scienza non ha nemmeno scoperto come curare le condizioni che colpiscono il cervello , come i diversi tipi di demenza. Le attuali linee di trattamento cercano di rallentare questo processo e di fornire qualità di vita ai pazienti in diversi modi.

L’articolo Il mistero della ”lucidità terminale” nei soggetti affetti da demenza incuriosisce la medicina sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top