Il mistero del Voyager 1: la sfida della comunicazione nello spazio interstellare

Il mistero del Voyager 1: la sfida della comunicazione nello spazio interstellare
Vista di Voyager 1 del Sistema Solare. (NASA, ESA e G. Bacon (STScI))

La NASA ha identificato l’origine del problema che ha causato al Voyager 1 di inviare un modello ripetitivo di 1 e 0 anziché dati utili. Il Voyager 1 è l’oggetto creato dall’uomo che ha raggiunto la distanza più lontana nello spazio, superando l’eliopausa e dirigendosi verso lo spazio interstellare. Durante il suo viaggio epico, ha continuato a trasmettere preziosi dati sulla Terra, contribuendo alla nostra comprensione dello spazio interstellare al di là del nostro Sistema Solare. Tutto ciò è stato possibile con soli 69,63 kilobyte di memoria e utilizzando in parte il codice originariamente scritto in Fortran 5, un linguaggio informatico arcaico.

Suzanne Dodd, responsabile del progetto Voyager, ha sottolineato che il pulsante per aprire la porta di un’auto ha più potenza di calcolo rispetto ai veicoli spaziali Voyager. È sorprendente che questi veicoli abbiano continuato a volare per oltre 46 anni, nonostante le sfide incontrate lungo il cammino, compreso l’ambiente ad alta radiazione che attraversano.

Nel settembre 2023, è emerso un problema con i dati trasmessi dal Voyager 1. Invece del normale codice binario che rappresenta le informazioni, la sonda stava inviando una sequenza alternata di 1 e 0. Questo ha causato un’interruzione nella comunicazione tra il veicolo spaziale e la Terra, sostituendo la voce del Voyager con un segnale acustico monotono.

Gli ingegneri della NASA hanno individuato il Sistema di Dati di Volo (FDS) come la fonte probabile del problema. Nonostante gli sforzi intensi del team per risolvere la situazione, il processo potrebbe richiedere diversi mesi. A marzo, è stato inviato un comando “poke” al Voyager 1 per ottenere una lettura della memoria del FDS e altre variabili nel software.

È emerso che circa il 3 percento della memoria del Voyager 1 è diventato corrotto, probabilmente a causa di un singolo chip difettoso. Gli ingegneri non sono ancora certi se il problema sia stato causato da una particella energetica dello spazio o dall’usura dopo così tanti anni di attività. Il team si trova sotto pressione poiché il sistema di alimentazione al plutonio del veicolo spaziale sta esaurendo la sua energia.

Nonostante le sfide, il team si mostra ottimista riguardo alla risoluzione del problema nelle prossime settimane e mesi, consentendo al Voyager 1 di riprendere l’invio di dati scientifici preziosi.

Links:

L’articolo Il mistero del Voyager 1: la sfida della comunicazione nello spazio interstellare sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top