Il Mistero del Calamaro Colossale

Il Mistero del Calamaro Colossale
Gli esemplari sono conservati in musei di tutto il mondo, ma pochi hanno mai visto un calamaro colossale vivo. (Mgiganteus1 tramite Wikimedia Commons (CC BY-SA 4.0))

Benvenuti nell’oceano, un vasto e affascinante mondo abitato da una varietà di creature straordinarie, che vanno dal simpatico polpo dumbo al potere predatorio delle orche, con molte altre creature affascinanti che popolano le sue profondità. Tuttavia, una creatura in particolare ha catturato l’immaginazione di molti: il calamaro colossale.

Il calamaro colossale, protagonista di storie di navi distrutte e giganteschi tentacoli emergenti dalle profondità, è in realtà una specie reale chiamata Mesonychoteuthis hamiltoni. Questi enormi calamari abitano le profondità dell’Oceano Meridionale che circonda l’Antartide, e la loro presenza è avvolta da un alone di mistero.

La sfuggente natura del calamaro colossale ha contribuito a creare un’aura di enigma attorno a questa specie. Il Museo di Storia Naturale di Londra ha confermato che non esistono fotografie di questi calamari vivi nel loro habitat naturale. Le informazioni su di loro provengono principalmente da pochi esemplari avvistati o catturati nel corso degli anni.

Il primo avvistamento documentato di un calamaro colossale risale al 1981, e attualmente il Museo di Nuova Zelanda Te Papa Tongarewa a Wellington ospita tre esemplari di questa straordinaria creatura nella sua collezione.

Ma quanto è grande esattamente un calamaro colossale? Questi calamari detengono diversi record mondiali, essendo considerati gli invertebrati più grandi del pianeta e vantando gli occhi più grandi di qualsiasi altra specie terrestre.

Uno studio del 2017 ha rivelato che gli occhi del calamaro colossale possono raggiungere un diametro di circa 27 centimetri, posizionati in modo tale da offrire una visione ottimale alle profondità di 2.000 metri in cui vivono, consentendo loro di individuare potenziali predatori come le balene speronate.

rappresentazione artistica di un calamaro colossale, un grande calamaro rosso con i tentacoli rivolti verso il fronte destro, mostrato in 3D
Questa è un’interpretazione artistica di come probabilmente appare un calamaro colossale in natura.
Sebastian Kaulitzki/Shutterstock.com

Con una lunghezza stimata di 14 metri e un peso di almeno 500 chilogrammi, il calamaro colossale, con i suoi tentacoli e le braccia, rappresenta una presenza imponente negli abissi oceanici, soprattutto le femmine che sono i membri più grandi della specie.

Contrariamente al calamaro gigante, che presenta braccia e tentacoli più lunghi ma un corpo più corto, i calamari colossali sono più pesanti, mentre i calamari giganti si distinguono per la loro maggiore lunghezza grazie ai lunghi tentacoli.

Ma cosa mangia esattamente un calamaro colossale? Come tutte le specie di calamari, anche il calamaro colossale è dotato di un becco duro per catturare e consumare le sue prede, oltre a ganci rotanti alle estremità dei tentacoli.

Si ritiene che la dieta di questi giganti marini includa pesci di grandi dimensioni come il merluzzo della Patagonia e squali dormienti, oltre ad altre specie di calamari, compresi possibili atti di cannibalismo. A volte, le balene speronate vengono trovate con segni insoliti sulla pelle, suggerendo che abbiano tentato di catturare un calamaro colossale.

Links:

L’articolo Il Mistero del Calamaro Colossale sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top