Il Mistero dei Cinghiali Radioattivi di Chernobyl

Il Mistero dei Cinghiali Radioattivi di Chernobyl
Due cinghiali selvatici che dormono per terra vicino a Chernobyl, probabilmente con la pancia piena di tartufi di cervo. (Joachim Reddermann/TU Wien)

I cinghiali di Chernobyl sono stati oggetto di un mistero scientifico di lunga data. Mentre la radioattività dei cervi nella regione è diminuita in modo prevedibile nel corso dei decenni, i cinghiali sono rimasti sorprendentemente radioattivi.

Si è scoperto che questi maiali ucraini non sono solo irradiati dall’infame disastro del 1986, ma anche dai test atomici delle bombe degli anni ’60. L’enigma radioattivo è stato risolto nel 2023 da un team di scienziati dell’Università di Vienna e dell’Università Leibniz di Hannover, che sono riusciti a tracciare l’origine della radioattività utilizzando misurazioni all’avanguardia.

Il disastro di Chernobyl del 1986 ha emesso quantità significative di cesio-137, un isotopo radioattivo con una emivita di poco più di 30 anni. Dato che sono passati oltre tre decenni dall’incidente, ci si aspetterebbe che i livelli dell’isotopo siano diminuiti di almeno il 50 percento. Tuttavia, questo declino non si riscontra nella carne di cinghiale; i livelli di radiazione sono rimasti quasi costanti negli ultimi 30 anni.

Utilizzando misurazioni più precise, il team è stato in grado di vedere che un altro isotopo simile era in gioco: il cesio-135, che ha una emivita molto più lunga. Questo non era stato apprezzato in precedenza poiché l’isotopo è molto difficile da misurare. Dato che ha una emivita così lunga e raramente decade, non è possibile rilevarlo solo con rilevatori di radiazioni. È necessario lavorare con metodi spettrometrici di massa e fare sforzi relativamente grandi per distinguerlo con precisione dagli altri atomi, ha dichiarato il professor Georg Steinhauser, esperto di radiazioni.

Steinhauser si è trasferito dall’Università Leibniz di Hannover all’Università di Vienna nel 2022 e ha aggiunto: “Siamo riusciti a farlo. È emerso che i cinghiali di Chernobyl erano ancora pieni di cesio-135, ecco perché la loro carne produceva ancora alti livelli di radioattività.”

Tuttavia, ciò solleva la questione del perché i cinghiali siano colpiti, ma i cervi o altri animali selvatici sembrano non esserlo. Molto probabilmente ha a che fare con la dieta dei cinghiali a base di tartufi di cervo, un fungo che si trova a 20-40 centimetri sotto il terreno.

Il cesio filtra nel terreno molto lentamente, quindi i tartufi sotterranei stanno solo ora assorbendo il cesio rilasciato nell’incidente di Chernobyl. Allo stesso tempo, i tartufi di cervo sono ancora carichi di isotopi di cesio dai test delle armi nucleari durante la Guerra Fredda.

A causa di questa doppia dose di radiazioni a rilascio lento, i livelli di contaminazione osservati nei cinghiali sono rimasti relativamente costanti per decenni, mentre gli altri animali selvatici di Chernobyl sono riusciti a riprendersi e persino prosperare.

Se si sommano tutti questi effetti, si può spiegare perché la radioattività dei tartufi di cervo – e di conseguenza dei maiali – rimane relativamente costante nel corso degli anni, ha spiegato Steinhauser. “Il nostro lavoro mostra quanto possano essere complesse le interazioni negli ecosistemi naturali, ma anche che le risposte a tali enigmi possono essere trovate se le misurazioni sono sufficientemente accurate,” ha aggiunto.

Lo studio è stato pubblicato l’anno scorso sulla rivista Environmental Science & Technology.

Links:

L’articolo Il Mistero dei Cinghiali Radioattivi di Chernobyl sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top