Il Grande Filtro: la spiegazione del silenzio alieno nell’universo

Il Grande Filtro: la spiegazione del silenzio alieno nell’universo
Cosa impedisce alla vita aliena di essere rilevata dagli umani? (Jiang et al., arXiv, 2022 (CC BY-NC-SA 4.0))

Con 200 miliardi di trilioni di stelle (circa) nell’universo e i 13,7 miliardi di anni trascorsi da quando tutto è iniziato, potresti chiederti dove si trovino tutte le civiltà aliene. 

Questa è la domanda di base del paradosso di Fermi, la tensione tra le nostre supposizioni sul potenziale di vita nell’universo (dato che sono stati trovati pianeti nelle zone abitabili, ecc.) e il fatto che abbiamo trovato solo un pianeta con una specie intelligente (circa) che lo abita. 

Una soluzione, o almeno un modo di pensare al problema, è conosciuta come il Grande Filtro. Proposto da Robin Hanson dell’Istituto per il Futuro dell’Umanità presso l’Università di Oxford, l’argomento sostiene che, dato l’assenza di civiltà aliene tecnologicamente avanzate osservate, deve esserci una grande barriera allo sviluppo della vita o della civiltà che impedisce loro di raggiungere una fase in cui stanno avendo impatti rilevanti e rilevabili sul loro ambiente, che possiamo osservare dalla Terra.

“Si parte con miliardi e miliardi di punti di germinazione potenziali per la vita, e si finisce con un totale di zero civiltà extraterrestri che possiamo osservare”, spiega Nick Bostrom, anch’egli dell’Istituto per il Futuro dell’Umanità. “Il Grande Filtro deve quindi essere abbastanza potente – cioè, i passaggi critici devono essere abbastanza improbabili – che anche con molti miliardi di lanci di dadi, si finisce con niente: nessun alieno, nessuna navicella spaziale, nessun segnale, almeno nessuno che possiamo rilevare nella nostra zona”.

Hanson ha proposto le fasi che la vita potrebbe dover superare (o le condizioni che devono essere soddisfatte affinché la vita si verifichi e continui) per arrivare a dove siamo ora e oltre. Queste sono state:

  1. Il sistema stellare giusto (inclusi gli organici)
  2. Qualcosa di riproduttivo (ad esempio l’RNA)
  3. Vita semplice (procarionti a cellula singola)
  4. Vita complessa (archeobatteri ed eucarioti a cellula singola)
  5. Riproduzione sessuale
  6. Vita pluricellulare
  7. Animali che usano strumenti con grandi cervelli
  8. Dove siamo ora
  9. Un’esplosione di colonizzazione

“Il Grande Silenzio implica che uno o più di questi passaggi siano molto improbabili; c’è un ‘Grande Filtro’ lungo il percorso tra semplici cose morte e vita esplosiva”, ha scritto Hanson nel documento originale. “La stragrande maggioranza delle cose che inizia lungo questo percorso non ce la fa. Infatti, finora nulla tra i miliardi di trilioni di stelle del nostro intero universo passato ce l’ha fatta fino in fondo lungo questo percorso”.

Cercare nella galassia sistemi stellari adatti alla vita, stelle per pianeti e pianeti per biosfere e tecnofirme potrebbe dirci di più su dove si trovi il Grande Filtro. Potrebbe essere che le condizioni per la vita anche solo semplice siano rare (cosa che non sembra probabile dato il collo di bottiglia dell’ossigeno che impedisce alle specie intelligenti di lasciare l’Età della Pietra). O il Grande Filtro si trova da qualche parte tra dove siamo ora e le civiltà che colonizzano? In tal caso, significa che il filtro (molto probabilmente la nostra estinzione, a meno che non ci sia un’altra ragione per cui le civiltà che colonizzano rimangono silenziose nei nostri confronti) si trova nel nostro futuro.composti organici trovati negli asteroidi, ad esempio) o che le civiltà incontrino diverse barriere in seguito, come un

La buona notizia è che trovare vita su altri pianeti potrebbe dirci dove siamo in relazione al Grande Filtro o alla nostra estinzione.

“La ricerca di tecnofirme insieme a biosignature fornirebbe conoscenze importanti sul futuro della nostra civiltà. Se i pianeti con tecnofirme sono abbondanti, allora possiamo aumentare la nostra fiducia che il passo più difficile nell’evoluzione planetaria – il Grande Filtro – sia probabilmente nel nostro passato”, come spiega un articolo. “Ma se scopriamo che la vita è comune mentre le tecnofirme sono assenti, allora ciò aumenterebbe la probabilità che il Grande Filtro ci aspetti nel futuro”.

Potrebbe essere che minacce comuni, come gli asteroidi, distruggano le civiltà prima che abbiano la possibilità di iniziare a colonizzare le loro galassie, o che in qualche momento dello sviluppo di una specie tecnologica, inevitabilmente apprendano qualche tecnologia (come le armi nucleari o un altro concetto che non abbiamo ancora scoperto), o che qualche altra minaccia si nasconda là fuori per le specie che sono tecnologicamente avanzate e abbastanza imprudenti da diffondere quel fatto. In un modo o nell’altro, supponiamo che lo scopriremo.

Il documento originale sul Grande Filtro “Il Grande Filtro – Siamo quasi oltre?” è disponibile sul sito web dell’Università George Mason.

L’articolo Il Grande Filtro: la spiegazione del silenzio alieno nell’universo sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top