Il Giappone punta a costruire un ascensore spaziale entro il 2050

Immagina un lungo cavo che collega la Terra allo spazio e che potrebbe lanciarci in orbita a una frazione del costo e catapultarci su altri mondi a velocità record. Questa è l’idea di base dietro un ascensore spaziale .

Invece di impiegare dai sei agli otto mesi per raggiungere Marte , gli scienziati hanno stimato che un ascensore spaziale potrebbe portarci lì in tre o quattro mesi o addirittura in soli 40 giorni . Il concetto di ascensori spaziali non è nuovo, ma progettare una struttura del genere non sarebbe un’impresa facile e molti altri problemi oltre alla tecnologia si frappongono. Ecco perché l’ambizione di costruirne uno seriamente è piuttosto recente. La società giapponese Obayashi Corporation ritiene di avere le competenze necessarie. Nota per aver costruito la torre più alta del mondo, la Tokyo Skytree , la Obayashi Corporation ha annunciato nel 2012 che avrebbe raggiunto altezze ancora più elevate con il proprio ascensore spaziale. In un rapporto dello stesso anno, la società affermava che avrebbe iniziato la costruzione del progetto da 100 miliardi di dollari entro il 2025 e che avrebbe potuto iniziare le operazioni già nel 2050. Anche se Ishikawa ha affermato che la società probabilmente non inizierà la costruzione l’anno prossimo, attualmente è “impegnata nella ricerca e sviluppo, nella progettazione approssimativa, nella costruzione di partnership e nella promozione”, ha detto a Business Insider. Alcuni dubitano addirittura che una simile struttura sia possibile. “È stata un’idea un po’ bizzarra”, ha detto Christian Johnson, che l’anno scorso ha pubblicato un rapporto sugli ascensori spaziali sul Journal of Science Policy & Governance . “Detto questo, ci sono alcune persone che sono veri scienziati che sono davvero d’accordo con questo e vogliono davvero realizzarlo”, ha detto Johnson. Lanciare esseri umani e oggetti nello spazio con i razzi è estremamente costoso. Ad esempio, la NASA ha stimato che le sue quattro missioni lunari Artemis costeranno 4,1 miliardi di dollari per lancio. Il motivo è qualcosa chiamato equazione del razzo . Ci vuole molto carburante per raggiungere lo spazio, ma il carburante è pesante, il che aumenta la quantità di carburante necessaria. “E quindi si vede il tipo di circolo vizioso lì”, ha detto Johnson. Con un ascensore spaziale non hai bisogno di razzi o carburante. Secondo alcuni progetti, gli ascensori spaziali trasporterebbero il carico in orbita su veicoli elettromagnetici chiamati scalatori. Questi alpinisti potrebbero essere alimentati a distanza, ad esempio tramite l’energia solare o le microonde, eliminando la necessità di carburante a bordo. Nel suo rapporto per la Obayashi Corporation, Ishikawa ha scritto che questo tipo di ascensore spaziale potrebbe aiutare a ridurre il costo dello spostamento delle merci nello spazio a 57 dollari per libbra. Altre stime per gli ascensori spaziali in generale fissano il prezzo a 227 dollari per libbra. Anche il Falcon 9 di SpaceX, che, con circa 1.227 dollari la libbra, è uno dei razzi più economici da lanciare, è ancora circa cinque volte più costoso delle stime di costo più elevate per gli ascensori spaziali. Ci sono anche altri vantaggi oltre ai costi. Non c’è pericolo che un razzo esploda e gli alpinisti potrebbero essere veicoli a emissioni zero, ha detto Johnson. Ad un ritmo relativamente lento di 124 miglia orarie, gli scalatori della Obayashi Corporation viaggerebbero più lentamente dei razzi con meno vibrazioni, il che è positivo per le apparecchiature sensibili. Ishikawa ha affermato che la Obayashi Corporation vede l’ascensore spaziale come un nuovo tipo di progetto di lavori pubblici che andrebbe a beneficio di tutta l’umanità. Sulla Terra non c’è abbastanza acciaio per costruire un ascensore spaziale
In questo momento, uno dei maggiori ostacoli alla costruzione di un ascensore spaziale è da cosa realizzare il cavo o il tubo. Per resistere alla tremenda tensione a cui sarebbe sottoposto, il tubo dovrebbe essere molto spesso se fosse realizzato con materiali tipici, come l’acciaio. Tuttavia, “se provassi a costruirlo in acciaio, avrai bisogno di più acciaio di quello esistente sulla Terra”, ha detto Johnson. Il rapporto di Ishikawa suggerisce che la Obayashi Corporation potrebbe utilizzare nanotubi di carbonio . Un nanotubo è uno strato arrotolato di grafite, il materiale utilizzato nelle matite. È molto più leggero e ha meno probabilità di rompersi sotto tensione rispetto all’acciaio, quindi l’ascensore spaziale potrebbe essere molto più piccolo, ha detto Johnson. Ma c’è un problema. Sebbene i nanotubi siano molto resistenti, sono anche minuscoli, un miliardesimo di metro di diametro.

Il Giappone punta a costruire un ascensore spaziale entro il 2050

E i ricercatori non li hanno resi molto lunghi. Il più lungo è solo circa 2 piedi. Per essere adeguatamente bilanciato pur raggiungendo l’orbita geosincrona – dove gli oggetti rimangono in sincronia con la rotazione terrestre – il cavo dovrebbe essere lungo almeno 22.000 miglia, secondo il rapporto di Ishikawa. “Quindi non siamo lì”, ha detto Johnson della lunghezza dei nanotubi. “Ma questo non significa che sia impossibile.” Invece, i ricercatori potrebbero aver bisogno di sviluppare un materiale completamente nuovo, ha detto Ishikawa. Ad esempio, il cavo di un ascensore spaziale sarebbe sottoposto a una tensione così incredibile da essere incline a spezzarsi, ha detto Johnson. Un fulmine potrebbe vaporizzarlo. C’è anche altro tempo da considerare come tornado, monsoni e uragani. Localizzare la base di collegamento all’equatore ridurrebbe la probabilità che si verifichino uragani , ma sarebbe comunque necessario che fosse in mare aperto per rendere più difficile per i terroristi prenderla di mira, ha affermato Johnson. Ci vorrebbero anche molti viaggi per compensare il prezzo gigantesco della costruzione. Questo è solo l’inizio delle sfide. E non possono essere risolti tutti da una sola azienda, ha detto Ishikawa. “Abbiamo bisogno di partenariati”, ha detto. “Abbiamo bisogno di industrie diverse.” “Naturalmente”, ha detto Ishikawa, “la raccolta di fondi è essenziale”. Ci sono molti ostacoli da superare per avviare la costruzione in tempo per entrare in funzione entro il 2050, soprattutto perché Ishikawa stima che ci vorranno 25 anni per costruirla. Ha osservato che la stima del 2050 è sempre accompagnata da avvertenze sui progressi tecnologici. “Non è il nostro obiettivo o la nostra promessa”, ha detto, ma la società punta ancora a quella data. “Penso che queste stime temporali siano ottimistiche”, ha detto Johnson, “anche supponendo che domani ci sia una svolta”.

L’articolo Il Giappone punta a costruire un ascensore spaziale entro il 2050 sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top