Il Coywolf: Il Misterioso Ibrido Canide dell’America del Nord Orientale

Il Coywolf: Il Misterioso Ibrido Canide dell’America del Nord Orientale
Un coyote orientale, alias un coywolf , fotografato da una trappola fotografica nel 2019. (Immagine cortesia di Roland Kays)

Il “coywolf” è il soprannome attribuito ai coyote orientali, un ibrido di lupi e coyote che contiene anche una buona parte di geni di cani domestici. Questo notevole ibrido canide ha goduto di un boom demografico nel corso dell’ultimo secolo e ora può essere trovato nelle pianure, nei parchi e nei vicoli di gran parte dell’America del Nord orientale.

Conosciuti dagli scienziati come coyote orientali, c’è un acceso dibattito su se possano essere considerati una specie separata. Tuttavia, è evidente che questo animale ibrido ha alcune differenze chiare sia rispetto ai comuni coyote (alias coyote occidentali), per non parlare dei lupi e dei cani.

Per questo articolo, ci riferiremo ai coyote orientali come coywolf, anche se tenete presente che alcuni scienziati non gradiscono questo termine.

Com’è un coywolf? Il coywolf medio pesa tra i 13,6 e i 18,2 chilogrammi (30-40 libbre), ma può arrivare fino a 25 chilogrammi (55 libbre). Sono leggermente più grandi dei coyote occidentali ma più piccoli di un lupo. Per quanto riguarda l’aspetto, i coywolf assomigliano di più ai coyote occidentali che ai lupi, presentando lineamenti facciali più lunghi, arti più lunghi, orecchie dritte, una coda folta e un mantello che può variare dal color sabbia e rosso ruggine al grigio e persino al nero.

Per quanto riguarda il comportamento, si dice che i coywolf assumano la varietà di caratteristiche viste nelle specie genitrici: come i lupi, cacciano in branco; come i coyote, possono sopravvivere nelle pianure aperte; come i cani, non hanno paura degli esseri umani. Questa miscela unica di tratti è in parte ciò che ha reso il coywolf così adattabile e di successo.

Non ci sono stime solide dei loro numeri di popolazione, anche se i dati raccolti dai trappolatori suggeriscono che stanno diventando più comuni nella maggior parte degli stati orientali degli Stati Uniti.

Un coyote orientale caccia nelle pianure aperte in Nord America.
Proprio come i coyote occidentali, i coyote orientali sono adattati alla caccia nelle pianure aperte.
Immagine cortesia di Roland Kays

Dove vivono i coywolf? Oggi, i coywolf possono essere trovati in gran parte del Nord America orientale, comprese le regioni nord-orientali degli Stati Uniti e le province orientali del Canada. Sono stati avvistati per la prima volta nel 1919 vicino all’Ontario, in Canada. Questo coincide perfettamente con il periodo in cui sappiamo che i coyote occidentali hanno esteso il loro raggio verso est all’inizio del XX secolo, spostandosi dal Minnesota all’Ontario.

Un coyote orientale vicino a una telecamera nei boschi verdi.
Oltre a cacciare nelle pianure, possono trovare prede anche in aree boscose come i loro cugini lupi.
Immagine cortesia di Roland Kays

È probabile che alcuni di questi coyote migratori avessero già geni di lupo da precedenti ibridazioni nell’ovest degli Stati Uniti. Durante il XIX e l’inizio del XX secolo, le popolazioni di lupi nell’Ovest sono state decimate perché rappresentavano una minaccia per il bestiame. Privi di partner, i lupi hanno iniziato ad accoppiarsi di più con i coyote in espansione verso est. Quando gli ibridi coyote-lupo migranti sono arrivati nell’Est, si sono accoppiati con cani domestici, dando così origine al coyote orientale.

I coywolf sono una specie separata? La composizione genetica dei coywolf varia da regione a regione, ma sono approssimativamente il 60 percento coyote, il 30 percento lupo e il 10 percento cane, secondo uno studio del 2016. Poiché una parte significativa del loro genoma non è di coyote, alcuni scienziati sostengono che i coywolf dovrebbero essere definiti come una specie separata. Tuttavia, altri ricercatori sostengono che siano solo una sottospecie o una popolazione di coyote.

Tutte le popolazioni hanno la loro variazione genetica, inoltre c’è ancora flusso genico tra i coyote orientali e altri canidi, indicando che non sono ancora troppo distinti. Non c’è dubbio che ci sia un canide ibrido che vive nell’est degli Stati Uniti e che è il risultato di una straordinaria storia evolutiva che si sta svolgendo proprio sotto il nostro naso.

Tuttavia, questa non è una nuova specie, almeno non ancora, e non credo che dovremmo iniziare a chiamarla ‘coywolf’, ha scritto Roland Kays, professore di ricerca presso la North Carolina State University, in un articolo per The Conversation. Per ora, abbiamo il coyote orientale, un nuovo ed emozionante tipo di coyote in mezzo a una straordinaria transizione evolutiva. Chiamatelo una ‘sottospecie’ distinta, chiamatelo un ‘ecomorfo’, o chiamatelo con il suo nome scientifico Canis latrans var. Ma non chiamatelo una nuova specie, e per favore, non chiamatelo coywolf, ha aggiunto Kays.

Links:

L’articolo Il Coywolf: Il Misterioso Ibrido Canide dell’America del Nord Orientale sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top