Il comportamento omosessuale è più comune negli animali di quanto si pensi

Il comportamento omosessuale è molto più comune nel regno animale di quanto pensassimo inizialmente, ha scoperto una nuova ricerca.

Gli scienziati hanno scoperto che il 78% degli esperti di comportamento animale aveva osservato un certo grado di comportamento sessuale omosessuale negli animali durante la loro ricerca, secondo uno studio pubblicato sulla rivista PLOS ONE . Precedenti ricerche avevano stabilito che l’omosessualità è stata osservata in oltre 1.500 specie di animali di ogni ceto sociale, dai minuscoli insetti ad altri primati. “Il comportamento sessuale tra persone dello stesso sesso (SSSB) si verifica nella maggior parte dei cladi animali ed è definito come l’atto di impegnarsi in comportamenti sessuali, come il montaggio, l’intromissione e il contatto genitale-orale o manuale-genitale con membri dello stesso sesso”, dice il rapporto. hanno scritto i ricercatori nel nuovo articolo. “SSSB è stato oggetto di studio in alcune specie di primati e ungulati (ad esempio, nel cervo (Cervus spp.); nel bisonte americano (Bison bison); nei macachi giapponesi (Macaca fuscata)), ma è rimasto una priorità di ricerca bassa nel campo della biologia evoluzionistica.” Nel documento, i ricercatori descrivono come hanno intervistato 65 esperti di comportamento animale che avevano osservato animali sul campo, chiedendo se avessero visto qualche comportamento omosessuale nelle specie che stavano studiando. Hanno scoperto che c’erano 58 segnalazioni di comportamenti sessuali tra persone dello stesso sesso in 42 delle 54 specie individuali identificate, pari al 77,8%. “Le specie identificate come coinvolte nella SSSB dagli intervistati del sondaggio sono state confrontate con la letteratura esistente sulla SSSB nei mammiferi. Delle 44 specie uniche identificate come coinvolte nella SSSB nell’indagine, 17 (38,6%) non hanno rapporti pubblicati esistenti di SSSB a conoscenza di gli autori”, hanno scritto i ricercatori. Il 66,1% delle segnalazioni riguardava un montaggio sessuale maschio-maschio, mentre il contatto genitale maschio-maschio è stato osservato nel 35,7% delle specie e un montaggio sessuale femmina-femmina è stato osservato nel 39,3% dei casi. In numerosi casi sono stati osservati comportamenti sessuali tra persone dello stesso sesso, dai bisonti ai delfini, dai cigni ai pinguini. La SSSB sembra essere più comune nelle specie sociali che in quelle solitarie, ed è stata osservata nei maschi e nelle femmine con la stessa frequenza. Recentemente è stato scoperto che i macachi rhesus si impegnano in montaggi omosessuali più frequentemente di quanto tentassero di montare femmine, e uno studio sulle giraffe ha scoperto che fino al 94% di tutti gli montaggi sessuali avvenivano solo tra maschi. “La nostra indagine fornisce prove preliminari che la SSSB si verifica più frequentemente di quanto disponibile nei dati pubblicati. Sebbene molti degli esperti intervistati abbiano osservato la SSSB nelle specie studiate, meno della metà degli intervistati ha registrato dati al riguardo e una piccola percentuale di coloro che i dati registrati sono stati pubblicati su SSSB”, hanno scritto i ricercatori. I ricercatori hanno chiesto agli esperti perché non avevano registrato o pubblicato questi dati in quel momento e hanno scoperto tre ragioni generali: altre priorità di ricerca, il comportamento troppo raro per essere pubblicato o irrilevante per il loro particolare argomento di ricerca. “Con l’avanzare del campo del comportamento animale nel 21° secolo, i metodi che utilizzano approcci quantitativi, statistici e analitici sono stati favoriti rispetto a brevi resoconti narrativi o aneddotici. Ciò potrebbe essere dovuto a una presunta mancanza di vigore scientifico nei resoconti aneddotici o alla preoccupazione che i resoconti aneddotici lasciano spazio all’antropomorfismo”, ha scritto l’autore. Notano, tuttavia, che oltre l’80% degli intervistati ha studiato primati, il che potrebbe aver portato a segnalazioni di comportamenti sessuali tra persone dello stesso sesso più elevate del solito.

Il comportamento omosessuale è più comune negli animali di quanto si pensi

“I primatologi sono spesso interessati allo studio di comportamenti sociali complessi e potrebbero essere più propensi a osservare, raccogliere dati o pubblicare su SSSB rispetto ai ricercatori di altri campi”, hanno scritto i ricercatori. “La ricerca futura su questo argomento dovrebbe mirare a campionare gli ordini di mammiferi in modo uniforme per consentire una discussione più completa sulle tendenze di segnalazione per SSSB. “Inoltre, a causa delle dimensioni ridotte del campione dell’analisi, “i risultati di questa indagine dovrebbero servire come analisi preliminare delle tendenze di pubblicazione su SSSB”, hanno affermato i ricercatori. Tuttavia, i ricercatori notano che questo articolo evidenzia le idee sbagliate che circondano la rarità dell’SSSB in natura e come potrebbe essere molto più comune di quanto la letteratura possa far sembrare. “Mentre la frequenza della SSSB è stata percepita da molti dei nostri intervistati come una frequenza rara, è stata osservata dalla maggior parte degli intervistati e sembra essere comune in molti mammiferi. I risultati di questo studio evidenziano il ruolo fondamentale svolto dalle indagini di esperti nell’analisi dei dati poco pubblicati”. comportamenti in molti sottocampi dell’ecologia comportamentale,” hanno scritto.

L’articolo Il comportamento omosessuale è più comune negli animali di quanto si pensi sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top