Il ciclo solare e l’inversione dei poli del Sole

Il ciclo solare e l’inversione dei poli del Sole
Il Sole è particolarmente attivo in questo momento. (Osservatorio di dinamica solare della NASA)

Il Sole è particolarmente attivo al momento, scatenando potenti brillamenti solari e causando blackout radio sulla Terra. Tutto ciò fa parte di un ciclo di 11 anni durante il quale si verifica l’inversione dei poli del Sole.

L’attività solare aumenta e diminuisce in un ciclo di 11 anni noto come Ciclo di Schwabe. Dal 1826 al 1843, l’astronomo amatoriale tedesco Heinrich Schwabe osservò il Sole, scoprendo che ruota sul proprio asse una volta ogni 27 giorni. Si accorse che nel corso di 11 anni il Sole passa da periodi di quiete, in cui non si possono vedere macchie solari, alla fase massima in cui si possono vedere 20 o più gruppi di macchie solari.

Queste macchie solari sono causate dai cambiamenti nel campo magnetico del Sole, poiché l’equatore del Sole ruota più velocemente rispetto ai poli e mescola tutto.

“I campi magnetici del Sole si innalzano attraverso la zona di convezione ed eruttano attraverso la fotosfera nella cromosfera e corona”, spiega la La NASA spiega. “Le eruzioni portano all’attività solare, che include fenomeni come macchie solari, brillamenti, protuberanze e espulsioni di massa coronale”.

Il campo magnetico del Sole si inverte durante il ciclo, come avviene sulla Terra. Il ciclo può durare da otto a 14 anni. Durante il minimo solare, quando l’attività delle macchie solari è al minimo, un polo è carico positivamente e l’altro negativamente. molto più fluido di

“La struttura magnetica solare cambia nel corso del ciclo solare. Durante il minimo solare ha una struttura dipolare, in cui il flusso aperto si estende principalmente dalle regioni polari verso lo spazio interplanetario”, spiega un carta sull’argomento. 

Non rimane in quello stato dipolare per molto tempo, prima che la rotazione del Sole intrecci il suo campo magnetico, spingendo il ciclo. 

“Durante il massimo, si forma una struttura complessa con regioni attive a bassa latitudine”, continua l’articolo, “e campi polari indeboliti, che danno luogo a regioni di campo aperto diffuse”.

Quindi, in che punto del ciclo ci troviamo ora? Al momento, l’attività del Sole sta aumentando, e si prevede che il prossimo massimo solare avverrà tra gennaio e ottobre di quest’anno.

Tuttavia, un team ritiene di avere una previsione più accurata guardando qualcosa chiamata “eventi terminatori”. Il team ha osservato ciambelle magnetiche che si formano a 55 gradi di latitudine su entrambi gli emisferi del Sole. Queste formazioni migrano verso l’equatore dove si incontrano e si annullano a vicenda, cosa che il team ha chiamato un terminatore del ciclo di Hale (due cicli solari).

Questo evento terminatore tende a verificarsi fino a due anni dopo il minimo, e concentrandosi su questi eventi, il team credeva di poter fare previsioni migliori sui cicli solari.

“Se si misura quanto dura un ciclo, non dal minimo al minimo, ma dal terminatore al terminatore, si può osservare che c’è una forte relazione lineare tra la durata di un ciclo e la sua intensità”, ha detto il ricercatore della NASA Robert Leamon a Space.com.

Utilizzando questi metodi, prevedono che il campo magnetico si invertirà a metà del 2024, qualche mese prima del massimo solare.

L’articolo Il ciclo solare e l’inversione dei poli del Sole sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top