I teschi ricoperti di gesso nel Neolitico: un mistero millenario

I teschi ricoperti di gesso nel Neolitico: un mistero millenario
Il famoso Teschio di Gerico includeva conchiglie come occhi. (Zunkir via Wikimedia Commons (CC BY-SA 4.0))

Circa 9.000 anni fa, durante quello che è conosciuto come il Neolitico Pre-Ceramico, gli antichi abitanti del Medio Oriente svilupparono l’insolita abitudine di ricoprire di gesso i teschi dei loro morti. Spesso, questi teschi rivestiti venivano poi decorati con pigmenti colorati e altri ornamenti per renderli più simili alla vita, anche se gli storici non sono sicuri del perché e del come questa strana pratica sia nata.

I primi teschi neolitici ricoperti di gesso furono scoperti nella città palestinese di Gerico nel 1953 dall’archeologa Kathleen Kenyon. Rivestiti di maschere di gesso colorato, questi resti avevano anche conchiglie inserite nelle cavità degli occhi, presumibilmente nel tentativo di ricreare gli occhi dei proprietari originali dei teschi.

Sono stati trovati esempi simili in siti approssimativamente contemporanei in tutto il Levante e l’Anatolia, anche se le interpretazioni di questa sorprendente pratica funeraria variano. La spiegazione più popolare è che i teschi venivano dotati di maschere di gesso per riportarli in vita e che gli oggetti venivano poi venerati come figure ancestrali.

Approfondendo i molti misteri che circondano questi antichi teschi, i ricercatori hanno condotto analisi dettagliate su sette teschi ricoperti di gesso trovati sul sito archeologico di Tepecik-Çiftlik in Turchia. Presentando i loro risultati in uno studio recente, gli autori spiegano che i teschi appartengono a sei giovani adulti e un bambino, suggerendo che individui giovani potrebbero essere stati scelti appositamente per questa interessante tradizione.

Come per gli altri teschi ricoperti di gesso, questi resti erano rivestiti con un materiale che era stato tingito con una serie di pigmenti. Identificando agenti coloranti tra cui azurite e goethite, gli autori dello studio notano la presenza di tonalità rosse e blu nelle maschere di gesso.

“Sono stati utilizzati pigmenti selezionati per creare un aspetto più drammatico”, scrivono i ricercatori. Nonostante i teschi di Tepecik-Çiftlik non abbiano ornamenti come conchiglie per gli occhi, gli autori insistono sul fatto che questi risultati sono coerenti con altri esempi e “corrispondono a una comune ‘abilità’ che probabilmente è stata trasmessa attraverso una cultura orale comune”.

Forse ancora più interessante, i ricercatori hanno anche scoperto che i teschi ricoperti di gesso erano di diversi centinaia di anni più vecchi delle tombe in cui erano sepolti, indicando che erano stati utilizzati per un certo periodo di tempo prima di essere infine sepolti. “Questi risultati possono essere considerati indicativi di un indizio sull’uso a lungo termine di teschi e crani ricoperti di gesso da parte della comunità”, scrivono gli autori.

Durante il loro lungo periodo di utilizzo, i teschi ricoperti di gesso probabilmente richiedevano diversi ritocchi e rinnovamenti. Evidenze di ciò possono essere osservate in alcuni dei teschi di Tepecik-Çiftlik, che presentano naso che sembrano essere stati realizzati dopo che la maschera principale era stata completata.

Altre scoperte, tra cui segni di taglio sulle ossa stesse, “forniscono prove concrete che i tessuti molli dei teschi di individui selezionati sono stati rimossi prima dell’inizio del processo di gessatura”.

Tuttavia, nonostante fornisca alcuni interessanti spunti sulla storia di questi incredibili manufatti, gli autori dello studio non sono in grado di rivelare perché i teschi fossero ricoperti di gesso o come fossero utilizzati.

Lo studio è pubblicato nel Journal of Archaeological Science: Reports.

L’articolo I teschi ricoperti di gesso nel Neolitico: un mistero millenario sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top